Archivio tag: bag

TW8vqOj

My travel toiletry bag

Nel primo post del 2017 ci tengo innanzi tutto ad augurare a tutti voi buon anno. Io inizio l’anno nuovo con una trasferta di lavoro in montagna; cinque giorni nella bellissima Sestriere a lavorare e prendere un po’ di freddo 😛

Ho colto, però, l’occasione per mostrarvi il beauty che porterò con me in trasferta; pur non viaggiando in aereo, ho delle restrizioni di peso e dimensioni del bagaglio. Porterò quindi solo il necessario che (ho verificato) potrebbe tranquillamente essere contenuto in una busta trasparente del bagaglio a mano.

npXfaVa

Il beauty rosa mi era stato regalato l’anno scorso a Natale e conteneva un set di prodotti Nivea; tutto imbottito, mi sembra adattissimo alla montagna e alla stagione invernale! Contiene solo prodotti di igiene personale (vi mostrerò il beauty dedicato al make-up al mio rientro) e per lo più campioncini.

BztheTC

Le salviette struccanti in viaggio sono un must-have; ho scelto un pacco piccolo da 10 pezzi della Sensurè che mi erano state omaggiate dall’azienda al Cosmoprof. Una mini confezione di struccante bifasico Sephora e di acqua micellare Caudalie mi aiuteranno a completare le mie operazioni di struccaggio. Queste mini confezioni sono davvero adorabili e credo proprio che le conserverò per i prossimi viaggi! Porto poi una piccola confezione (ricevuta da Tigotà con l’acquisto di prodotti Garnier) di dischetti di cotone Demak-up.

MRQZeIT

Conto di lavare i capelli una, al massimo due volte. Sarà quindi sufficiente un mini shampoo Lavera Sensitiv (altro graditissimo omaggio dell’azienda), quattro campioncini di balsamo (Bottega Verde e Bioros), un piccolissimo flacone di idratante per capelli alla cheratina della Evox e una bustina di crema per ricci della Creative. Un piccolo pettine, infine, occupava molto meno posto della mia Tangle Teezer , anche se già mi sento male all’idea di non avere lei per districare i miei ricci…

y9frO41

Il piccolo flacone di bagnoschiuma Yves Rocher, omaggio di qualche cartolina clienti, si è rivelato utilissimo al viaggio: molto più comodo delle bustine, posso utilizzarlo per tutto il soggiorno senza fuoriuscite di prodotto. Tre bustine di crema corpo idratante, detergente intimo e crema mani completano l’occorrente per la mia igiene personale.

L3OlfB9

La crema viso Equilibra al Karitè sarà la mia crema notte; per il giorno, invece, conto di usare esclusivamente la protezione solare 50+ Avene (l’alta montagna non perdona la mia pelle diafana), sperando di terminare la confezione iniziata quest’estate. Trovassi, invece, giornate uggiose e senza sole utilizzerò il campioncino di Delicalma L’Erbolario (sono curiosissima di provarla!). Porto poi una bustina di detergente Ultra Facial Cleanser Kiehl’s, una di crema contorno occhi e una di siero. Quest’ultima non la utilizzerò di sicuro, ma risponde al principio del  just in case.

Pfmk8MW

Immancabili i cotton fioc, che ho inserito in un piccolo sacchettino di plastica; il secondo sacchetto contiene invece delle pinzette, una piccola lima per unghie, qualche elastico e forcine per capelli. Infine porto un mini profumo roll-on di Caudalie, una pinzetta extra per capelli e un burrocacao alla propoli, adatto alle temperature rigide della montagna.

Ho inserito all’ultimo (ma non compaiono in foto) anche uno spazzolino da denti, un mini dentifricio e un deodorante.

Ora chiedo a voi: cosa portate in viaggio quando non avete a disposizione molto spazio per i bagagli? Avete consigli da darmi per ridurre ulteriormente le dimensioni del beauty?

 

nanRmpI

On-the-go makeup bag

Ho cercato di attribuire un titolo faigo ad un post scarsamente utile: la pochette che porto in borsa per ritoccarmi il trucco fuori casa. Il mio piccolo tesoro, in grado di rendermi di nuovo presentabile quando comincio ad assomigliare ad un panda o quando al mattino sono stata troppo pigra per truccarmi. L’idea di fare un upgrade del post che avevo scritto qualche anno fa mi è venuta su ispirazione di Drama&makeup; con gli anni le esigenze cambiano e con loro anche i trucchi che scelgo di portarmi in borsa.

qPRSGNq

Partiamo dalla pochette: acquistata dai cinesi di fiducia per pochi spicci, non è particolarmente bella, ma altamente comoda. Piccola, compatta e capiente, ha l’interno foderato in plastica per non sporcarsi. All’interno ho cercato di puntare su prodotti multifunzionali e possibilmente in mini taglia, per avere il massimo risultato col minimo ingombro.

Per me che trascorro molte ore fuori casa (lavorando a contatto col pubblico) è fondamentale poter ritoccare il mio make-up. Il primo e fondamentale step è di tamponare le lucidità con una cartina assorbisebo. In questo momento uso le All About Matt di Essence, ma sono quasi terminate e credo che proverò altro.

Immancabile il correttore per nascondere le imperfezioni che rispuntano a metà giornata; il Catrice Cream Camouflage nel colore 10 è ben pigmentato e della consistenza giusta allo scopo. Fisso tutto con una mini cipria di Elf con spugnetta incorporata, aiutandomi con uno specchietto Chanel.

uQmt4lX

Utilizzo l’ombretto Essence 76 Pink me up! sulle guance; incredibile ma vero, il blush è una delle cose che sparisce prima dal mio viso. Devo ancora trovare un pennello piccolo e valido per applicarlo, nel frattempo mi affido a quella cosa ispida e pungente di Chanel che mi avevano regalato in profumeria. Non capisco come Chanel abbia potuto mettere il suo marchio su pennello così terribile, anche se in omaggio. A tal proposito chiedo a voi: avete qualche pennello da borsetta da consigliarmi?

Ritocco poco il trucco occhi (al mattino cerco di puntare su prodotti long lasting), ma quando lo faccio mi affido ad un mini ombretto Sephora color champagne – passepartout ottimo anche come illuminante sugli zigomi – e ad una mini matita nera Lancome.

GEOhaI9

Last but not least due rossetti: un nude Essence per il giorno – il prescelto è lui semplicemente perché sto cercando con tutta me stessa di terminarlo – e un rossetto rosso. Quando a fine giornata lavorativa capita di dover uscire con gli amici o con i colleghi, una semplice passata di rossetto rosso mi fa sentire automaticamente “da sera”. Nello specifico questo della Sante nel colore 04 ha un packaging compatto, dura a lungo sulle labbra ed è di un color lampone facilmente abbinabile.

Ecco, dunque, ciò che porto quotidianamente con me per ritoccare il mio make-up; come avrete notato non porto mai mascara – è difficile che io esca senza al mattino, fosse anche la sola cosa che applico. Ancora più improbabile che io lo ritocchi nel corso della giornata – terra e fondotinta. Anni fa non mancavano mai nella mia borsa; poi ho notato che non li usavo e ho scelto di risparmiare del peso inutile alle mie povere spalle….

Ora chiedo a voi: in borsa avete un arsenale da fare invidia ad un MUA, oppure vi affidate a pochi e mirati prodotti? Ma soprattutto, ritoccate il vostro trucco fuori casa?

SAM_1850

Il mio kit per restauri fuori casa!

Buongiorno a tutti!

Oggi vorrei mostrarvi il mio kit di salvezza, che rimane sempre pronto in un cassetto del mio vanity e che all’occorrenza prendo e infilo in una borsa. Non si tratta di prodotti che utilizzo quotidianamente per i ritocchi (in tal caso ho una make-up bag in borsa simile a quella che vi avevo mostrato qualche tempo fa), ma di un vero e proprio arsenale di prodotti fondamentali per realizzare un trucco completo fuori casa.

SAM_1847

La uso in palestra, quando non torno a casa dopo l’allenamento ed ho bisogno di essere presentabile per qualche impegno successivo; in treno, quando la partenza è al mattino presto e decido di truccarmi direttamente sul convoglio; quando trascorro una notte fuori casa e al mattino successivo so che dovrò truccarmi; quando vado a fare qualche trattamento al viso (struccata) e all’uscita voglio essere comunque truccata. I prodotti all’interno mi permettono, dunque, di effettuare un trucco basilare, ma d’effetto, senza saltare alcun passaggio. La uso più spesso del previsto, quindi ho scelto di lasciarla sempre pronta all’uso; in questo modo evito di dimenticare pezzi o di dover perdere tempo a prepararla.

La pochette è di Tiger e l’avevo acquistata a dicembre, dopo aver letto questo post; purtroppo l’avevo trovata solo verde acido (un colore che non amo alla follia), ma le ho viste di recente in quattro differenti colori (verde acqua, verde acido, rosso corallo e il quarto mi sfugge, sorry!). Costa 4 €, ma è una delle pochette per il make-up più comode che io possieda. Oltre ad essere estremamente resistente, ha una parte superiore destinata ai pennelli e una parte inferiore “a pozzo” dove riesco ad inserire tantissimi prodotti. L’unico difetto è che gli elastici porta-pennelli sono tutti molto stretti, quindi ho dovuto scucirne uno per riuscire ad infilare il pennello viso. Effettuata questa piccola modifica, è diventata senza dubbio perfetta.

SAM_1849

Per la base viso tengo all’interno un campioncino di primer. In questo caso vedete una bustina de L’Erbolario, ma ho già pronti altri sample per quando questa sarà finita. Ovviamente non utilizzo sempre il primer, ma dipende da cosa mi aspetterà nella giornata. Risulta senza dubbio utile per i trucchi in treno, quando so che dovrò affrontare una giornata lunga e faticosa. Il correttore in stick Kiko Skin Evolution è destinato alle mie occhiaie e ad eventuali piccole imperfezioni; non è il prodotto della vita, ma fuori casa mi accontento ed essendo in stick è comodo da applicare. Fuori casa mi trovo bene con fondotinta compatti in polvere, che all’occorrenza possono funzionare anche da cipria. In questo periodo sto utilizzando quello di Sephora 8h opacizzante che avevo acquistato in saldo a circa 7 €. non ha una grande coprenza, ma per uniformare il viso è perfetto. Il blush, per ragioni di spazio, è rappresentato da un vecchio ombretto Essence rosa acceso glitterato. Non so cosa mi fosse saltato in testa di comprarlo, ma ho trovato un modo per riciclarlo e usarlo comunque. Vedete, poi, un ombretto marroncino taupe di Kiko; ecco, lui è il mio passepartout che utilizzo sia per il contouring del viso, sia per enfatizzare la piega (inesistente) della mia palpebra (colore 121).

SAM_1853

Quanto agli occhi, ho scelto di inserire prodotti compatti, utili per un trucco molto basico. L’eyelid primer sheer di Elf (che su di me non funziona poi molto bene, infatti sto cercando di terminarlo!), una palettina di Rimmel con la Union Jack (è molto compatta e possiede diversi colori carini) e una matita marrone di Bottega Verde. Tocco finale, una minitaglia di mascara, in questo caso di Yves Rocher.

SAM_1855

SAM_1860

SAM_1863

Inserisco all’interno solo tre prodotti labbra: una matita rosa di Benecos, un gloss trasparente in stick di Max Factor e un burrocacao colorato alla ciliegia di Labello.

SAM_1866

 

Infine gli attrezzi del mestiere: i pennelli fanno parte di un set da viaggio che ho acquistato su Ebay (finti Eco Tools) e che non sono affatto male, un temperino per le matite, un pennello doppio h&m (che consiglio caldamente: è stupendo!), un vecchio scovolino di mascara e un piegaciglia da viaggio (che però, a mio avviso, non serve a nulla -.-).

SAM_1851

Ecco, dunque, il contenuto della mia ancora di salvezza cosmetica fuori casa. Avete anche voi qualcosa di simile? Cosa scegliete di portarvi per fare un trucco fuori casa?

Alla prossima!

 

20140712_103205

My top 5 Powder Room Products – #dramatag

Buongiorno fanciulle!

E’ arrivato il momento di partecipare ad un *nuovo* Dramatag, con soli due mesi di ritardo :-/ Ma l’importante è partecipare, giusto??? 😉

Oggi vi racconterò quei miei cinque prodotti da ritocco fuori casa, che generalmente porto con me in borsetta per poter essere sempre impeccabile. Vi metto *qui* il link al post di Drama, l’ideatrice di questo tag 😉

Premetto subito che i miei restauri, durante il giorno, sono tendenzialmente ridotti al minimo e che odio portarmi troppe cose in borsa (già così rientra nella categoria pesi massimi…u.ù); in genere ho una make-up bag con contenuto fisso, nella quale inserisco in modo variabile il prodotto labbra che ho applicato al mattino.

20140712_103205

Il primo prodotto, per me fondamentale, sono le salviettine assorbi sebo. Al momento sto usando quelle di Essence (che vi avevo recensito *qui*), ma sono curiosa di provare la versione di Kiko (ne ho letto opinioni positive da Misato 😉 ). In genere le tampono qua e là sul viso per contrastare le lucidità. Mi piacciono perchè non impegnano, ovvero…posso utilizzarle senza combinare grandi danni anche quando non mi trovo nel luogo adatto. Zac zac, così, sul viso…e via!

Lo step successivo è quello della cipria; spesso, infatti, dopo aver opacizzato il viso con le veline, uniformo la base con la cipria. In questo momento sto utilizzando quella della linea base di Elf: ha una confezione molto comoda e davvero compatta (perfetta per la borsa), ma purtroppo ha una colorazione spiccatamente gialla. Per i ritocchi on the go mi posso accontentare 😉

Nei giorni in cui un grazioso e indifeso (te possino….!) brufolo ha deciso di trasferire la sua residenza sul mio viso, non possono mancare di certo i ritocchi col correttore. Ne tengo, comunque, sempre uno di emergenza nella pochette, per scongiurare e nascondere anche quelli nati all’improvviso, nell’arco della giornata, a mia insaputa. Nel caso specifico vedete lo Skin Evolution di Kiko nella tonalità 01.

Spesso mi vedo costretta a ritoccare anche la matita occhi, soprattutto quando quella che ho applicato al mattino è colata o si è volatilizzata nel nulla. Cerco di portarmi matite automatiche che non necessitino del temperino. In questo caso ne vediamo una della Revlon (che vorrei terminare) come rappresentante della categoria.

Infine, dulcis in fundo, il re dei ritocchi è lui: il prodotto labbra. Perchè è quello che, in genere, scompare prima o che devo risistemare dopo un pranzo o una bevuta. Questo prodotto non è mai fisso e porto con me quello che ho applicato al mattino; in questo caso vedete il matitone L’Oreal Glam Shine Balm Gloss 901 Sorbet Rose, un prodotto passepartout che utilizzo spesso, soprattutto per i trucchi giornalieri.

Eccovi svelato il contenuto della mia pochette dei ritocchi; e voi, cosa portate con voi in borsetta? Più o meno le stesse cose mie? Avete suggerimenti da darmi? Scrivetemi tutto nei commenti!

Baci

20140530_091414

Cosmetici da palestra! ;-)

Buongiorno a tutte fanciulle!

Ieri è stato il mio compleanno e il mio auto-regalo, quest’anno, è stato un abbonamento in palestra. Ho finalmente capito che conduco una vita troppo sedentaria e che un po’ di movimento non può che giovare alla mia salute, dunque quale regalo migliore che fare del bene al mio corpo? 😉

Oggi vorrei pubblicare un post leggermente diverso, in cui vi mostro quali prodotti cosmetici ho deciso di inserire nel mio borsone e spiegarvi per quali motivi ci sono finiti.

20140530_182157

Bagnoschiuma. Ho deciso di non portarmi un flacone intero, ma di travasare un po’ di prodotto in una di quelle bottigliette da viaggio (un set acquistato da Tigotà). Il bagnoschiuma del caso è l’unione di una quantità esorbitante di campioncini dell’Erbolario all’Ortensia. L’odore non mi fa impazzire, ma per una doccia rapida in palestra posso ben accontentarmi!

Detergente intimo. Per me è un prodotto fondamentale sotto la doccia, per rispettare al massimo le parti più delicate del mio corpo. In questo caso ho optato per una travel size Nivea da 50 ml acquistata da Tigotà al prezzo di circa 1,50 €. Terminatone il contenuto, travaserò il mio abituale detergente dentro questo piccolo flacone.

Deodorante. Non lo vedete in foto perchè non ho ancora avuto modo di acquistarne uno da lasciare fisso nel borsone della palestra. In questi giorni, quindi, ho spostato ripetutamente il mio deodorante di fiducia e nel momento delle foto si trovava già comodamente nell’armadietto di casa mia.

Crema Corpo. In questo caso ho deciso di portarmi il flacone intero per due motivi: non avevo travel size (e non ho fatto in tempo ad acquistarne) e non mi andava di travasarne il contenuto in un flacone più piccolo che, inevitabilmente, andrebbe lavato spesso per eliminare totalmente la profumazione residua prima di rimboccarne il contenuto. Mentre col bagnoschiuma (che è un prodotto lavante di per sè), al termine del prodotto è sufficiente sciacquarne via i residui, con la crema dovrei faticare maggiormente (= pigrizia portami via!). In questo caso vedete il latte corpo de La voglia matta di Perlier al profumo di zucchero filato (non così stucchevole come si potrebbe pensare). L’avevo acquistata all’outlet sbagliando a leggere l’etichetta (non so per quale motivo ma mi sembrava fosse profumata ai fiori di cotone -_-), pentendomi dell’acquisto non appena scoperto l’errore, dunque l’ho relegata all’utilizzo in palestra 😛

Salviette struccanti Quando è. Le ho acquistate da Tigotà ad un prezzo irrisorio (meno di 1 € sicuramente) e devo ammettere che non le trovo affatto male! Le ho utilizzate prima dell’esercizio fisico per eliminare tutto il trucco (amo faticare con la faccia pulita) o al termine della “faticaccia” per rinfrescarmi il viso.

Campioncino di crema viso. In questo caso ho deciso di portare con me un campioncino della crema che utilizzo abitualmente (e che mi avevano regalato in farmacia) per idratare il viso dopo la doccia. La revierw della crema in full size la trovate *qui*.

Tendenzialmente preferisco non lavare i capelli in palestra, quindi non porto nè shampoo nè balsamo. Tutti questi prodotti che avete appena visto li butto alla rinfusa all’interno di una tasca del borsone. In una pochette, invece, custodisco gelosamente i prodotti di make-up che utilizzo per regalarmi un’aspetto meno devastato all’uscita della palestra.

20140530_184122

Kiko soft focus compact n. 03. Questo è uno dei fondotinta che ho comparato e ricomprato più spesso; non copre poi molto (diciamo che è quasi una cipria), ma è comodo per uniformare leggermente e per regalare un’aspetto matte al viso. Ho pensato potesse essere perfetto per l’occasione 😉

Kiko Velvet touch stick blush n. 05. Questo prodotto è nuovissimo e quindi non mi sento ancora in grado di scriverne opinioni, ma l’ho inserito nel mio borsone per la praticità di utilizzo di un blush in stick!

Set pennelli da viaggio. Anche loro sono arrivati da pochissimo a casa mia; sono dei fake Ecotools, che ho ordinato su ebay pagandoli appena 4 €. Sono così piccoli e carini che li ho reputati perfetti per la palestra 😉

Come potete vedere la mia make-up bag da palestra è davvero essenziale. Per il momento non è ancora capitato che, dopo la lezione, io dovessi realizzare un trucco completo, ma è stato sufficiente uniformare leggermente la base. Ho iniziato da così poco la mia attività sportiva che è tutto ancora provvisorio, ma vi avviserò sicuramente con un nuovo post nel caso ci siano sostanziali cambiamenti.

Mi raccomando, se avete qualche suggerimento su cos’altro potrei portarmi o su come risparmiare peso e spazio (la mia spalla ringrazierebbe, dal momento che vado a piedi fino alla palestra) non esitate a lasciarmi commenti!

Alla prossima, un bacione a tutte!

 

20130724_113709

Pochette per le emergenze….sempre con me ;-)

Buongiorno fanciulle!

Qualche tempo fa vi avevo mostrato la mia make-up bag, ovvero la pochette che tengo sempre in borsa con il necessario per un rapido ritocco al trucco.

Oggi vorrei mostrarvi la seconda pochette che non esce mai dalla mia borsa, quella che contiene il necessario per qualsiasi tipo di emergenze. Ricordo che, quando ero piccola, mio fratello (maggiore) mi obbligava a guardare il telefilm MacGyver; se avete più o meno la mia età ricorderete sicuramente le peripezie di quel ragazzo avventuriero, che riusciva a destreggiarsi in ogni situazione utilizzando i pochi strumenti che aveva a disposizione. Ebbene, il concetto della mia “pochette delle emergenze” è più o meno lo stesso 😛

Utile premessa iniziale: trascorro molte ore fuori casa e al lavoro (dove non posso però lasciare cose personali), quindi sono costretta a portare con me alcuni oggetti utili 🙂

Ecco, dunque, il contenuto:

20130724_113709

La pochette che utilizzo è quella di Essence; è capiente, resistente e impermeabile, nonché economica: perfetta all’uso!

Alla sua sinistra c’è uno specchietto a cui sono molto affezionata: ha la simpatica  scritta “autocritica” proprio al di sopra di quella che è la parte riflettente 😛

C’è poi un piccolo kit di cucito che mi è già capitato di utilizzare in palestra, quando mi ero accorta che i pantaloni da ginnastica presentavano un buco in una parte un po’ intima; non sono bravissima a cucire, ma in caso di necessità posso cavarmela.

Nella seconda fila ci sono le mie salviettine deodoranti Sensurè, ottime in caso di odori molesti improvvisi (soprattutto d’estate!); dei cerotti e degli assorbenti.

Porto sempre con me una salvietta anti-zanzare della Chicco “rubata” alla mia nipotina (mi farò perdonare, promesso!), comoda quando decido, senza averlo programmato, di fare un aperitivo serale sul lungo Po; una salviettina mono-uso struccante della Cotoneve che utilizzo spesso, quando non sopporto più il trucco o quando il caldo me lo ha sciolto in modo irrimediabile. C’è, inoltre, una salvietta intima (non si sa mai), un pezzo di saponetta (spesso nei bagni non trovo il sapone) chiusa in una bustina e infine alcune medicine.

Nell’ultima fila in basso fanno capolino due elastici per capelli e delle forcine, una mini-taglia di crema mani, una lima di cartone, uno spray dopo-puntura (che toglierò presto, lo portavo con me solo durante le escursioni in montagna), e un piccolo set con forbici e coltellino, regalo del mio ex.

Ebbene, ecco che ho finalmente palesato nel blog il contenuto “segreto” della mia borsa;  mi piace sapere di poter affrontare ogni imprevisto 😉

Un bacione a tutte!

 

 

20130724_113410

La mia make-up bag, ovvero quali trucchi mi porto sempre in borsa!

Ciao a tutte ragazze, eccomi con un nuovo post!

Oggi sono stata terribilmente combattuta sull’argomento del mio sproloquio quotidiano, vedo che “va” molto il contenuto della borsa mare, ma io quest’anno non andrò in vacanza, quindi per me è out. Mi concederò qualche giorno in montagna, quindi potrei farvi vedere le mie creme solari, ma in genere preferisco sempre dare qualche opinione di utilizzo, quindi questo post dovrà aspettare un po’.

Così, non sapendo “che pesci pigliare” (citazione latina 😀 ) ho deciso di farvi vedere il mio beauty da borsetta, cioè la meglio nota Make-up bag per le evenienze in itinere (ecco, questo sì che è latino 😉 ) durante la mia giornata.

Ulteriore premessa (come se non vi avessi già tediate abbastanza) è una pochette stagionale, nel senso che alcuni prodotti cambiano in inverno, quando ad esempio mi concedo anche un rossetto sempre con me, ma che in questi giorni evito col terrore che mi si squagli in borsa 😉

20130724_113410

Allora, la pochette mi è stata regalata quest’inverno con l’acquisto (in farmacia) di un mascara e una matita della marca Dolomia; è piccola e compatta, perfetta per non occupare troppo posto.

I prodotti che vedete sono:

– una mini palette della Rimmel con ombretti viola, rosa e bianchi. L’avevo pagata meno di cinque euro in saldo ed è utile quando (in terribile ritardo) al mattino applico solo il mascara; così durante la giornata ho modo di aggiungere qualche colore sugli occhi oppure usare il colore più chiaro come illuminante. La qualità di questa palette non è ottima, ma per le emergenze va più che bene!

– cartine sebo assorbenti della Essence. Ve ne ho parlato qui e le trovo ottime per tamponare le lucidità che si formano sul viso, soprattutto in questo periodo. Inoltre sono compatte ed occupano poco posto, perfette per l’occasione 😉

– Cotton fioc; perchè non si sa mai e sono utilissimi per correggere una matita sbavata o un ombretto colato 😉

– correttore Skin Evolution Kiko, colorazione 1; l’avevo comprato in offerta proprio con lo scopo di tenerlo in borsa…cercavo qualcosa di economico che non mi spiacesse rovinare o perdere. Il colore però è molto aranciato, soprattutto considerando che lo uso per tamponare qualche imperfezione che sia “uscita” nel corso della giornata o che si ricomparsa dopo un estenuante lavoro di mascheramento al mattino (accidenti a lei!). Ma ben sfumato riesco ad utilizzarlo ugualmente!

– una matita nera. Perchè non si sa mai 😉

– uno specchietto piccolissimo…

– un temperino. Ormai lo porto sempre dietro da quando mi si era rotta la punta della matita e non avevo potuto risolvere la situazione non avendo temperini con me…beh, ora non capiterà più!

Come vi ho accennato prima, in inverno mi concedo anche un rossetto passepartout (un MLBB) da utilizzare all’occorrenza 😉

E voi, cosa vi portate in borsa per ritoccare il make up durante la giornata? Io sono per natura molto curiosa, quindi “sbircio” sempre volentieri nelle borse delle altre ragazze!