Archivio della categoria: Varie

SAM_1845

I prodotti bye bye di Sara e Monique #13

Buongiorno a tutti e benvenuti ad un nuovo appuntamento con i prodotti terminati del mese di febbraio. Come di consueto, il post è in collaborazione con la dolcissima Sara del blog  Le Divagazioni di una Fatina Arancione.

Cosa avremo finito di bello nell’arco dello scorso mese? Scopriamolo insieme!

SAM_1843

Franck Provost Mousse Expert Ricci; non c’è niente da fare, io adoro questa spuma per capelli ricci e la ricompro sempre. Per i miei capelli è perfetta: non appesantisce, definisce, lascia i capelli morbidi e (in offerta) costa poco. Per tutti i dettagli vi rimando alla review. Ovviamente l’ho già ricomprata!

Lycia strisce depilatorie delicate touch; compro sempre queste strisce depilatorie perchè credo che, tra quelle disponibili nei supermercati, siano le più efficaci e le più delicate. Ne ho provate molte, comprese quelle della Veet, ma alla fine torno sempre da loro. Ovviamente le ho già ricomprate 😉

Shaka salviettine multiuso al cioccolato; non riesco a farmene una ragione, sono terminate. E io ora sono triste. Le avevo prese alla cassa per rientrare nel budget del coupon di dicembre della Vodafone (la spesa, infatti, non poteva essere inferiore ai 7 €) arraffando il primo pacchetto che mi era capitato tra le mani. Poi le avevo messe in borsa per pulirmi on the go e per rimuovere gli swatches dopo le incursioni da Kiko o Sephora. Ebbene, mi sono innamorata della loro profumazione! *.* Sembrava di avere davanti un tazza fumante di cioccolata calda al latte…semplicemente deliziose. Non sono propriamente economiche (10 salviette a 99 centesimi), ma credo che le riacquisterò solo per il profumo inebriante.

Carrefour papier toilette; queste salviette compaiono ogni mese nei miei post, in quanto le uso al lavoro e ne consumo almeno un pacchetto al mese. Le ricompro in modo costante e sicuramente saranno presenti anche il prossimo mese.

SAM_1845

Labello Fruity Shine alla fragola; avete già visto questo prodotto *qui* nella review e *qui* nella mia sfida allo smaltimento. Prima che un coro di ragazze dedite al bio si alzi contro di me, ci tengo a precisare che non lo usavo come idratante, ma come “vezzo” cosmetico. Al pari di un gloss, lo applicavo sulle labbra per renderle lucide e leggermente colorate. Adoro questi prodotti perchè mi permettono di essere curata, ma non mi obbligano ad avere uno specchio davanti per applicarli. Insomma, univa l’effetto del gloss alla praticità del burrocacao in stick. Nello specifico, però, questo era piuttosto vecchio e necessitava di essere terminato; ultimamente si era sciolto e aveva sporcato di rosso tutto il tubetto. L’ho già sostituito con un prodotto analogo.

Bottega Verde, crema viso alle mandorle dolci; vi ho recensito da pochissimo questo prodotto, dunque non mi dilungo più di tanto, ma vi rimando al blog post dello scorso giorno.

Eucerin Gel Doccia; utilizzo questo bagnoschiuma nei momenti di forte stress, quando la mia pelle reagisce con una fastidiosa psoriasi sui gomiti. E’ un detergente estremamente delicato ed idratante, ma al contempo efficace. Spesso, inoltre, lo trovo in offerta nella mia parafarmacia di fiducia a 3,99 €. Ovviamente l’ho già ricomprato 😉

Vichy Sensitiv anti-transpirant 48hho avuto un rapporto di amore e odio con questo deodorante. All’inizio mi piaceva, poi faceva poco effetto, poi ha cominciato a piacermi nuovamente. Credo di essere io ad avere qualche problema di ascelle e ad abituarmi a qualsiasi deodorante dopo qualche mese di utilizzo. Al momento, quindi, ho scelto di non ricomprarlo, credo di aver bisogno di una pausa da lui.

Colgate Pro Sensitive; non vi mostro mai i dentifrici che termino, ma di questo devo assolutamente parlarvi. Possiedo una decina di queste mini-taglie perchè (per un certo periodo) lo regalavano acquistando uno spazzolino Colgate. Così avevo deciso di conservarlo con cura, per poterlo utilizzare al lavoro (dove uso spazzolini e dentifrici formato viaggio). Ebbene, aveva un gusto terribile…secondo me sapeva di pesce bollito! -.- Volete mettere la gioia di lavarvi i denti con un dentifricio dal gusto pessimo? Ora mi chiedo come farò a terminare tutte le altre minitaglie che ho…

Bene, questi erano i miei prodotti terminati nel mese di febbraio. Abbiamo qualche prodotto in comune?

Ora corro a leggere il post della mia amica Fatina…venite con me? 😉

SAM_1699

Peggy Sage – Pennello da Sfumatura – Review

Buongiorno fanciulle!

Siccome il tempo qui a Torino è pessimo e da circa una settimana il sole (aka la luce naturale) non si fa vedere, io sono rimasta indietro con le foto per il blog. Dunque oggi vi parlerò di un “attrezzo del mestiere”, ovvero un pennello, che se anche viene fotografato con luce artificiale, non è un gran danno.

SAM_1699

SAM_1700

In particolare vorrei parlarvi di uno dei miei pennelli preferiti per gli occhi, quello da sfumatura di Peggy Sage. Io mi ero accaparrata questo gioiellino l’anno scorso al Cosmoprof, presso lo stand della famosa casa comsetica. Purtroppo ne avevo acquistato solo uno e, dal momento che qui a Torino questa marca non si trova, dovrò aspettare marzo per potergli regalare, finalmente, un compagno e lasciarlo “riposare” un pochino. Sì, perchè lo uso senza sosta tutti i giorni, lo strofino a ripetizione su veline impregnate di Brush Cleanser per poterlo adoperare (pulito) in ogni momento. Se i pennelli potessero parlare, lui mi manderebbe senza riserve a quel paese, chiedendomi una vacanza 😛

Il pennello dovrebbe essere un dupe del celeberrimo 217 di Mac. Il condizionale è d’obbligo, perchè io non possiedo il cugino più costoso e non posso fare paragoni. Vi posso però dire che quello di Peggy Sage è un ottimo pennello, in barba alla effettiva (o meno) somiglianza col Mac.

SAM_1703

E’ un pennello da sfumatura a setole bianche; ha una forma frontalmente piatta, ma è comunque molto denso. Dalle foto si vede la differenza tra il suo profilo e la sua “facciata” frontale. La sua forma permette di effettuare sfumature precise e la densità facilita tantissimo il lavoro.

SAM_1701

Sebbene (dato il colore delle sue setole) usandolo tenda a sporcarsi molto, con il lavaggio torna sempre come nuovo. Da quando ce l’ho non mi ha mai perso un pelo e anche la forma non ha subito alcuna variazione. Preciso, infine, che il manico è in legno e molto robusto (e lunghissimo, aggiungerei).

SAM_1702

Il prezzo è molto competitivo, ovvero circa 4 €. Insomma, se cercate un pennello da sfumatura, valido ed economico, questo fa sicuramente al caso vostro!

SAM_1707

Vi faccio vedere, infine, delle foto comparative accanto al pennello da sfumatura di Urban Decay, contenuto nella Naked 2.

Ora passo la palla a voi: l’avete mai provato? Usate e amate anche voi un pennello dalla forma simile a questa?

WP_20141129_13_48_35_Pro

Yves Rocher, Struccante bifasico Pur Bleuet – Review

Buongiorno a tutte fanciulle!
La review di oggi è “obbligata”, nel senso che non riesco a credere di non avervi ancora parlato di questo prodotto, sul serio.
L’avete visto già numerose volte tra i miei flaconi terminati, ma è arrivato il momento di raccontarvi nel dettaglio le sue caratteristiche.

Parlo dello Stuccante occhi Bifasico Pur Bleuet di Yves Rocher, e ovviamente avrete già capito che si tratta di una review positiva 😉

WP_20141129_13_48_35_Pro

Come di consueto inizio con qualche dato tecnico: il flacone contiene 125 ml di struccante bifasico, ovvero diviso in due parti, una trasparente e una blu. Agitandolo, si creerà un’emulsione che permetterà di struccarsi facilmente.

I prodotti Yves Rocher, in genere, non presentano un PAO sulla confezione, ma indicano specificatamente una data di scadenza (come per i medicinali). Il mio, ad esempio, scadrà a luglio 2016. Questo, se non erro, è dovuto alle regole francesi che impongono, anche per i cosmetici, una data precisa entro cui i prodotti devono essere terminati.

Il prodotto viene venduto esclusivamente nei negozi monomarca Yves Rocher o tramite catalogo (vendita diretta con presentatrice). Vi rimando al sito per tutti i dettagli.

WP_20141129_13_49_12_Pro

Il costo dello struccante è di € 4,95; ultimamente è stato trasformato in prodotto con bollino verde (ovvero non può essere scontato con le cartoline promozionali che arrivano periodicamente alle clienti), ma spesso è oggetto di offerte dedicate, come due flaconi al prezzo di uno.

Il potere struccante di questo prodotto è davvero fantastico: è sufficiente versarne una piccola quantità su un dischetto, appoggiarlo qualche secondo sull’occhio e in men che non si dica elimina perfettamente ogni residuo di trucco. E’ adatto anche alla rimozione del makeup waterproof.

Altro elemento positivo è la delicatezza di questo struccante: pur avendo io gli occhi estremamente sensibili, non mi ha mai provocato irritazioni o bruciori.

Ad essere estremamente pignola e voler trovare proprio un difetto a questo struccante, in onestà vi comunico che non amo il tappo a vite. Trovo piuttosto macchinoso i passaggi: agita il flacone-apri il tappo-versa il prodotto-richiudi il tappo-agita il flacone- riapri il tappo- versa il prodotto (per il secondo occhio). Insomma, una chiusura a scatto velocizzerebbe un po’ il tutto 😉

Essendo formato da due fasi, una acquosa e una oleosa, ovviamente risulta più unto di un’acqua micellare. Rispetto ad altri prodotti simili, però, l’untuosità è minore e comunque può essere facilmente rimossa con dell’acqua calda. Personalmente, causa contorno occhi secco, io prediligo gli struccanti bifasici, che mi lasciano la zona ben liscia e idratata.

WP_20141129_13_49_20_Pro

In conclusione mi sento di consigliarvi questo prodotto. Preciso, però, che non è naturale (vi lascio la foto dell’inci) e che contiene siliconi (cosa a cui io non bado particolarmente, soprattutto per prodotti a risciacquo).

E voi l’avete mai provato? Vi siete trovate bene anche voi come me?

Alla prossima!

20141101_175845

Fluido Volumizzante Arricciante – Bottega Verde – Review

Buonasera a tutte fanciulle!

Dopo avervi postato una foto su Facebook dei miei ricci, mi accingo a recensirvi il prodotto utilizzato per definirli al meglio. Come sapete sono una fedelissima consumatrice (o abusatrice? 😛 ) della Mousse di Franck Provost, ma mi piace alternare vari prodotti sui miei capelli (soprattutto per evitare che si “abituino”. Sì, lo so che sembro pazza, ma i miei capelli odiano la monotonia, non so che dire -.- ), sia per provare cose nuove, sia per poter tornare da lei con il cuore ancora più grande.

20141101_175845

In questo periodo, dunque, l’alternativa alla mia adorata spuma è il Fluido Volumizzante Arricciante di Bottega Verde. Sulla confezione si legge:  per eliminare l’effetto crespo e avere ricci perfettamente definiti, morbidi e voluminosi. Distribuire uniformemente sui capelli umidi, asciugare quindi naturalmente o utilizzare il phon con il diffusore.

Il fluido si presenta in un comodossimo flacone a pompetta e tappo superiore (così ben saldo, che con le mani umide potrebbe risultare difficoltosa l’apertura). Il prodotto è un gel trasparente e un po’ appiccicaticcio, dalla giusta consistenza nè troppo liquida, nè troppo densa.

Io, sui miei capelli di media lunghezza, ne applico tre/quattro dosi sui capelli umidi e leggermente tamponati; successivamente procedo all’asciugatura con phon e diffusore.

Il fluido definisce bene i miei ricci e al tempo stesso li lascia incredibilmente morbidi e soffici. Purtroppo, non essendo una spuma, ha una tenuta leggermente più debole e controlla meno il crespo dovuto all’umidità, ma l’effetto è pur sempre bellissimo e molto naturale. Non appesantisce nè unge i capelli e, a mio avviso, li idrata anche abbastanza. La consistenza leggermente appiccicosa permette al prodotto di aderire bene ai capelli, ma non lascia spiacevoli residui ad asciugatura ultimata, anzi. Toccando i capelli vi sembrerà di non aver messo nulla!

L’unico lato negativo, dunque, che mi sento di trovargli è il prezzo. La confezione contiene, infatti, solo 75 ml di prodotto e costa (a prezzo pieno) ben € 12,99! Come da politica consolidata del marchio, spesso si trova in offerta al 50%, ma rimane un prodotto pur sempre costoso (soprattutto considerandone l’esigua quantità) e non adatto ai momenti di necessità impellente (vi assicuro che è snervante stare dietro alle loro offerte!).

20141101_175939

Ora vi lascio a qualche foto del risultato sui miei capelli e, come mia abitudine, all’inci del prodotto.

20141101_130253

20141101_130216

 

 

 

 

 

 

 

20141101_130201

Voi l’avete mai provato? Credete anche voi che sia abbastanza costoso?

Alla prossima recensione!

20140823_173140

La Saponaria Crema mani Burro di Karitè e Rosa – Review

Buongiorno a tutti!

Oggi, dopo la breve pausa estiva, parto con una nuova recensione sul mio blog; nello specifico vorrei raccontarvi le mie impressioni circa la crema mani La Saponaria alla Rosa e Karitè.

20140823_173140

La crema si presenta in una confezione di latta da 60 ml. La consistenza è solida, ma al semplice contatto con il calore delle mani, si scioglie facilmente. Il profumo di rosa è inebriante e persistente; mi sento di sconsigliare questa variante (esiste anche la versione pura, Extra Vergine) a chi non ama questo profumo in quanto è molto accentuato, ma se come me adorate le rose e tutto ciò che le ricorda, allora fa per voi!

Sulla confezione possiamo leggere: crema mani all’olio extravergine di oliva biologico. Nutriente e rigenerante ideale per pelli secche e screpolate. 

Quanto all’efficacia sulle mani, devo fare una doverosa premessa: io ho le mani secche che più secche non si può. Perfino in primavera sono soggetta a fastidiosissimi tagli e ragadi che mi si formano sulle nocche a causa della disidratazione della mia pelle. Questo problema mi costringe, nei mesi invernali, ad utilizzare creme siliconiche che creino una patina protettiva sulla mia epidermide (come la mia adorata Neutrogena). Le formulazioni naturali, purtroppo, vengono assorbite rapidamente e altrettanto rapidamente perdono la loro efficacia protettiva sulla mia pelle problematica.

Per questo motivo ho scelto di utilizzare questo prodotto in estate, per poterlo valutare in condizioni “normali” e non estreme; l’idratazione che regala alle mani è molto buona, l’assorbenza ottima, tanto che (dopo aver massaggiato solo qualche secondo) non lascia traccia sulla pelle. L’unico difetto che ho riscontrato è stata l’efficacia piuttosto limitata nel tempo: dopo qualche ora dall’assorbimento le mie mani tornavano secche come prima dell’applicazione della crema.

Se siete, dunque, alla ricerca di un prodotto naturale (non contiene siliconi, petrolati e compagnia bella), ben idratante, che si assorba facilmente senza lasciare residui sulle mani, allora questo prodotto fa sicuramente al caso vostro. Se, invece, avete una pelle molto secca (come la mia), vi avviso che potrebbe non essere sufficiente, soprattutto nella stagione più fredda.

20140823_173200

Il prezzo si aggira intorno ai 4 € su quasi tutti i siti che commerciano prodotti bio, ma si può trovare anche nei negozi fisici rivenditori del marchio La Saponaria  (io l’avevo acquistata da Eataly a Torino).

Un ultimo pregio della crema è sicuramente la confezione in latta riutilizzabile; ora che ho terminato il prodotto all’interno, laverò la scatoletta e la utilizzerò nei viaggi per trasportare i dischetti di cotone, dopo aver letto questo articolo illuminante del blog A Colourfull Mess 😉

Avete già provato le creme mani de La Saponaria? Cosa ne pensate? Vi piacciono?

Al prossimo articolo!

the-very-inspiring-blogger-award

The Very Inspiring Blogger award…per me!

Buongiorno a tutte fanciulle!

Oggi vorrei, finalmente, ringraziare enormemente Francy del blog Trucco senza inganno per aver assegnato un premio (il primo, che emozione!) al mio blog. Mi raccomando, passate da lei perchè, oltre ad essere bellissima di suo, fa sempre dei trucchi stupendi e recensisce molti prodotti.

the-very-inspiring-blogger-award

Dunque, bando alle ciance, le regole per ritirare il premio sono: ringraziare la persona che te l’ha assegnato (fatto!), elencare le regole e visualizzare il premio (fatto!), condividere sette fatti su di te, nominare altri 15 blog e lasciargli un commento per far sapere loro che sono stati nominati.

Dunque, i sette fatti su di me sono:

1. Amo il rosa, in ogni sua sfumatura.

2. Colleziono pochette e porta trucchi. Niente da fare, quando ne vedo una (soprattutto rosa ed economica) non resisto e la acquisto!

3. Adoro le patate, cucinate in qualsiasi modo…bollite, fritte, in padella e chi più ne ha più ne metta!

4. Spesso e volentieri chiudo male i barattoli. Chi vive con me sa di non dover mai afferrare le cose dal tappo che, quasi sempre, è solo appoggiato.

5. Ho i piedi piccoli (porto il 35 di scarpe) pur essendo alta 1.70.

6. Quando mangio troppo e il mio corpo è sazio, comincio a starnutire. Questa cosa strana succede anche a mio fratello, quindi credo sia un difetto congenito.

7. Non mangio i formaggi, ma solo la mozzarella e la ricotta. Tutti gli altri mi disgustano proprio, da sempre!

Bene, ora procederò a nominare 15 blog a cui assegnare, a mia volta, il premio:

1. L’eleganza del riccio

2. Mind Fucking

3. Shopping a tutto tondo

4. Venomous beauty

5. Makeup non solo

6. Al di là dei sogni

7. The 1000th blog

8. Non solo shopping

9. Pink me up!

10. In cucina col rossetto

11. Elisa, nuvole di bellezza

12. Calipso Beauty

13. Un’estetista tra i mulini

14. Chiacchiere in libertà

15. Le chat noir

Dopo aver adempiuto ad ogni condizione imposta dal premio, vi saluto e vi do appuntamento al prossimo post!

Un bacione!

20140729_213949

Uso consapevole dei miei trucchi #6

Buongiorno a tutte fanciulle e benvenute ad un nuovo appuntamento con la rubrica Uso consapevole dei miei trucchi.

Prima di cominciare vorrei fare una doverosa premessa: ultimamente sono scomparsa dal mio blog a causa di una bruttissima congiuntivite che non mi permetteva di stare molto tempo davanti ad uno schermo. Ergo, non sono riuscita a scrivere molto. E la congiuntivite (che ora sto curando con due diversi antibiotici contemporaneamente, tanto era molesta!) è anche la causa del post scarno che vedrete oggi. Gli occhi gonfi non mi hanno particolarmente ispirata nei trucchi quotidiani e, inoltre, ho cercato di “contaminare” con batteri il meno possibile i miei amatissimi e preziosissimi prodotti di make-up.

Dopo questa doverosa premessa parto con il ricapitolare le caratteristiche di questo bellissimo progetto: un gruppo (favoloso, aggiungerei!) di blogger si impegna ad utilizzare, nell’arco della settimana lavorativa, tutti i propri trucchi, per non lasciare nulla di inutilizzato e per terminare ciò che è agli sgoccioli.

Ecco, dunque, le mie fantastiche compagne di avventura:

Sara del blog Le divagazioni di una fatina arancione,

Alessia del blog Shopping a tutto tondo

Alessia del blog Vis à Vis,

Elisa del blog Glamourcoma

Elisa del blog My magic wonderland,

Milena del blog EmmeMe: Make up& beauty,

Alice del blog Make up non solo

Mela Lazyfish di A fish-flavoured apple

Fatte le dovute premesse, ora posso partire e mostrarvi i trucchi che ho utilizzato nel mese di luglio 😉

20140729_213949

FONDOTINTA: Dopo aver (finalmente!) terminato quello di Avene, questo mese ho potuto passare al minerale, che prediligo nei periodi caldi. E’ anche vero che il caldo, qui a Torino, non è ancora arrivato, ma io sono un’inguaribile ottimista e, in barba alla pioggia, ho usato ugualmente un fondotinta in polvere. Tiè, aggiungerei 😛 Il re indiscusso del mese è stato il Bare Minerals Ready spf 20 nella colorazione R170, del quale vi ho già parlato *qui*. Continuo ad apprezzare molto questo prodotto (e dato il suo contenuto di ben 14 grammi, credo che mi durerà per tutte le estati della mia vita!) che è pratico in quanto compatto e che copre a sufficienza tutte le discromie della pelle (per i brufoli ci vuole, indubbiamente, il correttore) senza appesantire troppo il mio viso.

CIPRIA: sempre lei, la Compact Powder di Essence (*qui* la review).

CORRETTORE OCCHIAIE: causa congiuntivite, le mie occhiaie si sono manifestate in modo virulento. Per coprirle ho utilizzato il mio solito Full Coverage di Kiko nella colorazione 03.

CORRETTORE IMPERFEZIONI: nel momento esatto in cui sto scrivendo questo post un delizioso e simpaticissimo brufolo gigante (che ho chiamato Walter; ora dite tutte insieme: “Ciao Walter!!!”) ha preso residenza sul mio mento. E, a giudicare dalle dimensioni, credo si trovi così bene da non volermi abbandonare troppo presto (tenero, vero???); dunque, per mascherarlo (per quanto è possibile mascherare una protuberanza di tali dimesioni!) ho usato il solito Mac Studio Finish. Devo ammettere che fa bene il suo lavoro, anche se sta patendo il caldo (che, a quanto pare, è l’unico a percepire perchè qui tutti ci lamentiamo del contrario -.-) e si è sciolta la superficie superiore.

BLUSH: New entry del mese e del mio arsenale, ho utilizzato con estrema soddisfazione il Sun Club All in one 02 Sun Glow Essence. Io amo e adoro alla follia il suo profumo di cocco! Mi piace anche l’effetto bronzato che regala alle mie gote, facendomi apparire QUASI una persona normale, dotata di melanina (tutta apparenza però!).

Questo mese salterò a piè pari la categoria occhi, mentre mi sono sbizzarrita con i prodotti labbra. Ecco tutto ciò che ho utilizzato:

20140729_214549

Rossetto Lavera Maroon Kiss; sulle mie labbra molto pigmentate è praticamente un nude. L’ho usato quotidianamente per andare al lavoro o per uscire durante il giorno.

L’Oreal Glam Shine matitone Pink Sorbet; facile e veloce da utilizzare, trovo abbia un colore molto fresco ed estivo!

Kiko Volume Lipgloss numero 19; un colore molto carino e molto estivo!

Ecco dunque i prodotti che ho utilizzato nel mese di luglio; e voi, cosa avete usato di bello? Ma la vera domada è: da voi l’estate è arrivata? 😛 Qui continua a piovere e la temperatura si aggira intorno ai 25 gradi….

Ora corro a leggere i post delle mie amiche blogger, venite con me? 😉

Un bacione e buona estate!

20140712_103205

My top 5 Powder Room Products – #dramatag

Buongiorno fanciulle!

E’ arrivato il momento di partecipare ad un *nuovo* Dramatag, con soli due mesi di ritardo :-/ Ma l’importante è partecipare, giusto??? 😉

Oggi vi racconterò quei miei cinque prodotti da ritocco fuori casa, che generalmente porto con me in borsetta per poter essere sempre impeccabile. Vi metto *qui* il link al post di Drama, l’ideatrice di questo tag 😉

Premetto subito che i miei restauri, durante il giorno, sono tendenzialmente ridotti al minimo e che odio portarmi troppe cose in borsa (già così rientra nella categoria pesi massimi…u.ù); in genere ho una make-up bag con contenuto fisso, nella quale inserisco in modo variabile il prodotto labbra che ho applicato al mattino.

20140712_103205

Il primo prodotto, per me fondamentale, sono le salviettine assorbi sebo. Al momento sto usando quelle di Essence (che vi avevo recensito *qui*), ma sono curiosa di provare la versione di Kiko (ne ho letto opinioni positive da Misato 😉 ). In genere le tampono qua e là sul viso per contrastare le lucidità. Mi piacciono perchè non impegnano, ovvero…posso utilizzarle senza combinare grandi danni anche quando non mi trovo nel luogo adatto. Zac zac, così, sul viso…e via!

Lo step successivo è quello della cipria; spesso, infatti, dopo aver opacizzato il viso con le veline, uniformo la base con la cipria. In questo momento sto utilizzando quella della linea base di Elf: ha una confezione molto comoda e davvero compatta (perfetta per la borsa), ma purtroppo ha una colorazione spiccatamente gialla. Per i ritocchi on the go mi posso accontentare 😉

Nei giorni in cui un grazioso e indifeso (te possino….!) brufolo ha deciso di trasferire la sua residenza sul mio viso, non possono mancare di certo i ritocchi col correttore. Ne tengo, comunque, sempre uno di emergenza nella pochette, per scongiurare e nascondere anche quelli nati all’improvviso, nell’arco della giornata, a mia insaputa. Nel caso specifico vedete lo Skin Evolution di Kiko nella tonalità 01.

Spesso mi vedo costretta a ritoccare anche la matita occhi, soprattutto quando quella che ho applicato al mattino è colata o si è volatilizzata nel nulla. Cerco di portarmi matite automatiche che non necessitino del temperino. In questo caso ne vediamo una della Revlon (che vorrei terminare) come rappresentante della categoria.

Infine, dulcis in fundo, il re dei ritocchi è lui: il prodotto labbra. Perchè è quello che, in genere, scompare prima o che devo risistemare dopo un pranzo o una bevuta. Questo prodotto non è mai fisso e porto con me quello che ho applicato al mattino; in questo caso vedete il matitone L’Oreal Glam Shine Balm Gloss 901 Sorbet Rose, un prodotto passepartout che utilizzo spesso, soprattutto per i trucchi giornalieri.

Eccovi svelato il contenuto della mia pochette dei ritocchi; e voi, cosa portate con voi in borsetta? Più o meno le stesse cose mie? Avete suggerimenti da darmi? Scrivetemi tutto nei commenti!

Baci

20140702_085512

Usati del mese, uso consapevole dei miei trucchi #5

Buongiorno fanciulle e benvenute all’appuntamento del mese di giugno con i prodotti più utilizzati!

Ormai credo che ogni precisazione su questo progetto sia inutile come la data di scadenza sulla Nutella (eheheheh, le golosone come me capiranno!), ma partirei subito elencandovi le mie bellissime compagne di avventura, ovvero tutte quelle blogger che ogni mese decidono di usare i loro trucchi in modo consapevole 😉

Sara del blog Le divagazioni di una fatina arancione,

Alessia del blog Shopping a tutto tondo

Alessia del blog Vis à Vis,

Elisa del blog Glamourcoma

Elisa del blog My magic wonderland,

Milena del blog EmmeMe: Make up& beauty,

Alice del blog Make up non solo

Mela Lazyfish di A fish-flavoured apple

Per me giugno è stato il mese della congiuntivite e quindi i miei trucchi occhi sono stati semplici e sporadici. Purtroppo, tra l’altro, sono stata anche costretta a gettare via prodotti non ancora terminati (il mascara e un eyeliner) per evitare il ricontagio batterico 🙁

TRUCCO VISO

20140702_083555

– Fondotinta Avene compatto oil-free (review); bene, credo proprio che non lo vedrete più! Alla fine ho vinto io, tiè!

– Correttore Kiko Full Coverage per le occhiaie

– Correttore Mac Studio Finish per le imperfezioni

– Cipria Essence compact powder (review)

Blush H&M numero 18 sweet rose (review). Amo sempre di più questo blush: è economico, duraturo, per nulla polveroso e le mie guance assumono subito l’aspetto del “baciata dal sole”. Tanto ammmmore per lui!

Catrice Sun Glow Matt Bronzing Powder colore 020 deep bronze. Questo mese, grazie al trucco occhi scarno e semplice, al mattino ho avuto più tempo per dedicarmi al contouring. E devo ammettere che la differenza è notevole e, con un velo di terra nei punti giusti, i miei zigomi sembrano quasi esistere! Bene, d’ora in poi questo step diventerà necessario e fondamentale per evitare l’effetto faccia-pesce-palla 😛 Questa terra di Catrice non mi dispiace affatto; non è troppo aranciata e, nonostante il nome “deep bronze” è sufficientemente chiara da non creare macchie sulla mia pelle cadaverica.

TRUCCO OCCHI

20140702_085512

Primer Potion (immancabile, soprattutto col caldo!)

– Ombretto Pupa Vamp numero 100 per uniformare leggermente la palpebra e cancellare l’effetto rossiccio degli occhi un po’ gonfi. Devo ammettere che il colore mi piace molto, a metà tra un pescato e uno champagne… insomma, un color Bellini 😛

– Matita Lancome Le crayon Khole marrone e Kiko Glamorous Eye Pencil numero 404

– Mascara Deborah Milano Limited Edition Definitive Volume & Curl. Questo è un acquisto dell’anno scorso (ho le mie scorte in casa! :-P) che avevo pagato solo 4,99 €. Non so, per il momento non mi ha convinta, ma gli concedo ancora qualche altra chance.

Ecco, questi sono i miei prodotti più utilizzati del mese di giugno; come avrete notato sono davvero pochi, ma sono felice di poter affermare di aver smaltito un fondotinta…yeahhh!

Mando un bacione a tutte le mie compagne di avventura e corro a leggere i loro post….venite con me? 😉

 

20140614_173917

Siero Effetto Reale L’erbolario – Review

Buongiorno a tutte fanciulle!

Il prodotto che vorrei recensirvi oggi è il siero Effetto Reale de L’Erbolario.

20140614_173917

Partirei, in questo caso, da qualche dato tecnico. Il flacone in vetro (pesantissimo!), con erogatore a pompetta (molto comodo e funzionale) contiene 30 ml di prodotto con pao di 12 mesi e costo di € 14,50. Il profumo del prodotto è molto delicato e ovviamente richiama il miele.

Dicono di lui: “siero riparatore per capelli, trattamento intensivo. Agli amminoacidi della Pappa Reale e all’olio di Babassu. Previene e riduce la formazione delle doppie punte”.

La descrizione riportata sulla scatola consiglia di applicare il prodotto a capelli asciutti; io sconsiglierei questo metodo di utilizzo per due motivi: il siero è composto esclusivamente da oli e burri, quindi da soli elementi grassi. Dunque, secondo me, sarebbe sicuramente preferibile apportare prima ai capelli un minimo di idratazione fornita dall’acqua. Il secondo motivo è la difficoltà di stesura uniforme del siero; sui capelli umidi si applica più facilmente, mentre su capelli asciutti tende ad accumularsi di più in certe zone rispetto ad altre. Stando sempre a quanto riportato sulla scatola, il prodotto andrebbe agitato prima dell’uso; peccato che sia praticamente solido e, anche utilizzando la forza di Hulk, riuscivo a shakerare i miei organi vitali, ma non il siero ù.ù

Questo è un prodotto estremamente idratante, che mi sento di consigliare ad una chioma molto secca, ma in dosi minime. Io, pur avendo i capelli ricci e disidratati, se esagero nelle dosi mi ritrovo con l’indesiderato effetto unto e appesantito alla chioma. Non voglio immaginare, dunque, quale potrebbe essere il risultato su capelli normali/lisci.

Inoltre tende a sporcare i capelli; quando lo utilizzo in modo continuativo, devo procedere al lavaggio con qualche giorno di anticipo.

Apporta indubbiamente una buona idratazione, soprattutto nel lungo termine, ma per la mia esperienza di utilizzo è un prodotto troppo grasso e dall’effetto troppo pesante.

20131103_182112

Consiglio, dunque, questo siero “con riserva” invitandovi a provarlo prima in campioncino (L’Erbolario è molto generoso da questo punto di vista!) e a valutare l’effetto desiderato; se avete capelli normali e cercate un prodotto per l’idratazione quotidiana, vi conasiglierei di orientarvi sul altri prodotti. Probabilmente potrebbe essere adatto a persone con capelli decolorati e sfibrati da agenti chimici, che necessitano di un’idratazione davvero strong.
Ricapitolando, i vantaggi sono:

  • idratazione
  • profumo
Gli svantaggi:

  • costo
  • flacone in vetro molto pesante
  • appesantisce e sporca i capelli (soprattutto se usato in grandi quantità o in modo quotidiano)
Spero che la mia recensione di utilizzo possa esservi utile. E voi quale prodotto per l’idratazione quotidiana dei capelli utilizzate? Vi affidate ad oli/burri o a prodotti già confezionati?
Un bacione e alla prossima review!