Archivio mensile:marzo 2015

SAM_1884

Cosmoprof 2015 #1. Le novità dei brand e le mie impressioni.

Quest’anno ho deciso di dedicare un po’ di attenzioni in più al post sul Cosmoprof. Ho avuto la fortuna di entrarci come addetta stampa, dunque credo sia giusto e corretto spendere qualche parola sulle mie impressioni. Oggi comincerò a parlarvi delle novità che ho visto nei vari stand e sulle mie considerazioni generali sulla fiera.

Una delle domande più gettonate è: regalavano tanti campioncini? Sì e no. Teniamo conto che il Cosmoprof nasce per gli “addetti ai lavori”, dunque a professionisti nei settori della cosmetica, della profumeria e dei capelli. Dunque è più che altro una grande vetrina, nella quale i produttori cercano acquirenti e distributori. Ragion per cui i campioncini o i prodotti prova vengono più che altro destinati a possibili rivenditori, non ai consumatori finali. Giusto o sbagliato che sia, questa è la vera natura della fiera e bisogna sempre tenerla in considerazione. Detto questo, vi assicuro che molti stand mettono a disposizione di chiunque sample e taglie omaggio. nel prossimo post vi parlerò dei miei acquisti e di ciò che ho ricevuto gratis, in quanto blogger.

Quella di quest’anno è stata la mia seconda volta al Cosmoprof. Mi sono pentita di esserci andata? Nemmeno un po’. Lo rifarei? Certo, senza dubbio. E’ un’esperienza devastante dal punto di vista fisico (preparatevi a camminare molto, mangiare poco e ad avere male ai piedi), ma altamente soddisfacente. Per chi ama la cosmetica, è un’occasione imperdibile per ammirare novità, prodotti in uscita e stand carichi di prodotti. Purtroppo non tutti gli stand vendono (il discorso che ho fatto prima, circa il pubblico della fiera, si ripete), o almeno non fino all’ultimo giorno. Vi posso assicurare che ho lasciato il cuore su mille cose, senza aver la possibilità  portarmele a casa.

Ora parto col raccontarvi  le novità di alcuni stand che mi hanno incuriosita particolarmente.

20150321_142947

Zoeva. La nuova linea di pennelli Bamboo è qualcosa di stupendo, sarei stata ore ad accarezzarli. Per non parlare delle palette e dei blush, pigmentatissimi e superlativi.

20150321_142937

Makeup Revolution. Ho potuto ammirare uno stand intonso, pieno di tutti i prodotti che fin’ora avevo visto solo sul web. Non ho, però, visto grandissime novità. I prezzi (seppure non vendessero al pubblico, i prezzi erano comunque indicati), mi sembravano un po’ più alti rispetto a quelli di BB Cream Italia.

20150321_142520

Nyx. Ormai saprete tutti della novità fatta trapelare proprio in occasione del Cosmoprof: presto avremo stand monomarca anche i Italia!

20150321_120841

20150321_120700

Catrice. In questo stand ho potuto ammirare le novità più rilevanti (che chissà quando arriveranno da noi!). Innanzi tutto hanno lanciato in linea permanente dei rossetti matte bellissimi e pigmentatissimi. Per non parlare del nuovo blush ad intreccio che ho trovato delizioso e ben pigmentato. Ho visto poi una nuova base ombretto che sono davvero curiosa di provare.

20150321_120708

Gosh. Pare che questo brand stia tentando di ampliare i suoi rivenditori anche in Italia (speriamo! aggiungerei). Il brand si è uniformato alla moda del periodo e ha lanciato rossetti matte e fondotinta liquidi. La cosa che, però, più mi ha lasciata estasiata è la linea di matitoni ombretto metallici: stupendi!

L’Erbolario. In uscita la nuova linea alle bacche di Goji, dedicata alle pelli più mature. Sarà una linea completa, che andrà dalla crema viso al profumo. Gli ingredienti dovrebbero essere totalmente naturali con tanto di certificazione ICEA (il condizionale è d’obbligo, in quanto non avevano nè comunicati stampa nè sample da provare. Quindi vi riporto ciò che mi è stato detto dalla addetta stampa). La fragranza, però, non mi ha fatta impazzire.

Lavera. Il brand ha deciso di rifare il look al packaging di molti loro prodotti, tra i quali quelli della linea Basis Sensitiv. Inoltre, questa linea, è stata ampliata con l’introduzione di un contorno occhi (che mi ispira parecchio, chissà che non decida di provarlo!) e una crema antirughe. Le due linee più nuove sono, infine, quella ai mirtilli rossi antiossidante (della quale ho la possibilità di provare la crema mani) e la linea corpo rinfrescante alla salvia (che però non è ancora uscita, ma è stata presentata alla fiera in confezione “prototipo”).

Sensurè. La linea di prodotti Sensurè presto si amplierà. Vedremo infatti, nei supermercati, anche uno shampoo, detergenti intimi, detergenti mani e nuove salviette struccanti. Rimarrà intatta la filosofia del brand: ampia reperibilità, prezzi contenuti e ingredienti di qualità.

Quest’anno ho avuto modo di visitare con calma anche i padiglioni cinesi e coreani. Diciamo che non c’era una grandissima differenza tra i due e per lo più esponevano maschere viso o contorno occhi, acque profumate su imitazione di Victoria Secret, spugnette e pennelli di ogni tipo. Purtroppo non vendevano nulla; detto francamente un’acqua profumata me la sarei presa volentieri 😉

Vorrei, infine, dare qualche consiglio a chi il prossimo anno decidesse di partecipare per la prima volta a questa magnifica fiera. Innanzi tutto, vestitevi comode. Potrà ritornarvi utile quando sarete molto stanche, le panchine saranno tutte piene e deciderete di accomodarvi a terra. Vorreste mettere la scomodità di una gonna? 😉

Scegliete accuratamente le scarpe. Camminerete senza sosta e un paio comodo sarà la vostra salvezza.

Preparatavi alla pioggia. Non so per quale strana congiunzione astrale, ma nei giorni del Cosmoprof piove quasi sempre. Siccome i vari padiglioni non sono collegati tra loro, ma bisogna attraversare un cortile esterno, potrebbe esservi utile una giacca con cappuccio, da tirare su all’occorrenza.

Preparatevi un “piano d’attacco”. Scegliete in anticipo gli stand che vorreste visitare, soprattutto se (come me) trascorrerete un solo giorno in fiera. Una volta lì dentro vi perderete tra mille cose bellissime e, dunque, potrebbe esservi utile una lista degli stand che desiderate realmente visitare.

Portatevi panini e tornate momentaneamente fanciulli con un bel pranzo al sacco. All’interno dei padiglioni ci sono i classici angoli bar, ma nelle ore di punta sono presi d’assalto e vi assicuro che non sono propriamente economici.

Infine, divertitevi a più non posso! Se siete amanti della cosmetica non rimarrete impassibili davanti al fascino di questa fiera, piena di cose belle e persone fantastiche!

 

SAM_1747

Clarins Ombre Matte 04 Rosewood – Review

Oggi vorrei parlarvi di un ombretto che avevo acquistato in autunno con uno sconto del 20% da Sephora. Probabilmente è solo una mia impressione e sicuramente mi sbaglio, ma credo che in Italia si parli poco di questo marchio. Noto che sui social, allo scoccare delle Vendite Private di Sephora, pullulino foto di acquisti Urban Decay, Chanel, Dior, ma pochissime di Clarins. In realtà è un marchio che io apprezzo molto, sia per il make-up, che per la skincare. E’ stato il primo marchio di profumeria che ho provato al mio battesimo cosmetico, quando mia madre aveva provveduto a regalarmi tutta la linea di skincare – lei era categorica: quando inizi a truccarti quotidianamente, con altrettanta regolarità ti devi struccare – dalla crema ai detergenti.

SAM_1765

SAM_1747

In autunno mi ero innamorata dei nuovi Ombre Matte di Clarins. Avevo swatchato per puro sport questo colore e ne ero rimasta folgorata. Ovviamente non ho resistito a lungo e me lo sono regalata con il primo 20% utile. Le colorazioni disponibili sono quattro, ovviamente tutte opache, delle quali io possiedo la più scura.

SAM_1750

Sulla scatola appare questa descrizione: una nuova generazione di ombretti che associano la facilità di applicazione alla perfezione del risultato. Colore puro e omogeneo. Azione levigante della palpebra, lunga tenuta.

Io possiedo il colore numero 04, Rosewood. In realtà noto che Clarins attribuisce la descrizione “rosewood” a molti colori differenti. Se nei Lisse Minute questo colore è un rosato tendente al marroncino, in questo caso parliamo più che altro di un ombretto tortora. E’ un grigio marroncino con una punta rosata. Siccome non sono molto brava a descrivere i colori a parole, ho deciso di paragonarlo al colore più simile che possiedo in tutto il mio stash cosmetico, ovvero Tease della Naked2. Come potete notare dagli swatch, i due colori sono diversi: quello Urban Decay è più rosato, meno pigmentato e a mio avviso contiene una maggiore quantità di grigio al suo interno. Rosewood di Clarins, invece, è leggermente più caldo (pur essendo un colore comunque freddo), più scuro (di un mezzo tono) e con una componente più alta di giallo all’interno.

SAM_1756

SAM_1754

SAM_1762

E’ un cream-to-powder, pertanto, toccandolo nella cialdina sembra in crema, ma si sfuma sulla palpebra con la facilità di un ombretto in polvere. Anche da sfumato, mantiene comunque un’ottima pigmentazione. In genere lo applico generosamente su tutta la palpebra abbinandolo ad una bella linea di eyeliner nero e mascara a volontà; un trucco semplice ma d’effetto. La confezione è molto elegante – una jar in plastica con tappo a vite dorato – e contiene ben 7 grammi di prodotto (pensate che un ombretto mono di Deborah Milano ne contiene 5).

SAM_1764

Dopo tutte queste considerazioni un po’ generali, è arrivato per me il momento di tirare le somme su questo prodotto. Diciamo subito che non è propriamente economico e viene venduto, sul sito di Sephora, a 19,50€. Pur diventando comunque abbordabile con un 20%, credo che la selezione di colori non sia poi così alta e originale da giustificare questo prezzo. Dunque, sotto questo aspetto, per me è bocciato e sconsigliato.

Non posso, però, esimermi dal fare qualche considerazione sulla sua texture, così particolare e bella, e sulla sua pigmentazione molto alta. Entrambi questi aspetti evitano di farmi pentire dell’acquisto.

Quanto alla durata, purtroppo, non posso fare molte considerazioni. La mia palpebra estremamente oleosa non mi permette di mantenere intatto per più di 10 minuti alcun ombretto, che sia in crema o in polvere.

In conclusione, mi sto trovando benissimo con questo ombretto che, però, considero più che altro uno sfizio. Non lo reputo un prodotto insostituibile, soprattutto in ragione del suo colore facilmente rintracciabile in altri brand. Se la Clarins decidesse di ampliare la gamma colori e inserire qualche tonalità più particolare e ricercata, allora sarebbe promosso a pieni voti.

Ora chiedo a voi: possedete qualcuno di questi ombretti di Clarins? La pensate come me in quanto alla banalità cromatica?

 

SAM_1850

Il mio kit per restauri fuori casa!

Buongiorno a tutti!

Oggi vorrei mostrarvi il mio kit di salvezza, che rimane sempre pronto in un cassetto del mio vanity e che all’occorrenza prendo e infilo in una borsa. Non si tratta di prodotti che utilizzo quotidianamente per i ritocchi (in tal caso ho una make-up bag in borsa simile a quella che vi avevo mostrato qualche tempo fa), ma di un vero e proprio arsenale di prodotti fondamentali per realizzare un trucco completo fuori casa.

SAM_1847

La uso in palestra, quando non torno a casa dopo l’allenamento ed ho bisogno di essere presentabile per qualche impegno successivo; in treno, quando la partenza è al mattino presto e decido di truccarmi direttamente sul convoglio; quando trascorro una notte fuori casa e al mattino successivo so che dovrò truccarmi; quando vado a fare qualche trattamento al viso (struccata) e all’uscita voglio essere comunque truccata. I prodotti all’interno mi permettono, dunque, di effettuare un trucco basilare, ma d’effetto, senza saltare alcun passaggio. La uso più spesso del previsto, quindi ho scelto di lasciarla sempre pronta all’uso; in questo modo evito di dimenticare pezzi o di dover perdere tempo a prepararla.

La pochette è di Tiger e l’avevo acquistata a dicembre, dopo aver letto questo post; purtroppo l’avevo trovata solo verde acido (un colore che non amo alla follia), ma le ho viste di recente in quattro differenti colori (verde acqua, verde acido, rosso corallo e il quarto mi sfugge, sorry!). Costa 4 €, ma è una delle pochette per il make-up più comode che io possieda. Oltre ad essere estremamente resistente, ha una parte superiore destinata ai pennelli e una parte inferiore “a pozzo” dove riesco ad inserire tantissimi prodotti. L’unico difetto è che gli elastici porta-pennelli sono tutti molto stretti, quindi ho dovuto scucirne uno per riuscire ad infilare il pennello viso. Effettuata questa piccola modifica, è diventata senza dubbio perfetta.

SAM_1849

Per la base viso tengo all’interno un campioncino di primer. In questo caso vedete una bustina de L’Erbolario, ma ho già pronti altri sample per quando questa sarà finita. Ovviamente non utilizzo sempre il primer, ma dipende da cosa mi aspetterà nella giornata. Risulta senza dubbio utile per i trucchi in treno, quando so che dovrò affrontare una giornata lunga e faticosa. Il correttore in stick Kiko Skin Evolution è destinato alle mie occhiaie e ad eventuali piccole imperfezioni; non è il prodotto della vita, ma fuori casa mi accontento ed essendo in stick è comodo da applicare. Fuori casa mi trovo bene con fondotinta compatti in polvere, che all’occorrenza possono funzionare anche da cipria. In questo periodo sto utilizzando quello di Sephora 8h opacizzante che avevo acquistato in saldo a circa 7 €. non ha una grande coprenza, ma per uniformare il viso è perfetto. Il blush, per ragioni di spazio, è rappresentato da un vecchio ombretto Essence rosa acceso glitterato. Non so cosa mi fosse saltato in testa di comprarlo, ma ho trovato un modo per riciclarlo e usarlo comunque. Vedete, poi, un ombretto marroncino taupe di Kiko; ecco, lui è il mio passepartout che utilizzo sia per il contouring del viso, sia per enfatizzare la piega (inesistente) della mia palpebra (colore 121).

SAM_1853

Quanto agli occhi, ho scelto di inserire prodotti compatti, utili per un trucco molto basico. L’eyelid primer sheer di Elf (che su di me non funziona poi molto bene, infatti sto cercando di terminarlo!), una palettina di Rimmel con la Union Jack (è molto compatta e possiede diversi colori carini) e una matita marrone di Bottega Verde. Tocco finale, una minitaglia di mascara, in questo caso di Yves Rocher.

SAM_1855

SAM_1860

SAM_1863

Inserisco all’interno solo tre prodotti labbra: una matita rosa di Benecos, un gloss trasparente in stick di Max Factor e un burrocacao colorato alla ciliegia di Labello.

SAM_1866

 

Infine gli attrezzi del mestiere: i pennelli fanno parte di un set da viaggio che ho acquistato su Ebay (finti Eco Tools) e che non sono affatto male, un temperino per le matite, un pennello doppio h&m (che consiglio caldamente: è stupendo!), un vecchio scovolino di mascara e un piegaciglia da viaggio (che però, a mio avviso, non serve a nulla -.-).

SAM_1851

Ecco, dunque, il contenuto della mia ancora di salvezza cosmetica fuori casa. Avete anche voi qualcosa di simile? Cosa scegliete di portarvi per fare un trucco fuori casa?

Alla prossima!

 

walkingdeadproduct (5)

The Walking Dead Products! #6

Buongiorno a tutti e benvenuti ad un nuovo appuntamento con la rubrica The Walking Dead Products.

walkingdeadproduct (5)

Questo progetto, che raccoglie tante bravissime blogger, è una sorta di sfida: ogni mese viene mostrato un prodotto cosmetico “infinito”, che non da segni di cedimento e, nell’arco del mese successivo, si tenta l’impossibile per dargli degna fine.

Ecco le mie fantastiche compagne di avventura:

Sara di Le Divagazioni di una Fatina Arancione

Alessia del blog Shopping a tutto tondo

Elisa del blog My magic wonderland

Alice del blog Make up non solo

Milena del blog EmmeMe: Make up& beauty

Sofia del blog Natural Chic

La mia sfida mensile era diretta allo smaltimento della matita Essence Long Lasting Chocolate che, come ben saprete, non amo alla follia. Su di me non mostra alcuna caratteristica longlasting, ma si disintegra senza pudore su tutto il mio contorno occhi.

Dunque è arrivato il momento di scoprire se sono riuscita a portare a termine il mio obiettivo……rullo di tamburi….suspance….. na-na-na-naaaa. Purtroppo non sono riuscita a terminarla, ma vi mostro una foto del prima e del dopo il mio accanimento. Mi sembra che un minimo di risultato si noti, che ne dite?

SAM_1837

Il mese scorso

20150310_211848

Oggi!

Siccome il mio impegno con questa matita è reale e concreto, rilancio la sfida per il mese prossimo. Ce la farò finalmente a darle degna fine? Mi impegnerò con tutta me stessa, o lei, o me 😛

Saranno, invece, riuscite le mie colleghe a vincere la loro sfida mensile?

Un bacione!

SAM_1845

I prodotti bye bye di Sara e Monique #13

Buongiorno a tutti e benvenuti ad un nuovo appuntamento con i prodotti terminati del mese di febbraio. Come di consueto, il post è in collaborazione con la dolcissima Sara del blog  Le Divagazioni di una Fatina Arancione.

Cosa avremo finito di bello nell’arco dello scorso mese? Scopriamolo insieme!

SAM_1843

Franck Provost Mousse Expert Ricci; non c’è niente da fare, io adoro questa spuma per capelli ricci e la ricompro sempre. Per i miei capelli è perfetta: non appesantisce, definisce, lascia i capelli morbidi e (in offerta) costa poco. Per tutti i dettagli vi rimando alla review. Ovviamente l’ho già ricomprata!

Lycia strisce depilatorie delicate touch; compro sempre queste strisce depilatorie perchè credo che, tra quelle disponibili nei supermercati, siano le più efficaci e le più delicate. Ne ho provate molte, comprese quelle della Veet, ma alla fine torno sempre da loro. Ovviamente le ho già ricomprate 😉

Shaka salviettine multiuso al cioccolato; non riesco a farmene una ragione, sono terminate. E io ora sono triste. Le avevo prese alla cassa per rientrare nel budget del coupon di dicembre della Vodafone (la spesa, infatti, non poteva essere inferiore ai 7 €) arraffando il primo pacchetto che mi era capitato tra le mani. Poi le avevo messe in borsa per pulirmi on the go e per rimuovere gli swatches dopo le incursioni da Kiko o Sephora. Ebbene, mi sono innamorata della loro profumazione! *.* Sembrava di avere davanti un tazza fumante di cioccolata calda al latte…semplicemente deliziose. Non sono propriamente economiche (10 salviette a 99 centesimi), ma credo che le riacquisterò solo per il profumo inebriante.

Carrefour papier toilette; queste salviette compaiono ogni mese nei miei post, in quanto le uso al lavoro e ne consumo almeno un pacchetto al mese. Le ricompro in modo costante e sicuramente saranno presenti anche il prossimo mese.

SAM_1845

Labello Fruity Shine alla fragola; avete già visto questo prodotto *qui* nella review e *qui* nella mia sfida allo smaltimento. Prima che un coro di ragazze dedite al bio si alzi contro di me, ci tengo a precisare che non lo usavo come idratante, ma come “vezzo” cosmetico. Al pari di un gloss, lo applicavo sulle labbra per renderle lucide e leggermente colorate. Adoro questi prodotti perchè mi permettono di essere curata, ma non mi obbligano ad avere uno specchio davanti per applicarli. Insomma, univa l’effetto del gloss alla praticità del burrocacao in stick. Nello specifico, però, questo era piuttosto vecchio e necessitava di essere terminato; ultimamente si era sciolto e aveva sporcato di rosso tutto il tubetto. L’ho già sostituito con un prodotto analogo.

Bottega Verde, crema viso alle mandorle dolci; vi ho recensito da pochissimo questo prodotto, dunque non mi dilungo più di tanto, ma vi rimando al blog post dello scorso giorno.

Eucerin Gel Doccia; utilizzo questo bagnoschiuma nei momenti di forte stress, quando la mia pelle reagisce con una fastidiosa psoriasi sui gomiti. E’ un detergente estremamente delicato ed idratante, ma al contempo efficace. Spesso, inoltre, lo trovo in offerta nella mia parafarmacia di fiducia a 3,99 €. Ovviamente l’ho già ricomprato 😉

Vichy Sensitiv anti-transpirant 48hho avuto un rapporto di amore e odio con questo deodorante. All’inizio mi piaceva, poi faceva poco effetto, poi ha cominciato a piacermi nuovamente. Credo di essere io ad avere qualche problema di ascelle e ad abituarmi a qualsiasi deodorante dopo qualche mese di utilizzo. Al momento, quindi, ho scelto di non ricomprarlo, credo di aver bisogno di una pausa da lui.

Colgate Pro Sensitive; non vi mostro mai i dentifrici che termino, ma di questo devo assolutamente parlarvi. Possiedo una decina di queste mini-taglie perchè (per un certo periodo) lo regalavano acquistando uno spazzolino Colgate. Così avevo deciso di conservarlo con cura, per poterlo utilizzare al lavoro (dove uso spazzolini e dentifrici formato viaggio). Ebbene, aveva un gusto terribile…secondo me sapeva di pesce bollito! -.- Volete mettere la gioia di lavarvi i denti con un dentifricio dal gusto pessimo? Ora mi chiedo come farò a terminare tutte le altre minitaglie che ho…

Bene, questi erano i miei prodotti terminati nel mese di febbraio. Abbiamo qualche prodotto in comune?

Ora corro a leggere il post della mia amica Fatina…venite con me? 😉

20150308_112543

Un mese in 5 punti!

Buongiorno!

Eccomi qui, finalmente, con il consueto appuntamento del Mese in 5 punti in collaborazione con la fantastica Bridget del Blog L’Eleganza del Riccio. Qui trovate il suo post 😉

Ora parto a raffica mostrandovi le cinque cose che hanno caratterizzato il mio mese di febbraio.

  • Pennello Contour BB Cream Italia

SAM_1813

L’avevate già visto nel post haul e vi posso dire che lo amo alla follia. Lo uso tutte le mattine per applicare il correttore ed è stupendo. Sfuma e applica allo stesso tempo, facendomi risparmiare tempo prezioso al mattino ed evitando di sporcarmi le mani (sì, lo so, sono un po’ schifiltosa, ma odio sporcarmi le mani -.-). Per me è promosso a pieni voti!
  • Clarins Eclat Minute Baume Embelliseur Lèvres

20150308_112543

Lo scorso mese sono andata in fissa con gloss e balsami labbra colorati, da applicare in scioltezza in ufficio, anche senza uno specchietto davanti. Non so perchè, ma le labbra leggermente colorate e un po’ glossate, su di me, regalano l’effetto “curato”. Così, complice un 15 % di sconto da Sephora e lo stipendio ricevuto da poco, mi sono regalata questo nuovo prodotto chez Clarins nel colore 06 (rosewood). Mi piace perchè è molto morbido, lascia le labbra ben idratate e con un leggero effetto lucido e colorato. I lati negativi sono sicuramente il prezzo (di listino costa € 17,00) e il fatto che contenga poco prodotto. Ma per il resto è stato un mio fedele alleato del mese di febbraio!

  • Nutella B-ready

SAM_1867

Eccoci arrivati all’angolo del goloso. Non potevo di certo esimermi dal mostrarvi questa prelibatezza, che ha rapito il mio cuore e il mio peso forma. Sono delle cialde piene di Nutella, da poter mangiare in libertà anche fuori casa. Inizialmente riuscivo a trovarle solo in alcuni bar particolarmente forniti, poi ho visto questa scatola formato famiglia al supermercato e….CIAOOOO, NE! 😛

  • L’amore Bugiardo

l'amore bugiardo

Libro del mese è stato l’amore bugiardo di Flynn Gillian. Non so cosa potervi dire a proposito di questo libro se non “leggetelo”. E’ semplicemente meraviglioso e mi ha rapita dalla prima all’ultima pagina. E’ un libro in grado di catturare la vostra attenzione e di sorprendervi pagina dopo pagina. Se siete vittime di preconcetti legati al genere dei gialli e siete convinti di saper sempre scovare l’assassino che si cela tra pagine di un libro, bene, allora leggete questo e poi ne parliamo. Sarà in grado di sovvertire ogni vostra convinzione!

  • 50 sfumature di grigio, il film

Cinquanta-Sfumature-di-Grigio-secondo-trailer-italiano-e-nuove-locandine-4

Ebbene sì, a febbraio ho visto anche io questo chiacchieratissimo film. E il bello è che sono andata a vederlo digiuna, senza aver mai letto i libri prima. Mi è piaciuto? Più o meno. La storia non è poi così allettante e il mio spirito femminista ha subito parecchi scossoni durante la visione, però sono rimasta curiosa nel finale. Infatti penso che leggerò la trilogia solo per scoprire che caspita c’è nella testa di Mr. Grey. Non possono lasciarmi così, senza una spiegazione 😛

Bene, ecco i miei punti salienti del mese di febbraio. Ne abbiamo qualcuno in comune? Avete visto anche voi il film più chiacchierato del 2015?

 

WP_20141129_13_46_26_Pro

Bottega Verde, Crema viso idratante emolliente alle Mandorle Dolci – Review

Buonasera a tutti e benvenuti ad una nuova review sul mio blog.

Il prodotto che mi appresto a recensire è la Crema Viso Idratante alle Mandorle Dolci di Bottega Verde; siccome la vedrete comparire prestissimo nel post sui prodotti terminati, credo sia arrivato il momento giusto per raccontarvi come è stata la mia esperienza con lei.

WP_20141129_13_46_26_Pro

Rompo subito il ghiaccio dicendovi che la crema mi è piaciuta molto. Più delle mie aspettative iniziali. Ho acquistato questo prodotto in offerta, al prezzo di € 4,99, in un momento di disperazione; avevo terminato tutte le mie scorte e non ero ispirata ad un acquisto eccessivamente oneroso. Mi sono recata in un punto vendita Bottega Verde e mi sono lasciata convincere dal profumo inebriante di questa crema. Sì perchè, se amate il profumo delle mandorle, andrete in brodo di giuggiole alla prima snasata.

La crema è soffice e si assorbe in modo estremamente rapido (il che la rende un’ottima base trucco per le ritardatarie come me!). E’ ben idratante, ma non eccessivamente unta, tanto che è andata pienamente d’accordo (in inverno) con la mia pelle mista. Inoltre, non ha creato problemi alla mia pelle sensibile e soggetta a couperose. Pur contenendo olio di mandorle dolci, non è unta all’inverosimile, ma tranquillamente utilizzabile in inverno dalle pelli miste e secche (ecco, forse escluderei quelle grasse!).

WP_20141129_13_47_00_Pro

In definitiva mi sento di promuovere a pieni voti questa crema viso, soprattutto per il rapporto qualità-prezzo. Ovviamente, trattandosi di un prodotto Bottega Verde, il prezzo di listino è alto, ma consiglio di aspettare una delle offerte periodiche che la vede scontata a 4,99 €.

Al momento non ho riacquistato questa crema, ma mi sono orientata sulla sua “cuginetta” al riso venere (per pura e semplice curiosità e voglia di cambiare 😀 ), ma non escludo affatto di riprenderla in futuro.

WP_20141129_13_47_39_Pro

Ora chiedo a voi: avete mai provato questa crema? Quale linea profumata preferite?

Il barattolo di crema contiene 50 ml di prodotto con pao di 12 mesi.