Archivio mensile:ottobre 2013

SAM_1375

Elf Stipple Brush, review

Buonasera fanciulle,

eccomi con una nuova review. Oggi vorrei parlarvi del pennello Elf Stipple Brush che ho acquistato quest’estate (qui potrete vedere il video Haul), ovvero del duo-fibre della linea Studio.

SAM_1375

Premetto, innanzi tutto, che gli acquisti Elf si possono fare esclusivamente attraverso il  loro sito internet e che troverete un’ampia gamma di prodotti divisi per categorie; la linea base (dal packaging sicuramente meno curato) costa per lo più € 1,70, la linea minerale (con prezzi vari) e, infine, la linea studio (che dovrebbe essere quella più professionale) dall’inconfondibile packaging nero ed elegante (quasi tutti i prodotti di questa linea costano € 4,50).

Il pennello vi arriverà dentro una bustina di trasparente e protetto da un brush-guard di plastica che renderanno la forma delle setole un po’ appiattita, ma basterà qualche lavaggio affinchè diventi perfettamente rotondo. Queste protezioni, inoltre, diventano utili in caso di viaggi per proteggere le setole del pennello.

Tutti i pennelli della linea studio di Elf sono realizzati con la fibra sintetica Taklon (quindi adatti anche ai vegani).

La caratteristica principale dei pennelli a doppia fibra è la presenza di setole sia nere che bianche che, oltre alla scarsa densità, rendono possibile un’applicazione quasi aerografata dei prodotti, quindi molto leggera.

Quest’estate, approfittando di un’offerta a spese di spedizione gratuite (spesso sul sito ci sono promozioni con sconti anche sui prodotti), ho acquistato questo pennello duo-fibre da utilizzare col fondotinta compatto di Avene (presto ve ne farò una review 😉 ) per avere un effetto più leggero e meno coprente sulla pelle.

Devo ammettere che, nell’applicazione del fondotinta compatto, il pennello mi ha perso qualche setola di colore nera (che si è incastrata nel prodotto 🙁 ) e qualcuna continua ancora a perderla; nel complesso però, considerato il prezzo di € 4,50 (spesso in offerta) e la sua incredibile morbidezza, non posso che promuoverlo. Inoltre, pur avendolo lavato già molte volte con una semplice saponetta (penso di farvi presto anche un post sulla pulizia dei miei pennelli), non ha mai perso il colore nero nè la sua morbidezza. La sua struttura, infine, è molto solida e il manico ben curato.

Rimangono, però, gli inconvenienti dell’acquisto su internet e della frequente assenza di questo prodotto dal catalogo Elf per sold-out.

E’ un prodotto economico, che sicuramente non può essere paragonato a marche professionali hight cost, ma che per un uso “amatoriale” è più che consigliato, soprattutto considerando le scarse e poco allettanti alternative a prezzi simili!

Con questo è tutto, alla prossima review!

 

 

20131026_210411

Haul del sabato pomeriggio in centro…

Buonasera a tutte ragazze!

Quali sono i due nemici principali di un periodo di smaltimento e austerity? Il 20% di sconto da Kiko (se ancora non ne avete approfittato, affrettatevi…è sufficiente mettere “mi piace” alla pagina Facebook dell’azienda per ricevere lo sconto!) e lo stand della Essence quasi completamente fornito.

20131026_210411

Era da tempo che giravo intorno ai nuovi rossetti entrati a far parte della linea permanente della Essence, ma ogni volta trovavo l’espositore vuoto (e in un certo senso mi rincuoravo per l’evitata spesa); oggi, invece, complice un pomeriggio soleggiato e una passeggiata in centro con un’amica, i rossetti c’erano tutti e così ne ho approfittato acquistando il numero 09 Wear Berries, un rosa con sottotono freddo leggermente violaceo (stay tuned per lo swatch e una prima impressione di utilizzo). Costo € 2,89.

20131026_210530

Sono poi entrata nello store Kiko, semplicemente per dare un’occhiata e con il buon proposito di far scadere lo sconto del 20% senza approfittarne; poi mi sono messa (sempre con la mia amica, ovviamente 😉 ) a swatchare tutti i nuovi ombretti Infinity e alla fine ho ceduto all’acquisto del numero 219 Rosa metallico. Prezzo intero € 4,90, scontato €3,92.

20131026_210440

Ovviamente non ho acquistato alcuna palette (sebbene la commessa, alla cassa, volesse propinarmela), ma intendo utilizzarlo così com’è, con il suo coperchietto di plastica; effettivamente ho il terrore di fare pasticci e di frantumarlo, ma per il momento va bene così.

Anche di questo acquisto non ho ancora fatto gli swatch (le luci della sera non mi aiuterebbero), ma presto integrerò con un nuovo articolo!

E voi, cosa avete acquistato di bello in questo periodo? Per me, ora, basta…dovrò realmente rimandare ulteriori acquisti a smaltimento ultimato!

20131025_153536

My Top 5 “Take that, McGyver!” Products #dramatag

Questa volta sono terribilmente in ritardo con i #dramatag, così provvedo subito a portarmi avanti di uno e a parlarvi dei miei prodotti multitasking, ovvero dei My Top 5 “Take that, McGyver!” Products.

Prima, doverosa, premessa riguarda il geniale titolo del Tag, per il quale faccio il mio *chapeau* a Drama 😉

Concentrandoci, invece, sul fulcro del Tag, bisogna elencare 5 prodotti poliedrici (“coltellini svizzeri” come li chiama Drama), che si prestino a svariati utilizzi.

I miei prodotti multi uso, nascono in genere da due fattori scatenanti:

– sono così belli che riesco ad utilizzarli in mille modi differenti e rimangono sempre dei prodotti meravigliosi;

– non mi piacciono affatto e, pur di finirli, li riciclo per altri scopi.

20131025_153536

Nella prima categoria rientrano sicuramente i Soul Color Astra (io ne possiedo solo uno in realtà, il numero 8); sono ombretti cremosi e pigmentatissimi che durano tantissimo utilizzati come base per ombretti in polvere, come ombretti veri e propri (da soli) o come eyeliner; il mio colore scuro e riflessato, poi, si presta perfettamente a quest’ultimo utilizzo.

Rimaniamo sugli ombretti, ma cambiamo brand: Kiko. Vi avevo mostrato in questo post l’ombretto numero 121 acquistato in saldo; ebbene, lo utilizzo con soddisfazione nella piega dell’occhio per sfumare colori chiari (pelli abbronzate: astenetevi! E’ molto chiaro e si vede poco perfino sulla mia carnagione pallidissima) e sotto gli zigomi, per un contouring molto delicato e chiaro, ma d’effetto 😉 L’avevo acquistato in saldo a 2,90 €, quindi doppia soddisfazione per un prodotto multitasking così economico!

Ora possiamo già passare alla seconda categoria…

Il prossimo prodotto è una Sòla cosmetica con la S maiuscola: l’ombretto Essence numero 22 Blockbuster. Credevo fosse un bellissimo bianco panna matte da utilizzare in trucchi sofisticati e, invece, mi sono ritrovata con un ombretto per nulla scrivente, anzi, del tutto inesistente. Siccome odio gettare via i prodotti intatti, lo utilizzo come cipria per il contorno occhi per fissare il correttore. Anche per questo scopo non mi fa impazzire, ma in qualche modo dovrò pur utilizzarlo! Fortunatamente mi era costato poco.

Allontaniamoci di poco e parliamo di un altro ombretto in polvere Essence (tranquille, ho finalmente capito che non vado d’accordo con questo prodotto e non ne ho più acquistati 😉 ), il numero 55; il colore è un arancio/corallo con riflessi dorati molto pigmentato, che però mi sta malissimo sugli occhi così ho deciso di utilizzarlo come blush. Decisamente meglio così, anzi, vi dirò che mi piace parecchio!

Ed eccoci arrivati all’ultimo prodotto, che però non è make-up….puntini di sospensione per creare un po’ di suspance…il re del riciclo è proprio lui il balsamo per le labbra di Erbario Toscano; già nella review vi avevo accennato la delusione che avevo provato utilizzando questo prodotto e così sono riuscita ad utilizzarlo come balsamo idratante per unghie e cuticole e, anche questa volta, mai riutilizzo è stato più apprezzato: applicato la sera quando guardo la tv o leggo un libro, ha contribuito ad idratare alla perfezione le mie odiatissime cuticole, senza l’inconveniente dell’olio che cola da tutte le parti. Il balsamo rimane ben saldo e fermo al suo posto, fino al completo assorbimento.

Ecco, infine tutti gli swatch; purtroppo non vedrete nulla dell’ombretto 22 di Essence perchè è davvero trasparente e per nulla pigmentato, quindi mi risulta difficile catturarlo con la macchina fotografica! E, del resto, anche la luce pessima di oggi non mi ha aiutata…

20131025_153715

Ebbene, questi erano i miei prodotti McGyver, o per meglio dire, i prodotti a cui ho dato nuova vita con utilizzi alternativi 😉

Qui potete trovare anche le mie risposte ai precedenti Dramatag: I’m late/ I’cant be bothered productsMy top 5 Va va voom! ProductsMy top 5 Sunny-Cheeks Products.

Alla prossima…ciao a tutte e buon fine settimana!

20131021_215950

Piccolo progetto di smaltimento…

E’ proprio vero, ogni make-up addicted ha i suoi “cadaveri” nella collezione, ovvero quei prodotti che non danno segni di cedimento e che sembrano rigenerarsi durante la notte; spesso sono prodotti anche carini, ma che sono stati soppiantati da altri più nuovi e più “di moda”, altre volte (e qui il gioco si fa duro…) sono odiatissimi e non si desidererebbe altro che finirli.

Dunque inizia il mio piccolo progetto di smaltimento per liberarmi ehm, terminare tre prodotti che stanno per scadere e che non mi va di gettare via integri.

20131021_215950

Il primo a sinistra è un ombretto che ho depottato da non so più dove un anno fa, in preda alla furia di crearmi palette personalizzate. Furba come sono non ho lasciato nè un nome nè una marca, quindi non so dirvi da dove venga. So però che lo possiedo da almeno tre anni, quindi è arrivato il momento di dargli degna fine. Il colore non è nemmeno male, ricorda lontanamente Satin Taupe di MAC, dunque è un colore grigio/talpa/marrone. La pigmentazione è buona e la durata (con un primer sotto) anche.

Il secondo prodotto è il gel eyeliner Essence in London Baby; mi è sempre piaciuto molto e non saprei dire perchè l’ho accantonato in un angolo del mio cassetto. Sta di fatto che sta per seccarsi e vorrei terminarlo prima di allora.

Infine, eccola lì… la Hollywood di Neve Cosmetics, la cipria più longeva del mondo, porca miseria! Non mi piace, non mi opacizza e non vedo l’ora di terminarla! Su di lei non c’è dubbio alcuno: si rigenera. Non è possibile che una mini size duri così tanto pur utilizzandola ogni giorno, è un fatto che sovverte le normali regole della fisica. Basta, deve andarsene…o lei o me 😉

Ho anche elaborato un piano strategico di smaltimento: utilizzerò questi prodotti tutte le mattine prima di andare al lavoro; li smaltirò con un uso quotidiano, proprio nel momento in cui mi metto sugli occhi le prime cose che capitano in preda al sonno e al nervosismo per la sveglia presto. Sono colori (l’ombretto e l’eyeliner) anche facilmente abbinabili tra loro, quindi il risultato non è malaccio.

Ci rivediamo qui tra un paio di settimane per monitorare i progressi nello smaltimento 😉 E se sarò abbastanza brava, terminati questi cadaveri prodotti, mi concentrerò su altri, nella speranza di fare un po’ di pulizia nella mia make-up collection 😉

punto-interrogativo1

AAA – ombretto bronzo rosato cercasi…ho bisogno delle vostre segnalazioni!

Buongiorno ragazze!

Il post di oggi sarà un disperato tentativo del vostro aiuto…make-up addicted all’ascolto (alla lettura, nel caso specifico 😉 ) venite qui!

Ieri sera, al pub, ho avuto il piacere di chiacchierare con una ragazza che indossava un ombretto stupendo e oggi mi sono svegliata con la voglia di trovare qualcosa di simile… purtroppo non avevo abbastanza confidenza da chiederle direttamente che colore fosse quello che vedevo sulle sue palpebre e così chiedo a voi se conoscete un ombretto così.

L’unica descrizione che posso fornirvi è che il colore era un bronzo rosato, oppure un rosa bronzato…. insomma, un color bronzo che, colpito dalla luce, si trasformava in un rosa molto caldo.

Avete mai visto un ombretto simile? Conoscete un colore del genere da consigliarmi?

Nel frattempo cercherò di ottenere maggior confidenza con questa ragazza, in modo da chiederle (le prossime volte) il nome del prodotto 😉

Mi raccomando, aspetto i vostri commenti…consigliatemi ragazze, consigliatemi 🙂

Un bacione!

20131019_162418

Essence Liquid Ink eyeliner waterproof – Review

Buon sabato a tutte fanciulle!

Oggi vorrei parlarvi di una tipologia di prodotto che adoro: gli eyeliner. E’ stato il primo oggetto di make up che ho iniziato ad utilizzare nell’adolescenza (lo so, dovrebbe essere uno dei più complicati da applicare, ma, come si suol dire, chi ben comincia è a metà dell’opera… 😉 ) ed è ancora quello che compro con più soddisfazione. Adoro vedere il mio occhio contornato da una riga di questo cosmetico, credo che lo renda molto seducente e accattivante.

Io ho sempre utilizzato gli eyeliner liquidi con applicatore in feltro, mentre qualche anno fa mi ero adagiata sulla comodità di quelli in gel (che, essendo più solidi, se già avete un minimo di manualità, sono molto più facili da applicare!) che però non mi soddisfano tantissimo e continuo a preferire quelli liquidi che ritengo essere più intensi.

Spinta dal mio amore per questa tipologia di prodotto, sono caduta nell’acquisto dell’Eyeliner liquid ink waterproof di Essence. 

20131019_162418

Il packaging è nero e con tappo celeste, contiene 3 ml di prodotto con pao di 6 mesi e costa circa 3 euro. In genere preferisco sempre acquistare gli eyeliner waterproof o a lunga tenuta per evitare l’inconveniente della riga che si stampa (a mia insaputa, purtroppo!) in modo antiestetico sulla palpebra superiore fissa.

La prima cosa che devo dire di questo prodotto è che ho il dubbio di avere acquistato una confezione già aperta; ecco, ci risiamo…un altro prodotto Essence inesorabilmente saccheggiato e vandalizzato! Infatti ho notato subito del prodotto secco sui bordi del tappo,  cosa che dovrebbe capitare aprendo la confezione (non mi ripeto nuovamente cercando di insegnare la morale a quelle ragazze che aprono prodotti che poi non comprano, ma dico solo che questo è un atteggiamento altamente maleducato!). Il prodotto comunque non sembra essersi danneggiato ed è ancora bello liquido anche dopo qualche mese di utilizzo.

Il tratto è molto intenso e il colore ben pigmentato: la riga sarà lucida nei primi minuti di applicazione, poi diventerà opaca ma molto nera.

20131019_162655

La durata è molto alta: non ho mai riscontrato sbavature, nè trasferimenti di colore sulla palpebra fissa, ma non mi sento di dire che sia davvero waterproof, in quanto riesco a struccarlo con la mia adorata acqua micellare Bioderma, senza insistere più di tanto. Preciso, inoltre, che il prodotto si strucca in modo uniforme, senza venire via a pezzettini come altri suoi colleghi 😉

L’applicatore è in setole e qui cominciano i difetti: questi tanti peletti tutti vicini sono, a mio avviso, troppo lunghi per essere precisi; il tratto, infatti, tende ad essere un po’ più spesso di quello che si potrebbe ottenere con un applicatore a feltro conico.

20131019_162635

Il riduttore iniziale (quello che, posto nell’imboccatura iniziale del flacone, serve ad evitare di prendere troppo prodotto) è troppo stretto e per tirare fuori il pennellino bisogna esercitare molta forza, col risultato che, alla fine, il prodotto schizza ovunque. Diverse volte sono stata costretta a rifare la base per gli schizzi provocati da questo eyeliner.

Infine, ma questo non è un vero e proprio difetto, avrei preferito una pallina all’interno del flacone per permettermi di agitare meglio il prodotto.

Tirando le conclusioni, dunque, questo è un eyeliner molto economico, che mi sento di consigliare a persone che amano i tratti spessi e non troppo precisi; per il prezzo che ha (solo 3 euro) e la durata sulla palpebra è un prodotto comunque accettabile. Ma se amate la precisione e la facilità di utilizzo, allora vi consiglio di orientarvi su altro 😉

Alla prossima review…ciao a tutte!

 

20131015_094102

Chiacchieriamo un po’…pazzi per le offerte sì o pazzi per le offerte no?

Eccoci con un altro appuntamento con la rubrica “chiacchieriamo un po’”!

Oggi una piccola riflessione su un fenomeno che sta prendendo il via a casa mia, l’accattonaggio, se così possiamo chiamarlo.

Non so se vi è capitato di guardare quel programma televisivo in cui le persone (americane) riescono a fare la spesa gratis (o quasi) utilizzando coupon e che adibiscono stanze della casa a magazzino per contenere le scorte interminabili di prodotti messi nel carrello per il solo fatto che “costavano poco”.

Hanno nelle loro cantine dei veri e propri arsenali di bagnoschiuma, dentifrici o salse di pomodoro che non termineranno (probabilmente) nemmeno in una vita intera.

Qui da noi non è possibile fare la spesa utilizzando questi coupon al posto del denaro, però noto che l’accaparramento ha preso piede sempre di più e che anche io ne sono vittima.

Mi ritrovo a consultare con foga i volantini delle offerte e a comprare prodotti che al momento non mi servono per il solo fatto che sono in offerta, in base al principio che prima o poi mi serviranno e tanto vale acquistarli ora che costano meno.

Così comincio a ritrovarmi scorte di shampoo (perché due erano al prezzo di uno), di balsami per capelli (costa così poco? Compriamolo!), di bagnoschiuma (tanto le docce in estate vanno come il pane) o di detergenti intimi (qui preferisco non puntualizzare). In un periodo di crisi sembra che le società ci stiano invogliando così agli acquisti: prendiamoli per le offerte!

E nonostante la scatola delle mie strisce depilatorie per il viso sia ancora quasi intatta, ne ho comprata un’altra perché da Tigotà costava solamente 2,99 € ed è stata momentaneamente accantonata nell’armadietto del bagno insieme ad altre scorte. Per non parlare dei bagnoschiuma profumatissimi in offerta a soli 1,90 €….

Quando finirò tutti questi prodotti accumulati? Mah, forse mai! E se facessi il conto di tutte queste scorte che ho acquistato perché in offerta e che ho accumulato nell’armadietto in attesa di utilizzarli, beh, forse avrei risparmiato di più ad acquistare i prodotti al bisogno, anche senza offerte.

Sembra essere in un circolo vizioso, una volta entrati in questo tunnel del risparmio/accumulo è difficile uscirne.

E voi, siete pazzi per le offerte? Anche voi, come me, preferite accantonare i prodotti ma comprarli a qualche euro in meno?

Aspetto con ansia le vostre opinioni a riguardo!

20130718_180005

Blush H&M numero 18, Sweet Rose – Review

Buon sabato a tutte fanciulle!

Inizio subito chiedendo perdono per la mia scarsa presenza sul blog (così come sul mio canale YT), ma purtroppo al lavoro mi hanno revocato, per tutto il mese e forse anche il prossimo, l’orario part-time e e così il tempo libero a mia disposizione è drasticamente diminuito. Ma continuo a dedicare a me e alle mie passioni il fine settimana, quindi eccomi qui con una nuova recensione.

Dopo più di due mesi di utilizzo costante sono pronta a recensirvi il Blush H&M (che vi avevo mostrato qui nel post Haul) nella colorazione numero 18 Sweet Rose.

20130718_180005

Dopo esserci passata davanti numerose volte, avevo ceduto all’acquisto di questo prodotto (per una malata di blushite come me era inevitabile che prima o poi sarebbe successo! 😉 ) molto economico: 3,95 € per 7,2 grammi di contenuto.

Il blush è in polvere pressata e la confezione è semplice (senza specchietti), in una plastica resistente ma di facile apertura (adoro i blush della Sleek, ma odio le loro confezioni che mi sbeccano lo smalto per quanto sono difficoltose da aprire!). Il prodotto, all’acquisto, è sigillato da una’adesivo che ne garantisce l’integrità (differentemente dai prodotti Essence) e racchiuso in un’altra scatoletta di plastica trasparente.

20130718_175833

Questo fard è diventato l’unico esemplare che utilizzo al mattino prima di andare al lavoro; innanzi tutto è ben pigmentato ma non in modo eccessivo (nella fretta e nello stordimento tipico del mattino non rischio di far danni), leggermente satinato e di un colore bellissimo che regala subito un’aria sana alle guance.

20130718_180043

20130718_180025

 

 

 

 

 

 

 

 

La durata è ottima, ma su questo punto io sono abbastanza fortunata in quanto quasi tutti i blush rimangono sul mio viso fino a sera (ovviamente non pigmentati come erano al mattino, ma non mi lamento 😉 ).

Si sfuma facilmente (allo scopo uso sempre il pennello angolato della Essence) e non è troppo polveroso, particolare non da sottovalutare considerando il prezzo economico del prodotto!

In conclusione mi sento davvero di consigliarvelo se siete alla ricerca di un blush da tutti i giorni che non costi molto e che sia facilmente reperibile.

E voi, avete un blush “da tutti i giorni”? E avete mai provato questi di H&M?

Ciao a tutti!

 

20131001_175117

Prodotti finiti di settembre!

Buonasera fanciulle!

Eccomi con un nuovo post, oggi vi parlerò dei prodotti che sono riuscita a terminare nello scorso mese; non sono molti, avrei potuto impegnarmi di più, e tra l’altro non sono riuscita (di nuovo) a finire prodotti di make-up, ma prossimo mese sarò più diligente!

Bando alle ciance, veniamo ai miei vuoti!

20131001_175117

Equilibra dentifricio Aloe Gel effetto sbiancante; questo dentifricio mi piace veramente tanto e l’avevo acquistato in offerta ad 1,99 € da Tigotà, ma purtroppo non l’ho più trovato. L’effetto sbiancante, effettivamente c’è, fa una bella schiuma e ha un gradevolo gusto fresco alla menta. Promossissimo!

Neutrogena Crema mani; adoro questo prodotto, è un vero portento per le mie mani secche e che si spaccano già ai primi freddi. E’ uno di quei prodotti che non mancano mai nella mia routine quotidiana e ora che sto provando a terminare altre creme che mi erano state regalate al compleanno, ne sento la mancanza, ho già delle abrasioni in prossimità delle giunture. Non vedo l’ora di ricomprarla, quindi per me è promossa a pieni voti!

Eau pure Carrefour; questa bomboletta spray è una sorta di acqua termale che avevo acquistato in un supermercato francese per pochi centesimi di euro. E’ davvero ottima, soprattutto considerando il prezzo economico; peccato che non sia destinata al commercio italiano (mi ero informata addirittura chiamando il servizio clienti), ma che sia reperibile solamente oltr’Alpe. Ne ho ancora una confezione da finire, poi piangerò tantissimo la loro assenza.

Nivea Idratante Express Corpo; questa crema ha cambiato, ultimamente, il packaging, ma nel contenuto penso che sia sempre uguale. L’ho odiata tantissimo e ho fatto realmente fatica a terminarla. Innanzi tutto contiene alchool al suo interno e posso assicurarvi che si sente, soprattutto subito dopo la depilazione con silk-epil o cerette (quanto brucia!). Non idrata abbastanza e rimane appiccicosa sulla pelle (soprattutto quando ci si veste subito dopo), davvero un pessimo prodotto che non ricomprerò più!

La Roche Posay, Hydrafase Intense Yeux; questo contorno occhi può essere descritto in due parole: “acqua fresca”. Può essere piacevole in estate in quanto è leggero e di facile assorbimento, ma al lato pratico non svolge nessuna funzione, nemmeno quella idratante! Potrei riacquistarlo in estate solo per l’effetto rinfrescante, ma non vale i 17 € che costa, quindi mi sento di sconsigliarlo.

– vecchissima matita occhi nera (non si legge nemmeno più la marca e nemmeno la ricordo), che ha fatto il suo corso e che ha superato abbondantemente il PAO, quindi la saluto!

I Provenzali stick labbra alla mandorla; è un ottimo prodotto, facilmente reperibile e non troppo costoso. Ultimamente, però, creava una patina bianca sulle mie labbra, quindi ora proverò dell’altro, ma non escludo di ritornare a lui prima o poi!

Saponetta al limone e verbena proveniente da un negozio (le Savon de Marseille, se non erro) che ha aperto in una via centrale della mia città; ottimo davvero, ha mantenuto fino all’ultimo la sua fragranza fresca e piacevole (adoro i profumi agrumati). La ricomprerò non appena avrò terminato qualche scorta.

Bene ragazze, questi erano tutti i miei prodotti terminati a settembre; non sono molti, ma pian piano lo smaltimento va avanti!

E voi, cosa avete finito durante il mese?

Un bacione!

20130922_124043

Mascara Essence Get Big! Lashes Volume Boost – Review

Buon pomeriggio a tutte ragazze!

Eccomi ritornata, finalmente, tra le pagine virtuali del mio blog…purtroppo tra il lavoro e la tesi, il tempo libero a mia disposizione è drasticamente diminuito, ma devo resistere ancora per qualche mese, dopo la laurea sarò più libera.

Preambolo a parte, oggi vorrei recensire un prodotto della Essence, Get Big! Lashes Volume Boost Mascara. L’avevo acquistato spinta da una review positiva di Clio e questa è stata la mia prima esperienza con un mascara Essence (dopo di che proverò con il famosissimo I Love Extreme 😉 ).

20130922_124043

 

 

20130922_124108Innanzi tutto ci sono da fare delle doverose premesse: per prima cosa non ricordo il prezzo esatto del prodotto (che per una blogger è una cosa veramente grave!), ma vi posso dire che si aggira intorno ai 3 € (3,29? Controllerò e modificherò senza dubbio il post per completezza!).

La seconda premessa riguarda il punto esclamativo posto nel nome del prodotto, che ultimamente sembra andare molto di moda tra le case cosmetiche (come non menzionare la linea Fit Me! di Maybelline?), come fosse un’accento sulla qualità del prodotto. Ultima doverosa puntualizzazione riguarda i prodotti Essence in generale e ancora di più i mascara: dovrete essere fortunate e trovare una confezione che non sia stata aperta in modo villano (ebbene sì, a mio avviso aprire le confezioni che poi non si acquistano è un atteggiamento molto maleducato!) e non abbia subito alterazioni del contenuto.

Dopo questo lungo panegirico, torniamo a noi e parliamo del prodotto in sè.

– la consistenza è ottima, nè troppo densa, nè troppo pastosa;

– pur avendolo aperto da diverso tempo non si è ancora seccato;

– lo scovolino è abbasanza grosso, quindi bisogna prestare molta attenzione (quando applicate il mascara) a non sporcare il trucco della palpebra;

– l’effetto sulle ciglia non è affatto male, le allunga in modo visibile, ma non le infoltisce (non dovrebbe chiamarsi Volume Boost? Mah, i misteri legati al nome del prodotto si infittiscono…)

– tende ad appiccicare un po’ le ciglia tra di loro, è necessario pettinarle con uno scovolino pulito dopo l’applicazione del mascara;

– non si sgretola affatto (odio i mascara che dopo qualche ora si depositano sul mio contorno occhi!) e dura molte ore intatto: lo applico al mattino prima di andare al lavoro e nel tardo pomeriggio è ancora lì intatto!

– si strucca molto facilmente con l’acqua micellare Bioderma, mentre ho riscontrato qualche difficoltà con un bifasico, ma credo che il problema riguardi lo struccante (che sto ancora testando).

Bene, questi erano i punti salienti della mia recensione, ora vi metto qualche foto dell’applicazione, precisandovi di non prestare molta attenzione alle occhiaie (diamo la colpa all’ombra delle luci :-P)

Come vedete dal confronto tra le foto dei due occhi, l’effetto di questo mascara non è affatto male, soprattutto se considerate il prezzo irrisorio del prodotto!

In conclusione mi sento davvero di consigliarlo, per 3 € e pochi spicci è un prodotto assolutamente valido!

Ora qualche dato tecnico: il PAO è di 6 mesi (standard per i mascara) e contiene 12 ml di prodotto.

Ciao a tutte!

20131004_194521

occhio con mascara

20131004_194728

occhio senza mascara

20131004_194620

occhio con mascara

20131004_194752

occhio senza mascara