Archivio della categoria: Fuori casa

20151019_091312

Yves Rocher, Balsamo Labbra Culture Bio – Review

Credo di avere un serio problema con i balsami labbra. Seppure io ne possieda una quantità esorbitante, non riesco a resistere e ne acquisto sempre di nuovi. Probabilmente in questo momento ho una scorta sufficiente per idratare le mie labbra da qui a cinquant’anni, ma continuo imperrita a voler provare nuovi prodotti.

Questa doverosa premessa per farvi capire la mia reazione quando ho visto questo delizioso tubetto in una bottega di Yves Rocher. La mia espressione è stata simile a questa:

Gatto_occhi_dolci
Il balsamo labbra fa parte della line Culture Bio e costa 3,95€. Purtroppo si tratta di un prodotto a bollino verde che, quindi, non può essere ulteriormente scontato con le offerte periodiche delle cartoline, ma il prezzo lo rende comunque competitivo ed economico per essere un prodotto totalmente naturale.

20151019_091312

Il prodotto ha una consistenza densa ma ben spalmabile e permane a lungo sulle labbra. Non è appiccicoso ed assolutamente confortevole. Il colore è leggermente bianco ma, sulle labbra, diventa totalmente trasparente regalando un effetto glossato. Ha un profumo delicato e poco persistente, che lo rende adatto anche a chi non ama profumazioni forti sotto al naso.

20151019_091521

Da quando uso questo balsamo tutte le sere, le mie labbra al mattino sono morbide e ben idratate. Le pellicine sono sicuramente attenuate e non ho avuto grandi problemi di secchezza.

La confezione è a tubetto, con classico applicatore “trasversale”; pur essendo un prodotto in crema, quindi, può essere utilizzato senza doverlo prelevare con le dita (il che è apprezzabile soprattutto fuori casa).

20151019_091446

In conclusione mi sento di promuovere assolutamente questo prodotto, soprattutto in considerazione del rapporto qualità-prezzo.

Unico lato negativo, che mi sento di rilevare per le più attente agli ingredienti, sul tubetto del balsamo labbra non è riportato l’INCI. Seppure, quindi, il prodotto faccia parte della linea Culture Bio e dovrebbe contenere solo ingredienti naturali, purtroppo non ci è possibile verificare questo dettaglio.

20151019_091323

Quantità di prodotto: 10 ml

PAO: non riportato (i prodotti Yves Rocher contengono proprio la data di scadenza; il mio balsamo labbra scadrà a novembre del 1016)

Certificazione EcoCert: sì

SAM_2065

I prodotti Bye Bye di Sara e Monique #19

Ben ritrovati ad un nuovo appuntamento con i prodotti terminati del mese appena trascorso. Il post, come di consueto, è in collaborazione con la dolcissima del blog Le Divagazioni di una Fatina Arancione.

Cosa avremo finito durante il mese di settembre? Scopriamolo insieme!

SAM_2056

Carrefour Discount dischetti di cotone struccanti; ormai sapete quanto li amo, quindi evito di tediarvi ulteriormente parlandovene!

 

Sephora Masque Yeux Rose; finalmente ho provato questa maschera per il contorno degli occhi che avevo acquistato diverso tempo fa e che mi ero riservata per una giornata di relax a casa. Mi è piaciuta molto, in quanto ha idratato bene la parte e mi ha rinfrescato la zona delle occhiaie. La comodità è che è già pronta all’uso (anche se ho vinto il premio dummy dell’anno, non togliendo la pellicola protettiva -.- Mi faccio i complimenti da sola!) e che non va risciacquata. Ovviamente non fa miracoli, ma credo proprio che la riacquisterò in qualche altra colorazione, per regalarmi una coccola al viso.

Fria Carta Igienica Umida; ottime salviette per un’igiene intima d’emergenza fuori casa. Al momento non le ho più trovate, ma continuerò a cercarle.

SAM_2058

Sephora Oil Blotting Papers; questo prodotto è in grado di salvare il mio viso durante una lunga giornata lavorativa. Sono il classico prodotto “senza impegno”; ne estraggo una, la passo sul naso e rimango opaca per almeno 3/4 ore. Ormai finisco una confezione ogni paio di mesi! Le ho già ricomprate 😉

Sensurè salviette struccanti; le avevo scoperte grazie al blog Trucco Senza Inganno e quando le ho trovate nel supermercato vicino a casa, le ho subito acquistate. Le ho portate con me in vacanza, ma le ho poi terminate qui a Torino. Che dire, sono davvero ottime! Le salviette sono belle grandi, molto umide, resistenti e, cosa più importante, sono davvero efficaci. Io le utilizzavo solo sul viso (sugli occhi preferisco sempre usare un bifasico per evitare di strofinare troppo la zona), ma toglievano rapidamente primer, fondotinta, blush, correttore ed illuminante. Le ho già ricomprate per struccaggi “d’emergenza”!

SAM_2065

Yves Rocher Pur Bluet struccante occhi bifasico; senza dubbio il mio holy grail. E’ lo struccante economico migliore che abbia mai provato. Ovviamente l’ho già ricomprato 😉

Phytojoba Shampoo, Maschera e Phyto7 (minitaglie); questi tre prodotti facevano parte di un set che avevo acquistato in parafarmacia al prezzo di 8 € circa. Li ho portati in vacanza con me, ma li ho poi terminati qui a casa. Lo shampoo mi è piaciuto abbastanza: aveva un profumo buonissimo di mandorla, lavava bene e non aggrediva i capelli. Peccato che, all’ultimo, si sia separato in due fasi (una oleosa e una bianca) e che prima di utilizzarlo ero costretta ad agitarlo molto bene. Questo fatto mi dissuade un po’ dalla possibilità di acquistarlo in futuro. La maschera aveva un profumo ancora più delizioso dello shampoo, ma sui miei capelli trattati non era sufficientemente performante. Districava poco ed idratava anche meno. Quanto alla crema Phyto7, che sono riuscita ad utilizzare per quasi un mese, per me era acqua fresca. Forse dovrei provare la numero 9, ma per il momento mi risparmio i 18 euro che costa e uso qualcosa di più idratante (e più economico).

SAM_2067

Mascara Pupa Vamp nero; questo è davvero un ottimo mascara, ma si secca alla velocità della luce. Allunga le ciglia, le volumizza e le separa bene, ma mi scoccia doverlo gettare dopo un paio di mesi di utilizzo. Per il momento, quindi, non l’ho ricomprato.

Balsamo labbra Erbario Toscano; finalmente è finito…yeah!!!! Come già vi avevo raccontato nella recensione, odiavo profondamente questo prodotto e così avevo provato a terminarlo usandolo come idratante per cuticole. Mi chiedo ancora come questo prodotto abbia potuto essere così famoso sul web….

Colgate Max White One Optic; rimaniamo in tema sòle pazzesche e parliamo di questo dentifricio. Sono sicurissima che sia stato inventato da un uomo, uno di quelli che non prende mai in mano uno straccio per fare le pulizie di casa. Sì perché questo maledetto dentifricio contiene dei microgranuli blu che sono in grado di tingere qualsiasi cosa, figuriamoci un lavandino di ceramica bianca. Ma, ancora peggio, a volte questi granuli si conficcano a tradimento tra un dente e l’altro creando un bellissimo effetto “mi sono mangiata grande puffo a colazione”. Volete sapere la cosa peggiore? Ne ho ancora due confezioni da terminare….. 🙁

Ecco, dunque, i miei prodotti terminati del mese. Avete provato anche voi questi prodotti? Ora corro a leggere il post della mia amica Fatina, venite con me?

 

 

SAM_2025

I prodotti Bye Bye di Sara e Monique #18

Buonasera e ben ritrovati a tutti! Oggi il mio blog riapre ufficialmente dopo la “chiusura” estiva del mese di agosto. Cosa avete fatto di bello durante le vacanze estive? Siete scappate in un paradiso incontaminato? Io ho potuto approfittare di una settimana di vacanza a Rimini, il che è servito per ricaricare le batterie dopo un estenuante anno lavorativo. Ora sono pronta a riprendere a pieno ritmo!

Il blog, dunque, oggi riapre con uno dei post più apprezzati, ovvero con i prodotti terminati; ovviamente sempre in collaborazione con la dolcissima Sara del blog Le Divagazioni di una Fatina Arancione. Cosa avremo terminato nell’arco dell’ultimo periodo io e la Fatina?

SAM_2025

– La Roche Posay Anthelios 50+ Enfant; a proposito di mare, ecco il primo prodotto solare che ho terminato in vacanza. Non ho trovato particolari differenze rispetto alla versione per adulti che avevo recensito qui, e continuo ad amare questa marca di solari. Proteggono benissimo la pelle, anche la mia estremamente chiara e sensibile. Devo ammettere che mi è mancato nel momento stesso in cui ho terminato questo flacone. Prossimo anno lo riacquisterò senza dubbio.

– Vichy Ideal Soleil Bronze 50; questa protezione nasce, in realtà, per il viso. Mi era stata regalata al mio ultimo compleanno e alla fine ho deciso di utilizzarla sul corpo per non buttarla via. Il primo ingrediente è l’alcol e posso assicurarvi che si sente! Questo prodotto ha un odore terribilmente acre e, applicato sul viso, mi faceva diventare tutta rossa. Così l’ho relegato al corpo, ma come tutta risposta mi è venuto un bell’eritema. Insomma, non sono rimasta per nulla soddisfatta da questo solare e sicuramente non lo ricomprerei.

– Auchan deodorante Talco; ottimo deodorante, ad un ottimo prezzo. Contiene alluminio sesquicloroidrato, che lo rende un po’ meno performante del suo fratello cloroidrato, ma anche meno ostruttivo (infatti non infastidisce le mie ghiandole delicate), dura tutto il giorno e profuma in modo delicato. Ovviamente l’ho già riacquistato 😉

– Bottega Verde Deo Roll On Linea Fiori; al contrario di quanto detto sopra per l’altro deodorante, l’efficacia di questo non dura nemmeno un paio di ore. Bocciato!

SAM_2029

– Bottega Verde Crema mani Rosa Mosqueta; valida crema mani (soprattutto per il periodo estivo), dal delicato profumo di rosa. In offerta costa circa 3 € (che, a mio avviso li vale tutti), mentre normalmente ha un costo un po’ sproporzionato. Piano piano sto cercando di provare tutte le profumazioni esistenti.

– Yves Rocher Crema nutritiva piedi alla lavanda; non mi soffermo troppo su questo prodotto, ma vi rimando alla review che le ho dedicato qui. Già ricomprata 😉

– Eucerin Contorno occhi Hyal-Urea; ho portato questo campioncino con me in vacanza e l’ho terminato qui a casa al mio rientro. Sono rimasta piacevolmente colpita da questo contorno occhi! Credo che lo terrò in considerazione soprattutto per il periodo invernale, dato il suo alto potere idratante. Si assorbiva rapidamente ed era una perfetta base per il trucco.

– Sephora Oil Blotting Paper; ho terminato queste salviette a fine luglio / primi di agosto, quando ancora lavoravo. Funzionano egregiamente e mi lasciano opaca per diverso tempo, ma sono leggermente cipriate/talcate. Ed aggiungerei estremamente bianche! Ora, se lo dico io che ho un incarnato da fare invidia a Morticia, potete immaginare che effetto potrebbe fare su una carnagione olivastra. Dunque, se siete intenzionate a comprarle, vi consiglio di considerare questo elemento. Io le ho riprese più che altro per necessità: mi erano terminate (improvvisamente!) al mattino e vicino all’ufficio ho solamente Sephora…come si suol dire, di necessità virtù 😉

– Lima unghie Jet Nail; ottima lima per unghie, mi è durata tantissimo pur avendola pagata solo 60 centesimi. Il problema? Il negozio vicino casa mia non la vende più -.- Probabilmente si è accorto del valore performante di questo prodotto così economico e…….ha deciso di vendere solo limette molto, molto più costose. Che ne dite, organizzo una protesta davanti alla sua vetrina al ritmo di “ridateci la lima”??? Potrebbe funzionare???

SAM_2032

– Simply Salviettine Bimbo Bel; salviettine che tenevo in borsa per pulirmi le mani “on the go”. Ottime ed economiche, avevano però una linguetta poco adesiva che si è staccata totalmente con il pacchetto ancora mezzo pieno. Peccato.

– Fria Carta Igienica Umida; altro giro, altre salviette. Queste le tengo fisse al lavoro per un’igiene intima d’emergenza; ottime ed economiche, le ricomprerò sicuramente.

– Simply Basic dischetti di cotone; normalissimi dischetti di cotone, un po’ troppo sottili per i miei gusti. I miei preferiti continuano a rimanere loro….

SAM_2022

– Frank Provost Expert Reparation balsamo; squillino le trombe…ce l’ho fatta!!!! Finalmente sono riuscita a terminare questo bottiglione infinito di balsamo (che faceva parte della mia triplice sfida cosmetica). Ottimo balsamo, ma contiene troppo, troppo prodotto. Io che sono un’inguaribile infedele cosmetica, non vedevo l’ora di provare qualcos’altro! Mai più confezioni così grandi…mai, mai, mai più!

– Carrefour Carta igienica umida Aloe Vera; anche queste sono destinate alla mia igiene intima sul lavoro, le ricompro spesso perchè economiche.

– Fria Utility salviette struccanti; anche queste risiedevano nella mia borsa per una pulizia rapida delle mani. Le avevo pagate pochissimo (meno di 90 centesimi) e, per l’uso che ne facevo, non erano male. Peccato, anche qui, per la linguetta poco adesiva che si era staccata subito….

Bene, ecco la carrellate dei miei prodotti terminati. Posso ritenermi soddisfatta, vero? E voi, cosa avete finito in vacanza? Avete sterminato flaconi a volontà?

Ora corro a leggere il post della mia amica Fatina, venite con me? 😉

Alla prossima!

SAM_1942

I prodotti Bye Bye di Sara e Monique #15

Buongiorno a tutti e benvenuti ad un nuovo appuntamento con i prodotti terminati, nell’arco dello scorso mese, da me e dalla dolcissima Sara del Blog Le Divagazioni di una Fatina Arancione.

Parto, innanzi tutto, scusandomi con voi per la mia assenza dell’ultimo periodo. Sto attraversando un periodo “complicato” con un lavoro totalizzante (ho toccato punte di 13 ore ininterrotte in ufficio) e con qualche nuovo pensiero personale per la testa, che sta assorbendo gran parte del mio tempo libero. Ve ne parlerò sicuramente, ma per ora mantengo un po’ di sana scaramanzia e non dico altro 😉

Dopo questa doverosa premessa parto a raffica mostrandovi la mia spazzatura   i (pochi) prodotti che sono riuscita a smaltire nel mese di aprile. Al momento ho numerosi flaconi quasi vuoti, quindi prevedo grandi soddisfazioni per il prossimo mese. Per oggi, dovrete accontentarvi di due prodotti in croce.

SAM_1940

– Bioderma Sensibio H2O; continua a rimanere la mia acqua micellare preferita. Al momento sto sperimentando quella della Garnier, che non è male, ma sicuramente non arriva al pari di questa. Non mi dilungo più di tanto nel decantarla, ma vi rimando alla review che ne ho fatto qui.

– Fria Carta igienica umida; avevo acquistato queste salviette in offerta da Acqua & Sapone, in una confezione multipla da tre pacchetti. Non vorrei scendere troppo nei dettagli, ma le ho usate in quei giorni del mese per una rapida igiene intima in ufficio. Sono umide al punto giusto e hanno il valore aggiunto di poter essere gettate ne wc. Ne ho ancora due pacchetti da utilizzare, ma comunque è un prodotto che ricomprerò sicuramente.

– Alkagin igiene intima; rimango in discorso “intimo” parlandovi di uno dei miei detergenti preferiti. Lo trovo delicato, efficace e utile per le pelli sensibili come le mie. Ora sto utilizzando quello della Lycia, ma vi assicuro che sento già la mancanza di questo. Credo proprio che lo ricomprerò presto.

– Auchan discetti levatrucco grandi; ottimi dischetti ed economici. Purtroppo non vado spesso all’Auchan, ma quando mi capita ne faccio scorta.

SAM_1942

– La Saponaria Shampoo Girasole & Arancio dolce; mi trovo in difficoltà nel dovervi parlare di questo prodotto perchè ho avuto con lui un rapporto di amore e odio. Innanzi tutto vi dico subito che ho detestato il suo profumo. Non so perchè, ma mi dava la nausea. All’inizio trovavo che mi rendesse i capelli più grassi, ma poi ho capito come e quanto usarne e le cose sono migliorate. Per essere un prodotto bio, lava bene e fa molta schiuma, però non so se lo ricomprerei. Al momento ho mille altri flaconi e da terminare, ma penso che, comunque, mi orienterò su altro.

– Mac Face and Body fondotinta N1; ho, finalmente, avuto modo di sperimentare un campioncino del fondotinta più famoso chez Mac. Inizialmente mi sembrava acqua fresca (quanto a consistenza, ci andiamo molto vicino: è liquidissimo!) e pensavo non coprisse nulla, ma dopo aver preso confidenza con lui le cose sono andate molto meglio. La mia sensazione è che copra “a scoppio ritardato”; lo applicavo e sembrava inesistente, ma dopo qualche minuto, iniziando ad asciugarsi, uniformava perfettamente la pelle ed arrivava a coprire perfino la mia couperose. Ovviamente nei giorni di rossori importanti, dovevo associarci un correttore, ma per il resto svolgeva egregiamente il suo lavoro. Per di più aveva un’ottima durata (pur essendo così liquido, alla sera lo struccavo via quasi intatto) e regalava la sensazione di non aver nulla sulla pelle. Tendeva a lucidarmi leggermente il naso col passare delle ore (anche se, con quasi tutti i prodotti per la base, dopo pranzo necessito una ritoccatina con la cipria), ma non mi ha mai fatto spuntare alcun brufoletto. Il campioncino (parecchio generoso) mi ha permesso di testarlo per più di due settimane. Non escludo di acquistarlo in futuro, magari quando sarò riuscita a terminare un po’ di scheletri nei miei cassetti 😉

– Yves Rocher Expert Reparation Latte corpo nutriente intenso; ho adorato questa crema corpo, tanto che ho già provveduto a riacquistarla. Oggi ve ne parlo poco perchè ho intenzione di dedicarle presto una recensione approfondita, ma ho amato il suo grado di idratazione e la sua facilità di assorbimento. Sto sperimentando diversi prodotti di questo brand e, tranne le creme mani, mi stanno regalando quasi tutti ottime soddisfazioni.

Ecco, dunque, i prodotti che sono riuscita a smaltire ad aprila. Abbiamo qualche prodotto in comune? Avete riscontrato opinioni simili alle mie?

Buon lunedì a tutti!

 

SAM_1884

Cosmoprof 2015 #1. Le novità dei brand e le mie impressioni.

Quest’anno ho deciso di dedicare un po’ di attenzioni in più al post sul Cosmoprof. Ho avuto la fortuna di entrarci come addetta stampa, dunque credo sia giusto e corretto spendere qualche parola sulle mie impressioni. Oggi comincerò a parlarvi delle novità che ho visto nei vari stand e sulle mie considerazioni generali sulla fiera.

Una delle domande più gettonate è: regalavano tanti campioncini? Sì e no. Teniamo conto che il Cosmoprof nasce per gli “addetti ai lavori”, dunque a professionisti nei settori della cosmetica, della profumeria e dei capelli. Dunque è più che altro una grande vetrina, nella quale i produttori cercano acquirenti e distributori. Ragion per cui i campioncini o i prodotti prova vengono più che altro destinati a possibili rivenditori, non ai consumatori finali. Giusto o sbagliato che sia, questa è la vera natura della fiera e bisogna sempre tenerla in considerazione. Detto questo, vi assicuro che molti stand mettono a disposizione di chiunque sample e taglie omaggio. nel prossimo post vi parlerò dei miei acquisti e di ciò che ho ricevuto gratis, in quanto blogger.

Quella di quest’anno è stata la mia seconda volta al Cosmoprof. Mi sono pentita di esserci andata? Nemmeno un po’. Lo rifarei? Certo, senza dubbio. E’ un’esperienza devastante dal punto di vista fisico (preparatevi a camminare molto, mangiare poco e ad avere male ai piedi), ma altamente soddisfacente. Per chi ama la cosmetica, è un’occasione imperdibile per ammirare novità, prodotti in uscita e stand carichi di prodotti. Purtroppo non tutti gli stand vendono (il discorso che ho fatto prima, circa il pubblico della fiera, si ripete), o almeno non fino all’ultimo giorno. Vi posso assicurare che ho lasciato il cuore su mille cose, senza aver la possibilità  portarmele a casa.

Ora parto col raccontarvi  le novità di alcuni stand che mi hanno incuriosita particolarmente.

20150321_142947

Zoeva. La nuova linea di pennelli Bamboo è qualcosa di stupendo, sarei stata ore ad accarezzarli. Per non parlare delle palette e dei blush, pigmentatissimi e superlativi.

20150321_142937

Makeup Revolution. Ho potuto ammirare uno stand intonso, pieno di tutti i prodotti che fin’ora avevo visto solo sul web. Non ho, però, visto grandissime novità. I prezzi (seppure non vendessero al pubblico, i prezzi erano comunque indicati), mi sembravano un po’ più alti rispetto a quelli di BB Cream Italia.

20150321_142520

Nyx. Ormai saprete tutti della novità fatta trapelare proprio in occasione del Cosmoprof: presto avremo stand monomarca anche i Italia!

20150321_120841

20150321_120700

Catrice. In questo stand ho potuto ammirare le novità più rilevanti (che chissà quando arriveranno da noi!). Innanzi tutto hanno lanciato in linea permanente dei rossetti matte bellissimi e pigmentatissimi. Per non parlare del nuovo blush ad intreccio che ho trovato delizioso e ben pigmentato. Ho visto poi una nuova base ombretto che sono davvero curiosa di provare.

20150321_120708

Gosh. Pare che questo brand stia tentando di ampliare i suoi rivenditori anche in Italia (speriamo! aggiungerei). Il brand si è uniformato alla moda del periodo e ha lanciato rossetti matte e fondotinta liquidi. La cosa che, però, più mi ha lasciata estasiata è la linea di matitoni ombretto metallici: stupendi!

L’Erbolario. In uscita la nuova linea alle bacche di Goji, dedicata alle pelli più mature. Sarà una linea completa, che andrà dalla crema viso al profumo. Gli ingredienti dovrebbero essere totalmente naturali con tanto di certificazione ICEA (il condizionale è d’obbligo, in quanto non avevano nè comunicati stampa nè sample da provare. Quindi vi riporto ciò che mi è stato detto dalla addetta stampa). La fragranza, però, non mi ha fatta impazzire.

Lavera. Il brand ha deciso di rifare il look al packaging di molti loro prodotti, tra i quali quelli della linea Basis Sensitiv. Inoltre, questa linea, è stata ampliata con l’introduzione di un contorno occhi (che mi ispira parecchio, chissà che non decida di provarlo!) e una crema antirughe. Le due linee più nuove sono, infine, quella ai mirtilli rossi antiossidante (della quale ho la possibilità di provare la crema mani) e la linea corpo rinfrescante alla salvia (che però non è ancora uscita, ma è stata presentata alla fiera in confezione “prototipo”).

Sensurè. La linea di prodotti Sensurè presto si amplierà. Vedremo infatti, nei supermercati, anche uno shampoo, detergenti intimi, detergenti mani e nuove salviette struccanti. Rimarrà intatta la filosofia del brand: ampia reperibilità, prezzi contenuti e ingredienti di qualità.

Quest’anno ho avuto modo di visitare con calma anche i padiglioni cinesi e coreani. Diciamo che non c’era una grandissima differenza tra i due e per lo più esponevano maschere viso o contorno occhi, acque profumate su imitazione di Victoria Secret, spugnette e pennelli di ogni tipo. Purtroppo non vendevano nulla; detto francamente un’acqua profumata me la sarei presa volentieri 😉

Vorrei, infine, dare qualche consiglio a chi il prossimo anno decidesse di partecipare per la prima volta a questa magnifica fiera. Innanzi tutto, vestitevi comode. Potrà ritornarvi utile quando sarete molto stanche, le panchine saranno tutte piene e deciderete di accomodarvi a terra. Vorreste mettere la scomodità di una gonna? 😉

Scegliete accuratamente le scarpe. Camminerete senza sosta e un paio comodo sarà la vostra salvezza.

Preparatavi alla pioggia. Non so per quale strana congiunzione astrale, ma nei giorni del Cosmoprof piove quasi sempre. Siccome i vari padiglioni non sono collegati tra loro, ma bisogna attraversare un cortile esterno, potrebbe esservi utile una giacca con cappuccio, da tirare su all’occorrenza.

Preparatevi un “piano d’attacco”. Scegliete in anticipo gli stand che vorreste visitare, soprattutto se (come me) trascorrerete un solo giorno in fiera. Una volta lì dentro vi perderete tra mille cose bellissime e, dunque, potrebbe esservi utile una lista degli stand che desiderate realmente visitare.

Portatevi panini e tornate momentaneamente fanciulli con un bel pranzo al sacco. All’interno dei padiglioni ci sono i classici angoli bar, ma nelle ore di punta sono presi d’assalto e vi assicuro che non sono propriamente economici.

Infine, divertitevi a più non posso! Se siete amanti della cosmetica non rimarrete impassibili davanti al fascino di questa fiera, piena di cose belle e persone fantastiche!

 

SAM_1850

Il mio kit per restauri fuori casa!

Buongiorno a tutti!

Oggi vorrei mostrarvi il mio kit di salvezza, che rimane sempre pronto in un cassetto del mio vanity e che all’occorrenza prendo e infilo in una borsa. Non si tratta di prodotti che utilizzo quotidianamente per i ritocchi (in tal caso ho una make-up bag in borsa simile a quella che vi avevo mostrato qualche tempo fa), ma di un vero e proprio arsenale di prodotti fondamentali per realizzare un trucco completo fuori casa.

SAM_1847

La uso in palestra, quando non torno a casa dopo l’allenamento ed ho bisogno di essere presentabile per qualche impegno successivo; in treno, quando la partenza è al mattino presto e decido di truccarmi direttamente sul convoglio; quando trascorro una notte fuori casa e al mattino successivo so che dovrò truccarmi; quando vado a fare qualche trattamento al viso (struccata) e all’uscita voglio essere comunque truccata. I prodotti all’interno mi permettono, dunque, di effettuare un trucco basilare, ma d’effetto, senza saltare alcun passaggio. La uso più spesso del previsto, quindi ho scelto di lasciarla sempre pronta all’uso; in questo modo evito di dimenticare pezzi o di dover perdere tempo a prepararla.

La pochette è di Tiger e l’avevo acquistata a dicembre, dopo aver letto questo post; purtroppo l’avevo trovata solo verde acido (un colore che non amo alla follia), ma le ho viste di recente in quattro differenti colori (verde acqua, verde acido, rosso corallo e il quarto mi sfugge, sorry!). Costa 4 €, ma è una delle pochette per il make-up più comode che io possieda. Oltre ad essere estremamente resistente, ha una parte superiore destinata ai pennelli e una parte inferiore “a pozzo” dove riesco ad inserire tantissimi prodotti. L’unico difetto è che gli elastici porta-pennelli sono tutti molto stretti, quindi ho dovuto scucirne uno per riuscire ad infilare il pennello viso. Effettuata questa piccola modifica, è diventata senza dubbio perfetta.

SAM_1849

Per la base viso tengo all’interno un campioncino di primer. In questo caso vedete una bustina de L’Erbolario, ma ho già pronti altri sample per quando questa sarà finita. Ovviamente non utilizzo sempre il primer, ma dipende da cosa mi aspetterà nella giornata. Risulta senza dubbio utile per i trucchi in treno, quando so che dovrò affrontare una giornata lunga e faticosa. Il correttore in stick Kiko Skin Evolution è destinato alle mie occhiaie e ad eventuali piccole imperfezioni; non è il prodotto della vita, ma fuori casa mi accontento ed essendo in stick è comodo da applicare. Fuori casa mi trovo bene con fondotinta compatti in polvere, che all’occorrenza possono funzionare anche da cipria. In questo periodo sto utilizzando quello di Sephora 8h opacizzante che avevo acquistato in saldo a circa 7 €. non ha una grande coprenza, ma per uniformare il viso è perfetto. Il blush, per ragioni di spazio, è rappresentato da un vecchio ombretto Essence rosa acceso glitterato. Non so cosa mi fosse saltato in testa di comprarlo, ma ho trovato un modo per riciclarlo e usarlo comunque. Vedete, poi, un ombretto marroncino taupe di Kiko; ecco, lui è il mio passepartout che utilizzo sia per il contouring del viso, sia per enfatizzare la piega (inesistente) della mia palpebra (colore 121).

SAM_1853

Quanto agli occhi, ho scelto di inserire prodotti compatti, utili per un trucco molto basico. L’eyelid primer sheer di Elf (che su di me non funziona poi molto bene, infatti sto cercando di terminarlo!), una palettina di Rimmel con la Union Jack (è molto compatta e possiede diversi colori carini) e una matita marrone di Bottega Verde. Tocco finale, una minitaglia di mascara, in questo caso di Yves Rocher.

SAM_1855

SAM_1860

SAM_1863

Inserisco all’interno solo tre prodotti labbra: una matita rosa di Benecos, un gloss trasparente in stick di Max Factor e un burrocacao colorato alla ciliegia di Labello.

SAM_1866

 

Infine gli attrezzi del mestiere: i pennelli fanno parte di un set da viaggio che ho acquistato su Ebay (finti Eco Tools) e che non sono affatto male, un temperino per le matite, un pennello doppio h&m (che consiglio caldamente: è stupendo!), un vecchio scovolino di mascara e un piegaciglia da viaggio (che però, a mio avviso, non serve a nulla -.-).

SAM_1851

Ecco, dunque, il contenuto della mia ancora di salvezza cosmetica fuori casa. Avete anche voi qualcosa di simile? Cosa scegliete di portarvi per fare un trucco fuori casa?

Alla prossima!

 

SAM_1845

I prodotti bye bye di Sara e Monique #13

Buongiorno a tutti e benvenuti ad un nuovo appuntamento con i prodotti terminati del mese di febbraio. Come di consueto, il post è in collaborazione con la dolcissima Sara del blog  Le Divagazioni di una Fatina Arancione.

Cosa avremo finito di bello nell’arco dello scorso mese? Scopriamolo insieme!

SAM_1843

Franck Provost Mousse Expert Ricci; non c’è niente da fare, io adoro questa spuma per capelli ricci e la ricompro sempre. Per i miei capelli è perfetta: non appesantisce, definisce, lascia i capelli morbidi e (in offerta) costa poco. Per tutti i dettagli vi rimando alla review. Ovviamente l’ho già ricomprata!

Lycia strisce depilatorie delicate touch; compro sempre queste strisce depilatorie perchè credo che, tra quelle disponibili nei supermercati, siano le più efficaci e le più delicate. Ne ho provate molte, comprese quelle della Veet, ma alla fine torno sempre da loro. Ovviamente le ho già ricomprate 😉

Shaka salviettine multiuso al cioccolato; non riesco a farmene una ragione, sono terminate. E io ora sono triste. Le avevo prese alla cassa per rientrare nel budget del coupon di dicembre della Vodafone (la spesa, infatti, non poteva essere inferiore ai 7 €) arraffando il primo pacchetto che mi era capitato tra le mani. Poi le avevo messe in borsa per pulirmi on the go e per rimuovere gli swatches dopo le incursioni da Kiko o Sephora. Ebbene, mi sono innamorata della loro profumazione! *.* Sembrava di avere davanti un tazza fumante di cioccolata calda al latte…semplicemente deliziose. Non sono propriamente economiche (10 salviette a 99 centesimi), ma credo che le riacquisterò solo per il profumo inebriante.

Carrefour papier toilette; queste salviette compaiono ogni mese nei miei post, in quanto le uso al lavoro e ne consumo almeno un pacchetto al mese. Le ricompro in modo costante e sicuramente saranno presenti anche il prossimo mese.

SAM_1845

Labello Fruity Shine alla fragola; avete già visto questo prodotto *qui* nella review e *qui* nella mia sfida allo smaltimento. Prima che un coro di ragazze dedite al bio si alzi contro di me, ci tengo a precisare che non lo usavo come idratante, ma come “vezzo” cosmetico. Al pari di un gloss, lo applicavo sulle labbra per renderle lucide e leggermente colorate. Adoro questi prodotti perchè mi permettono di essere curata, ma non mi obbligano ad avere uno specchio davanti per applicarli. Insomma, univa l’effetto del gloss alla praticità del burrocacao in stick. Nello specifico, però, questo era piuttosto vecchio e necessitava di essere terminato; ultimamente si era sciolto e aveva sporcato di rosso tutto il tubetto. L’ho già sostituito con un prodotto analogo.

Bottega Verde, crema viso alle mandorle dolci; vi ho recensito da pochissimo questo prodotto, dunque non mi dilungo più di tanto, ma vi rimando al blog post dello scorso giorno.

Eucerin Gel Doccia; utilizzo questo bagnoschiuma nei momenti di forte stress, quando la mia pelle reagisce con una fastidiosa psoriasi sui gomiti. E’ un detergente estremamente delicato ed idratante, ma al contempo efficace. Spesso, inoltre, lo trovo in offerta nella mia parafarmacia di fiducia a 3,99 €. Ovviamente l’ho già ricomprato 😉

Vichy Sensitiv anti-transpirant 48hho avuto un rapporto di amore e odio con questo deodorante. All’inizio mi piaceva, poi faceva poco effetto, poi ha cominciato a piacermi nuovamente. Credo di essere io ad avere qualche problema di ascelle e ad abituarmi a qualsiasi deodorante dopo qualche mese di utilizzo. Al momento, quindi, ho scelto di non ricomprarlo, credo di aver bisogno di una pausa da lui.

Colgate Pro Sensitive; non vi mostro mai i dentifrici che termino, ma di questo devo assolutamente parlarvi. Possiedo una decina di queste mini-taglie perchè (per un certo periodo) lo regalavano acquistando uno spazzolino Colgate. Così avevo deciso di conservarlo con cura, per poterlo utilizzare al lavoro (dove uso spazzolini e dentifrici formato viaggio). Ebbene, aveva un gusto terribile…secondo me sapeva di pesce bollito! -.- Volete mettere la gioia di lavarvi i denti con un dentifricio dal gusto pessimo? Ora mi chiedo come farò a terminare tutte le altre minitaglie che ho…

Bene, questi erano i miei prodotti terminati nel mese di febbraio. Abbiamo qualche prodotto in comune?

Ora corro a leggere il post della mia amica Fatina…venite con me? 😉

SAM_1826

I prodotti Bye Bye di Sara e Monique! #12

Nel momento stesso in cui mi sono messa al computer per scrivere questo post, mi sono accorta che la rubrica, questo mese, compie un anno! Tantissimi auguri, quindi, alla deliziosa Fatina del blog Le Divagazioni di una Fatina Arancione che collabora con me da 12 mesi e a tutte voi, mie adorate lettrici, che supportate questo post mensile con commenti e suggerimenti.

Bando alle ciance, vi mostro finalmente cosa sono riuscita a terminare nell’arco del mese scorso. Ad inizio/metà gennaio ero convinta di non aver finito nulla e di dovervi mostrare due flaconi in croce, ma a fine mese c’è stato il cosiddetto giro di boa e il mio sacchetto si è riempito a dismisura. Insomma, sono tutto sommato soddisfatta del risultato 😉

SAM_1825

– Collistar, CC Capelli Rosso Paprika; non mi dilungo più di tanto nel descrivervi questo prodotto, ma vi rimando alla review che ne avevo fatto *qui*. Approfittando dell’ultimo sconto di Sephora ne ho già ricomprato un altro tubetto perchè non posso pensare di rimanere senza.

– Yodeyma, Eau de Toilette Kara; questo è (dal lontano 2005) IL mio profumo. Non ci sono altre parole per descriverlo! Me ne ero innamorata sentendolo addosso ad una mia collega e da allora ho comprato e ricomprato solo questo. Nonostante sia un profumo di equivalenza (che quindi riprende le note di un profumo più famoso, ovvero Light Blue di Dolce&Gabbana) ha davvero un ottimo rapporto qualità/prezzo. La confezione da 100 ml costa, infatti, circa 25 € e il profumo persiste a lungo sulla pelle. Al momento non l’ho ricomprato perchè ho scelto di fare una piccola pausa e di sperimentare nuove fragranze, ma non escludo di tornare da lui molto presto.

– Avene Antiroujeur Latte Detergente; mi era stato consigliato dal dermatologo quando mi aveva diagnosticato la couperose. E’ un latte detergente un po’ vischioso dal colore verde (cosa sprecata per un prodotto che va sciacquato via) che a dire il vero non mi ha fatto impazzire. Mi è durato quasi due anni (e aggiungo che non ne potevo più) e lo utilizzavo tutte le mattine come fosse stato un normale detergente schiumogeno: lo applicavo sulla pelle umida e lo sciacquavo via con acqua. In realtà ho provato prodotti migliori e non credo proprio di ricomprarlo.

SAM_1826

– Carrefour, Papier Toilette; queste salviette umide sono ormai una costante tra i miei prodotti terminati!

– Sensurè Salviette intime; le avevo acquistate in offerta e le tenevo in borsa per pulirmi le mani in rapidità. Per questo uso sono state ottime, ma devo anche ammettere di non aver grandi pretese al riguardo. L’importante è che siano economiche e che non contengano alcol (ho le mani perennemente tagliate dal freddo e con salviette alcoliche l’effetto non sarebbe molto piacevole!).

– Dischetti Carrefour Discount; da un anno ormai vi tedio mostrandovi confezioni vuote di questi dischetti, ma non ci posso fare nulla, sono i miei preferiti e continuo a ricomprarli!

– Maxi dischetti Quando è; li avevo acquistati in offerta da Tigotà, ma non mi hanno fatta impazzire. I miei dischetti maxi preferiti, al momento, rimangono quelli della Cotonet, che però costano qualcosa in più rispetto ad altri.

SAM_1828

– Be Chic, crema corpo Benvenuta in Paradiso; avevo comprato questa crema trovandola scontata del 50%. Il profumo ai fiori di ciliegio non era dei migliori (mi aspettavo qualcosa di più) e l’idratazione quasi inesistente. Per di più aveva un doppio fondo e quindi la quantità di prodotto all’interno era davvero scarsa: l’avrò usata al massimo una settimana, non di più! Insomma, non la ricomprerò.

– Sephora Roll-on defatigant yeux; nonostante questo prodotto sia presente in numerosi miei post (qui la recensione e qui la sfida mensile al suo smaltimento) l’ho odiato con tutta me stessa. Era acqua fresca, venduta al prezzo di 15 €. Finalmente sono riuscita a terminarlo e a vincere la mia sfida di gennaio (vi aspetto mercoledì il post ufficiale!).

Udite, udite, questo mese fanno capolino anche due prodotti di make-up!

– Mascara Pupa Vamp nero; è un ottimo mascara, dall’effetto *WOW* sulle mie ciglia, ma si secca alla velocità della luce. La mia amica Bridget Jones mi aveva avvisata, ma io speravo comunque in un miracolo. Che invece non è arrivato e così mi vedo costretta a cestinare un mascara utilizzato per un paio di mesi al massimo. Costasse di meno lo ricomprerei, ma a questo punto l’I Love Extreme di Essence rimane imbattuto sul gradino più alto del podio.

– Essence, oil control paper cartine assorbisebo; dopo la ruota, il fuoco e l’America, queste sono la scoperta più utile per il genere umano (femminile). Scherzi a parte, le adoro. Ve ne avevo già parlato *qui* e non posso che sottoscrivere e riconfermare tutte le parole dolci che avevo a loro dedicato. Sono economiche, facili da utilizzare e, soprattutto, efficaci. Il rituale del ritocco in una tipica giornata lavorativa di Monique è: dopo pranzo, salvietta assorbisebo tamponata ad-cazzum su tutto il viso, ripassatina di correttore sulle adorate imperfezioni (-.-), un velo di gloss sulle labbra e spolveratina di cipria sulle zone critiche. Il che mi permette di essere presentabile fino alla fine del mio turno 😉 Nello specifico queste sono ancora nel vecchio packaging (questo perchè, quelle rare volte in cui le trovo nello stand, ne faccio scorta), ma ho già provveduto ad acquistare quelle nuove.

Ecco, dunque, i prodotti che ho terminato a gennaio. Ora chiedo a voi: come è andato lo smaltimento? Avete qualche prodotto in comune con me?

Un bacione!

SAM_1781

I prodotti bye bye di Sara e Monique #10

Mamma mia come vola il tempo. Siamo già arrivate al decimo mese di collaborazione con la deliziosa Fatina del Blog Le Divagazioni di una Fatina Arancione!

E, come di consueto, vi parleremo dei prodotti che abbiamo terminato durante gli scorsi 30 giorni.

Inizio subito, senza ulteriori indugi, a mostrarvi i miei prodotti finiti. Anche per questo mese non è andata male, ma continuo a terminare poco make up, nonostante il mio impegno quotidiano nello smaltimento dei prodotti più vecchi.

SAM_1778

– Mustela, lingette dermo apaisante 0% profumo; ve le avevo mostrate qui, nel mio tentativo di struccarmi con salviette per bimbi. La prova era fallita, ma ho utilizzato (e terminato) le salviette con piacere per mille altri scopi. Stazionavano sulla mia scrivania, accanto ai miei trucchi, per pulirmi le mani al volo (soprattutto quando stendevo i prodotti senza pennelli) o qualsiasi altra cosa si sporcasse. Ottima la confezione apri-chiudi a scatto che preserva l’umidità delle salviette! Al momento non le ho ricomprate (ho scelto quelle Fria, trovate in offerta a 99 centesimi), ma non escludo di farlo in futuro.

– Papier Toilette Carrefour; altre salviette terminate. Queste le vedete quasi tutti i mesi perchè le consumo copiosamente in ufficio per rinfrescarmi quando ne sento la necessità. Ovviamente le ho già ricomprate 😉

– Yves Rocher, crema corpo mauves cristallisèes; finalmente è finita, hip-hip-hurrà! Devo aggiungere altro? No, davvero, l’ho odiata…era stato un regalo di una mia amica per un Natale di un passato remoto e ci ho impiegato una vita a finirla. Odiavo terribilmente l’odore (chimico e stucchevole) e il fatto che idratasse tanto quanto l’acqua fresca. Uno dei pochi prodotti Yves Rocher che boccio senza mezze misure!

SAM_1780

– Bottega Verde, crema capelli Hammam; questa era una maschera per capelli senza siliconi con polvere di Ghassoul (che si riconosceva ad occhio nudo!). Era molto concentrata e la confezione da 150 ml mi è durata una vita. Districava abbastanza bene e idratava molto i capelli. Piccolo inconveniente, è stata tolta di produzione. Devo ancora capire le politiche aziendali di Bottega Verde… giuro che a volte mi sfuggono. Addio. Peccato!

– Avene, Cold Cream mani; ce l’ho fatta…yeah!!! Ed ho anche tagliato la confezione per usarla davvero fino in fondo, quindi mi merito senza dubbio una medaglia al valore. Avete visto questo prodotto il mese scorso, nel progetto The Walking Dead Products, ed era la mia sfida mensile. Che dire, è una crema mani costosa, per nulla idratante e dalla consistenza tremenda. A mai più rivederci!

– Acquolina, acqua corpo profumata arancia e vaniglia; sinceramente non so se questo prodotto sia ancora in vendita. Vedete il flacone? E’ un inno al gioco “la patata bollente”: in casa è stato rimbalzato tra me-mia mamma-me-mia mamma un numero imprecisato di volte. Non piaceva a nessuno, n-e-s-s-u-n-o. Alla fine è stato terminato come profumatore da ambienti (ehm, il bagno per l’esattezza).

– Bottega Verde, gel detergente viso alla rosa mosqueta; avevo acquistato questo flacone all’outlet di Mondovicino per provare ad utilizzarlo sul viso. Ma la mia pelle ultra, mega, iper sensibile non lo amava alla follia, quindi l’ho riciclato come sapone per le mani. Non saprei, dunque, darvi dettagli circa il suo reale scopo.

SAM_1781

– Equilibra, sitck labbra al Karitè; purtroppo io non ho un buon rapporto con i burrocacao naturali, e questo non ha fatto eccezione. Trovo che, a lungo andare, mi secchino ancora di più le labbra. Aveva un buon profumo vanigliato e un bell’effetto lucido sulle labbra, ma quanto ad idratazione ho provato di meglio, senza dubbio. La mia ricerca continua, rimanete sintonizzati 😉

– Sanotint balsamo ristrutturante senza risciacquo; l’avevo trovato in una confezione di tinta, ma conteneva troppo prodotto per essere utilizzato in una volta sola. Così l’ho applicato in piccole dosi dopo la mia CC Capelli per provare a preservarne più a lungo l’effetto. Il problema di questo fluido è l’odore, che a me ricorda terribilmente i prodotti dei parrucchieri da “nonne”; non so come spiegarmi, ma la profumazione sa di prodotto “di una volta” o.O Ovviamente non lo acquisterei in full-size, preferisco prodotti che mi regalino un profumino più piacevole.

– Deborah Milano mascara Volume&Curl; era una limited edition della scorsa estate e l’avevo pagato intorno ai 4 € (in offerta). Inizialmente non mi ha fatto impazzire, ma dopo qualche mese di utilizzo abbiamo cominciato a fare amicizia e l’effetto non era malaccio. Ovviamente non dava alle ciglia un effetto drammatico, ma per tutti i giorni non era affatto male. Anche questo non si trova più in commercio, quindi è un addio.

– Maybelline NY, Rossetto; questo non è un prodotto finito, ma un cestinato. L’avevo acquistato decenni fa, prima di capire qualcosa di trucco (non che adesso io ne capisca poi molto, ma almeno so riconoscere un colore che mi dona!); vi dico solo che è un rosa Barbie perlato. Dal momento che le mie labbra sono molto pigmentate e sul tono del rosso, potete ben immaginare che effetto terribile mi regalasse. Ora ha cominciato ad emanare cattivi odori, quindi ho deciso di farlo fuori gettarlo.

– Saponetta al baobab; anche questa era stata acquistata per il viso, ma…indovinate un po’? Era troppo aggressiva per la mia pelle! E come l’avrò terminata? Sulle mani! Ahahaha, questo mese sono troppo prevedibile. Ebbene, anche qui posso solo dirvi che ha lavato bene le mie mani sporche 😀

Ecco, dunque, la carrellata dei miei prodotti terminati. Questo mese sono stata doppiamente brava perchè sono riuscita a togliermi dalle scatole finire diversi prodotti odiati. Cosa avrà finito la mia amica Sara? Venite a leggere con me il suo post?

Ora chiedo a voi, cosa avete finito nello scorso mese? Come sta andando il vostro smaltimento? Abbiamo opinioni comuni su prodotti che vi ho mostrato?

20141110_102500

I prodotti bye bye di Sara e Monique! #9

Buongiorno fanciulle e benvenute al consueto appuntamento con i prodotti terminati del mese. Ovviamente è sempre in collaborazione con la dolcissima Sara Fatina del blog Le Divagazioni di una Fatina Arancione.

Il mese di ottobre è stato molto proficuo dal punto di vista dello smaltimento e ciò mi rende incredibilmente fiera di me! Ovviamente non sono ancora riuscita a smaltire prodotti make-up, ma prima o poi ce la farò, abbiate fede 😉

20141110_102334

– Caudalie, Eau de raisin; non mi soffermo più di tanto su questo prodotto in quanto ve ne avevo già fatta la recensione *qui*, ma mi sento solo di dire che è una comunissima acqua termale, come tante altre. Al momento ho flacone gigante di acqua termale Avene da terminare, quindi non penso di ricomprarla.

Bottega Verde Bagnoschiuma al Frangipanei bagnodoccia di questa marca mi piacciono sempre molto, in quanto hanno delle buonissime profumazioni, tantissimo prodotto all’interno (400 ml), sono molto delicati sulla pelle e non costano uno sproposito. Nello specifico acquisto molto spesso questa profumazione che è una delle mie preferite per la primavera/estate. Ora però ho cambiato fragranza (ho acquistato quella al cioccolato…gnam gnam!) per amore delle novità.

– Yves Rocher Crema Corpo Agrumi in fiore; questo flacone di crema corpo mi era stato regalato con una cartolina clienti. Sebbene io non ami alla follia gli idratanti di questa marca, questo nello specifico mi è piaciuto tantissimo! Era abbastanza idratante, si assorbiva in fretta (cosa fondamentale in quanto lo usavo in palestra dopo la doccia) e lasciava sul corpo un profumino delicato. La confezione, inoltre, permetteva di sfruttare tutto il prodotto senza problemi.

– Dischetti di cotone Carrefour Discount; non mi soffermo più di tanto su questi dischetti che adoro e che ricompro ogni mese! Qui ve ne avevo parlato nello specifico.

20141110_102500

– Dischetti Levatrucco Simply; acquistati in offerta nel supermercato della mia zona, mi sono piaciuti abbastanza. Continuo a preferire i quadrotti di Cotonet, ma per il prezzo che hanno (meno di 1 euro per 40 maxi dischetti), non sono male. Forse un po’ troppo sottili per le mie esigenze (io li uso per struccarmi il viso).

– Carta igienica umidificata Carrefour; le compro spesso e le lascio nel mio cassetto in ufficio, pronte ad essere usate in qualsiasi occasione. Sono economiche e funzionano benissimo!

– L’Erbolario, Crema Mani al Limone; mi era stata regalata da un’amica ad un compleanno, ma non mi è piaciuta affatto! Aveva una consistenza in mousse sicuramente non adatta alla confezione in tubetto (il prodotto usciva sempre e si depositava sul tappo) e per di più non profumava di limone, bensì di citronella. L’avessi aperta qualche mese prima, l’avrei usata in estate sulle gambe al posto dell’Autan! Infine, come ciliegina sulla torta, non idratava per nulla. Non so quanto costi, ma se avete le mani secche vi consiglio di stare alla larga da questo prodotto!

– Yves Rocher Hydra Vegetal gel detergente; anche questo mi era stato regalato con una cartolina. Usato una volta sul viso (era troppo aggressivo per la mia pelle delicatissima!), l’ho terminato come sapone per le mani. L’unica cosa che vi posso dire è che il profumo era freschissimo!

– Bioderma, Sensibio A/R; vi rimando alla review che ne avevo fatto *qui*. Confermo tutto ciò che avevo già detto, aggiungendo che ho imparato la stagione perfetta per usarla: l’estate. Infatti per quando fa caldo è un’ottima crema. Arrivederci all’anno prossimo!

20141110_102556

– Nars Crema Colorata Light 1; una commessa gentilissima di Sephora, vedendomi sbavare guardare lo stand Nars, mi aveva regalato questo campioncino di crema colorata con spf 45, se non sbaglio. Mi è piaciuta molto! Si stendeva bene, aveva una buona coprenza e durava a lungo sul viso. Al momento ho mille miliardi di cose da terminare, ma più avanti potrei farci un pensierino.

– campioncino di profumo sondaggio Ipsos; lo scorso mese ho partecipato ad un sondaggio sui profumi. Questo mi era piaciuto molto, ma purtroppo non potrei ricomprarlo in quanto non viene comunicato il nome del prodotto (penso per evitare condizionamenti nei partecipanti). Peccato!

Bene, per questo mese è tutto; e voi, cosa avete terminato ad ottobre? Abbiamo qualche prodotto in comune? Ora corro a leggere il post della mia amica Fatina!

A presto!