Archivio tag: balsamo

20151031_134214

Parole di Burro, Lush – Review

Buonasera a tutti e benvenuti ad una nuova recensione sul mio blog.

Oggi voglio parlarvi di un prodotto che o scoperto l’anno scorso e del quale non posso più fare a meno. Si tratta di Parole di Burro, un burro corpo idratante in forma solida. Ve l’ho mostrato recentemente sulla mia pagina Facebook e, visto il vostro riscontro positivo, ho deciso di dedicargli un post sul mio blog.

20151031_134214

Ho deciso di acquistare questo prodotto per ovviare ai momenti di pigrizia, quando dopo la doccia non ho voglia/tempo di applicare la crema idratante. Parole di Burro si è rivelato perfetto per questo scopo: è molto pratico e veloce da utilizzare e idrata perfettamente la mia pelle secca.

Ecco come lo utilizzo: senza uscire dalla doccia, ancora con la pelle bagnata (cerco di fare l’ultimo risciacquo con acqua molto calda, in modo da preparare bene la pelle) passo sul corpo Parole di Burro, come fosse una saponetta. Poi lo ripongo e con le mani inizio a massaggiare l’emulsione che si viene a creare, insistendo sulle zone più secche. Dopo di che sono pronta per indossare l’accappatoio e per vestirmi immediatamente.

SAM_2083

Dopo l’utilizzo è importante riporre il burro in un luogo arieggiato, per permettergli di asciugarsi correttamente.

Parole di burro è molto idratante e si scioglie immediatamente a contatto col calore del corpo, ma non lascia assolutamente la pelle unta come con l’utilizzo degli oli. E’, infatti, possibile vestirsi immediatamente dopo averlo utilizzato. Quando la mia pelle è particolarmente stressata e squamata lo applico quotidianamente prima di un’altra crema idratante; il lavoro congiunto di due prodotti diventa un toccasana!

SAM_2081

Il profumo è molto delicato e naturale; so che a non tutti piace, ma io personalmente lo trovo poco invasivo e adatto ad essere associato ad una spruzzata di profumo 😉

Ora veniamo alle note dolenti di questo prodotto: si consuma davvero rapidamente e non è per nulla economico. Sul sito di Lush (dove potete anche leggere gli ingredienti) o in qualsiasi bottega del brand, il panetto costa 9,95 € per 75 grammi. Non so se sia un problema del prodotto oppure se la colpa sia mia che lo uso troppo spesso, ma vi assicuro che si consuma molto, molto rapidamente. Ad occhio e croce direi che un panetto dura per una decina di applicazioni.

Nelle botteghe vendono anche una scatola in latta quadrata adatta alla conservazione di Parole di Burro; io personalmente ho scelto di non acquistarla e lo ripongo comodamente in un portasaponetta (quelli da viaggio, con delle fessure sul fondo che permettono il passaggio dell’aria).

In conclusione sto adorando questo balsamo solido di Lush e, sebbene non sia un prodotto economico, lo ricomprerò sicuramente (magari alternandolo a creme corpo meno costose).

Voi l’avete mai provato? Cosa ne pensate dei prodotti Lush? Cosa mi consigliereste di provare?

20151019_091312

Yves Rocher, Balsamo Labbra Culture Bio – Review

Credo di avere un serio problema con i balsami labbra. Seppure io ne possieda una quantità esorbitante, non riesco a resistere e ne acquisto sempre di nuovi. Probabilmente in questo momento ho una scorta sufficiente per idratare le mie labbra da qui a cinquant’anni, ma continuo imperrita a voler provare nuovi prodotti.

Questa doverosa premessa per farvi capire la mia reazione quando ho visto questo delizioso tubetto in una bottega di Yves Rocher. La mia espressione è stata simile a questa:

Gatto_occhi_dolci
Il balsamo labbra fa parte della line Culture Bio e costa 3,95€. Purtroppo si tratta di un prodotto a bollino verde che, quindi, non può essere ulteriormente scontato con le offerte periodiche delle cartoline, ma il prezzo lo rende comunque competitivo ed economico per essere un prodotto totalmente naturale.

20151019_091312

Il prodotto ha una consistenza densa ma ben spalmabile e permane a lungo sulle labbra. Non è appiccicoso ed assolutamente confortevole. Il colore è leggermente bianco ma, sulle labbra, diventa totalmente trasparente regalando un effetto glossato. Ha un profumo delicato e poco persistente, che lo rende adatto anche a chi non ama profumazioni forti sotto al naso.

20151019_091521

Da quando uso questo balsamo tutte le sere, le mie labbra al mattino sono morbide e ben idratate. Le pellicine sono sicuramente attenuate e non ho avuto grandi problemi di secchezza.

La confezione è a tubetto, con classico applicatore “trasversale”; pur essendo un prodotto in crema, quindi, può essere utilizzato senza doverlo prelevare con le dita (il che è apprezzabile soprattutto fuori casa).

20151019_091446

In conclusione mi sento di promuovere assolutamente questo prodotto, soprattutto in considerazione del rapporto qualità-prezzo.

Unico lato negativo, che mi sento di rilevare per le più attente agli ingredienti, sul tubetto del balsamo labbra non è riportato l’INCI. Seppure, quindi, il prodotto faccia parte della linea Culture Bio e dovrebbe contenere solo ingredienti naturali, purtroppo non ci è possibile verificare questo dettaglio.

20151019_091323

Quantità di prodotto: 10 ml

PAO: non riportato (i prodotti Yves Rocher contengono proprio la data di scadenza; il mio balsamo labbra scadrà a novembre del 1016)

Certificazione EcoCert: sì

walkingdeadproduct (5)

The Walking Dead Product #1

Buongiorno a tutte fanciulle!

Oggi è nata una nuova rubrica nella blogosfera, in collaborazione con queste fantastiche ragazze:

Sara di Le Divagazioni di una Fatina Arancione

Alessia del blog Shopping a tutto tondo

Alessia del blog Vis à Vis

Elisa del blog My magic wonderland

Alice del blog Make up non solo

Milena del blog EmmeMe: Make up& beauty

Ecco di cosa si tratta: ogni mese vi mostreremo un prodotto che non ci piace o che facciamo terribilmente fatica a terminare e proveremo ad usarlo in modo intenso, al fine di togliercelo finalmente dalle scatole 🙂 Il mese prossimo tireremo le somme e vedremo se abbiamo vinto la sfida!

walkingdeadproduct (5)

Ecco il mio prodotto sfida, che abita a casa mia da un anno e mezzo ormai…..

20130530_155223

Si tratta del balsamo labbra Erbario Toscano all’Uva Reale, di cui vi avevo parlato *qui*. Questo prodotto era stato inviato gratuitamente a molte blogger e youtuber (ma non a me 😛 ) e a furia di vedermelo davanti in ogni post o video, avevo ceduto all’acquisto. Ecco dunque i 7 € peggio spesi della mia vita! E’ formato unicamente di burri ed oli che la maggior parte delle volte si separano l’un l’altro (se siete fortunate esce il burro, altrimenti preparatevi ad oli che colano ovunque!). Per di più non è affatto idratante, anzi! Se è possibile, mi secca le labbra peggio di prima che lo applicassi.

Durante questo mese cercherò di smaltirlo anche nell’uso alternativo che gli ho attribuito, ovvero come balsamo per le cuticole (la vera sfida in questo caso è la costanza 😛 )

Riuscirà Monique a sterminare questo prodotto? Al prossimo mese, l’ardua sentenza!

Vi piace questo nuovo progetto? Cosa ne pensate?

Ora corro a leggere i post delle mie collaboratrici, venite con me? 😉

20140307_144821

Lip Butter Vanilla & Macadamia Labello – Review

Buongiorno a tgutti!
Dopo la mia pausa forzata a causa della congiuntivite, finalmente posso riprendere con le mie adorate recensioni, parlandovi del Labello Lip Butter Vanilla&Macadamia.
20140307_144625

Ho acquistato questo prodotto a marzo, al prezzo lancio di € 2,99, dopo averne sentito parlare (bene) da tantissime blogger e youtuber americane. Da loro il prodotto è marchiato Nivea, ma la casa produttrice è la stessa, la Beiersdorf.

Altra piccola differenza, oltre oceano esistono quattro profumazioni differenti (tra cui quella neutra), mentre in terra italica ne sono uscite solamente due: quella che possiedo io e quella al Lampone.

Quando al supermercato ho visto (come un miraggio) l’espositore di questi balsami, sono rimasta almeno cinque minuti in contemplazione, nell’incertezza se acquistarlo o meno. Perchè, se da un lato le recensioni ultra positive americane e la curiosità mi spingevano a metterlo immediatamente nel carrello, la lista degli ingredienti non propriamente naturale mi frenava alquanto. Ovviamente ha vinto la curiosità.

Il prodotto si presenta in un barattolino di latta (adorabile aggiungerei) da 19 ml, forse un po’ scomodo da aprire, se ad esempio avete le unghie lunghe o le mani unte di crema.

Il prodotto è bianco, dalla consistenza molto morbida, che si scioglierà subito al contatto con le dita. Ovviamente il balsamo dovrà essere prelevato con le mani, cosa che mi impedisce di portarlo in borsa, ma l’ho destinato ad un uso esclusivamente casalingo.

20140307_144821

Il profumo è inebriante: dolce, ma non stucchevole, a me ricorda le barrette di cioccolato Kinder, gnam!

Sulle labbra è totalmente incolore, ma regalerà un effetto leggermente lucido (che a me non dispiace).

Quando ho acquistato questo prodotto, avevo le labbra devastate da quest’altro balsamo: piene di tagli, secche e con pellicine a volontà. Proprio lo stato terribile della mia bocca mi ha convinta a provare un prodotto dall’inci chimico, immaginando che un minimo di barriera non assimilabile dalla pelle, potesse aiutarmi.

Ebbene, mi sono letteralmente innamorata di questo balsamo! Inizialmente ha davvero risolto il mio problema alle labbra, che nel giro di una settimana sono tornate al loro massimo splendore. Mi ha però stupita nell’uso prolungato; il balsamo aderisce perfettamente alle labbra per molte, molte ore e le idrata davvero! So che, chi è fautore del naturale e del bio, probabilmente non condividerà la mia opinione, ma il livello di idratazione di questo balsamo è molto alto, il migliore che io abbia mai provato.

Utilizzandolo al mattino (prima di uscire di casa) le mie labbra sono idratate fino a dopo pranzo e applicandolo alla sera, prima di coricarmi, al mattino sono morbide e vellutate.

20140307_144736

Questa è, dunque, un’altra mia inversione di marcia nel campo del naturale che, ultimamente, ho abbandonato. Vorrei scrivere un post al riguardo, ma l’argomento è bollente e credo che ogni persona dovrebbe valutare la sua esperienza e trarne le proprie considerazioni personali, quindi per il momento non mi sembra opportuno parlarne 😉

In conclusione, mi sento davvero di consigliare questo balsamo labbra; purtroppo ho notato che a prezzo pieno non è propriamente economico (costa circa 5 €), ma è anche vero che ne basta così poco ad ogni singolo utilizzo, che durerà parecchi mesi (io lo uso quotidianamente da marzo).

E voi lo avete provato? E’ piaciuto anche a voi? Spero di esservi stata utile raccontandovi la mia esperienza!

20140307_144625

Lip Butter Vanilla & Macadamia, finalmente in Italia!!!

Buonasera a tutte fanciulle!

Oggi post molto rapido e fuori programma solo per condividere con voi la mia sorpresa quando ho visto, nel supermarcato della mia città, un prodotto famosissimo, tanto osannato e decantato in qualsiasi video americano o blogpost europeo.

Sto parlando del Lip Butter della Nivea, che da noi, però, è marchiato Labello (la ditta madre è la medesima, ovvero la Biersdorf). Nel Belpaese sono uscite due sole versioni (la metà rispetto a quelle presenti oltr’Alpe) alla Vanilla & Macadamia e al Lampone (per il momento possiamo accontentarci 😉 ) e potete ammirarle sul sito ufficiale della Labello che vi linko qui.

20140307_144625

Io mi sono fatta subito tentare dalla versione alla vaniglia, ma non escludo di provare anche quella al lampone. Entrambi erano al prezzo lancio di € 2,99.

Il balsamo labbra è contenuto in una bellissima jar di latta piuttosto bassa e dal diametro abbastanza largo, molto comoda per prelevare il prodotto con le mani, anche per chi avesse le unghie un po’ lunghe (le jar strette renderebbero, a costoro, l’operazione più difficoltosa).

20140307_144821

Il prodotto all’interno è bianco e dalla consistenza molto morbida che si scioglie immediatamente al contatto con il calore delle dita. La profumazione è davvero dolce e inebriante, ma non vanigliata in modo pronunciato; a me ricorda la panna, il latte o qualcosa di simile alla pannacotta. Non nascondo di aver aperto diverse volte la confezione, da quando la possiedo, al solo e unico scopo di annusare il burro labbra.

Ovviamente lo possiedo da troppo poco tempo per poterlo recensire, ma posso già dirvi che mi sta piacendo molto. Rimane a lungo sulle labbra e le idrata sufficientemente, creando anche una leggera barriera dagli agenti atmosferici.

Infine qualche dato tecnico: la confezione contiene 16,7 grammi di prodotto (la stessa quantità delle versioni straniere) con pao di 12 mesi. L’inci, ovviamente, non è bio, ma io non mi formalizzo particolarmente.

20140307_144736

Avete anche voi provato questo golosissimo e zuccheroso balsamo labbra? Mi consigliereste anche la versione al lampone?

Un bacione a tutte e buona serata!

20140126_095254

Cicaplast Levres – La Roche Posay- Review

Buongiorno fanciulle!

La review di oggi riguarda un prodotto che sto amando alla follia in questo ultimo periodo e del quale ho proprio voglia di parlarvi. Lo avete già visto citato nel post dei preferiti dello scorso mese che vi linko *qui* e avevo accennato a lui nella review di questo odiato prodotto.

Come vi avevo accennato in questo post, in questo periodo ho le labbra molto secche che tendono spesso a screpolarsi e a lasciarmi quelle fastidiosissime pellicine in superficie (che si vedono con qualsiasi rossetto che io decida di indossare!). L’unico prodotto che riesce a risolvermi tale situazione è il Cicaplast Levres di La Roche Posay.

20140126_095254

Iniziando subito da qualche dato tecnico, il tubetto contiene 7,5 ml di prodotto con pao di 18 mesi e costa € 5 (in farmacia e parafarmacia). L’applicatore tagliato, permette di utilizzarlo anche fuori casa in tutta sicurezza igienica (io evito sempre di portarmi fuori casa le confezioni in jar).

Il gel che ne fuoriesce è trasparente/bianco e lascia un velo lucido sulle labbra che a me non dispiace. Ovviamente fuori casa, per questo motivo, consiglio di controllare l’applicazione con l’aiuto di uno specchietto, per evitare di uscire troppo fuori dai bordi e di rendere lucido tutto il contorno delle labbra.

20140126_095347

Il prodotto non è affatto appiccicoso, ma aderisce bene e a lungo alla superficie delle labbra lasciandole ben idratate per molte ore. Le prestazioni migliori, comunque, le regala applicato alla sera prima di coricarsi: al mattino le labbra saranno morbide, idratate e riparate.

Questo balsamo è davvero fenomenale: idrata perfettamente le labbra, le ripara e le rende estremamente morbide. Pur avendo io molti balsami aperti (che, per inciso, non mi piacciono affatto! >.<) ho già quasi terminato questo flaconcino in meno di un mese.

Vi lascio anche una foto degli ingredienti così che possiate valutarli. In conclusione mi sento davvero di consigliarvi questo prodotto, ottimo e non particolarmente costoso.

20140126_095318

Voi lo avete già provato? Avete il vostro balsamo labbra del cuore?

Alla prossima review, un bacione a tutte!

20140202_152518

Preferiti di Gennaio!

Buongiorno a tutte fanciulle e buona domenica!

Nella mia città il tempo oggi è piovoso, umido e uggioso, il che concilia tantissimo un bel pomeriggio a casa trascorso guardando qualche video su You Tube sorseggiando una tazza fumante di tè, leggendo qualche pagina del mio libro del momento (che per inciso si tratta di Oliver Twist; sto adorando questo romanzo e sto provando un reale senso di protezione nei confronti del protagonista!) e pubblicando un post qui sul mio blog.

Divagazioni a parte e cercando di andare dritta al punto, oggi vorrei farvi una carrellata dei prodotti che ho preferito nel mese appena concluso.

Iniziando dal make-up ho letteralmente adorato il pigmento Mac Tan; grazie ad un paio di acquisti nello store (uno lo vedrete tra poco!) ho potuto avere un sample di questa meravigliosa polverina magica. E’ un colore splendido che definirei un bronzo-dorato, dalla scrivenza spettacolare, dalla sfumabilità magnifica e dalla durata incredibile. L’ho utilizzato anche ieri sera per il mio trucco ed è durato intatto (col primer UD sotto ovviamente, ma vi posso assicurare che questo primer vacilla con gli ombretti polverosi ed economici di Essence) dalle ore 19 alle 2 del mattino! Sono tornata a casa e mi è quasi spiaciuto struccarmi perchè i colori sulle mie palpebre erano perfetti. Quando finirò questo campioncino potrei valutare di fare la pazzia e acquistare la full-size; oppure potrei chiederla in regalo per il mio compleanno.

20140202_152518

Altro preferito del mese è stata senza dubbio la palette Kiko Dark Heroine 01 Lounge Warm Tones che ho acquistato con i saldi (qui il post). In particolare sto amando il primo colore a sinistra, un marrone scurissimo completamente matte che adoro per le sfumature all’angolo esterno dell’occhio (utilizzato con soddisfazione anche in associazione al pigmento citato prima 😉 ). E’ leggermente polveroso, ma molto pigmentato e facilmente sfumabile. Continuo, quindi, ad apprezzare le palette in LE di Kiko, che hanno sempre un’ottima qualità; se acquistate con i saldi, poi, le apprezzo ancora di più!

20140112_175317

Nel genere “accessori” il preferito indiscusso del mese è stato sicuramente il Brush Cleanser Mac; dopo anni di incertezza, alla fine ho ceduto all’acquisto e non me ne sono pentita nemmeno un istante! Il rapporto qualità-quantità-prezzo è altissimo: il prodotto contenuto nel flacone è molto (ben 235 ml) ed è utilissimo se, come me, non avete un vero e proprio arsenale di pennelli. Pulisce perfettamente il pennello tra un colore e l’altro (ma vi consiglio di aspettare qualche minuto prima di riutilizzarlo: l’asciugatura non è immediata!), ma l’ho utilizzato con soddisfazione anche alla sera per pulire i pennelli  del make-up mattiniero e in attesa di riutilizzarli al mattino successivo. Io l’ho travasato in un flacone spray per sprecare meno prodotto possibile.

20140202_152610

Altro top del mese di gennaio è stato il balsamo labbra La Roche Posay Ciclapast levres; è lui il prodotto magico citato in questo post che ha risollevato le sorti delle mie labbra in un momento di disidratazione atroce. Ve ne parlerò prestissimo in una review, ma per il momento vi dico solo che lo amo!

20140126_095254

Ultimo preferito, si tratta di un prodotto per capelli. Durante un giro “perditempo” da Tigotà aspettando un mio amico ritardatario, sono stata attratta dall’Olio Anticrespo per capelli secchi di Franco Battaglia Professional che ho acquistato al prezzo di € 3,90. In realtà, contrariamente a quanto potrebbe sembrare dal nome, è un prodotto gelatinoso e non oleoso che io uso con soddisfazione sui miei capelli ricci per combattere il crespo. Lo applico sia a capelli umidi dopo il lavaggio che come leave-in quotidiano al mattino. Questo prodotto si merita una recensione tutta sua che vi farò non appena lo avrò testato a lungo; per il momento, comunque, entra di diritto tra i preferiti del mese scorso 😉

20140202_153100

Questi sono stati tutti i prodotti che ho amato alla follia nel mese appena trascorso…e voi, cosa avete apprezzato di più a gennaio? Avete mai provato i prodotti che ho citato io?

Buona domenica a tutti!

20140126_095923

Sanoflore – Baume Lèvres nourricier. Review

Buongiorno fanciulle. Oggi, lunedì, mi appresto ad iniziare la settimana nel modo più difficile possibile, scrivendo la review che rimando da molti mesi e non so ancora come impostare.

Premetto subito che ho acquistato questo prodotto la scorsa estate e che l’ho utilizzato per un lungo periodo, quindi dovrei sapere cosa scriverne. Il condizionale, però, è d’obbligo in quanto non so ancora se questo prodotto mi piaccia o meno e così ho rimandato fino ad oggi la recensione.

Poi, però, ho pensato che la mia indecisione e la mia poca convinzione, siano in realtà due elementi importanti nella descrizione di un prodotto. Perchè, a mio avviso, se ancora non è scoccato l’amore dopo quasi sei mesi di costante utilizzo, un motivo dovrà pur esserci.

Partiamo dal principio, protagonista del mio post odierno è il balsamo labbra Sanoflore Nutriente, a base di ingredienti bio di origine alimentare. Io l’ho acquistato in una parafarmacia al prezzo (abbastanza alto) di circa 8 € (dieci centesimi in meno, per la precisione) per un vasetto di 12 grammi di prodotto.

20140126_095923

Mi sono fatta attirare dalla confezione deliziosa e un po’ retrò con tappo a vite dorato, dalle caratteristiche riportate sulla scatola, dagli ingredienti bio e dalle recensioni positive presenti sul web di un prodotto simile, ma al miele, delle medesima casa produttrice.

Una volta aperto il vasetto, il prodotto si presenta di colore giallo tenue dal profumo fruttato molto piacevole e poco aggressivo e dalla consistenza estremamente dura e compatta. Questo è il primo difetto che ho riscontrato: l’alta densità del balsamo non permette di prelevarne mai abbastanza e bisogna scaldare tanto la superficie per riuscire a prenderne la giusta quantità. Una formula un po’ più morbida avrebbe sicuramente facilitato l’applicazione.

20140126_095939

Il prodotto non è particolarmente idratante; applicato durante il giorno (ad intervalli molto ravvicinati, cioè circa ogni ora) potrebbe risultare sufficiente a donare la giusta idratazione alle labbra, ma la confezione a vasetto non è adatta a questo utilizzo. Non potrei mai portare questo balsamo nella mia borsa per la scarsità di igiene che si verificherebbe nel prelevarlo durante il giorno.

Utilizzato alla sera, però, questo prodotto è stato sufficiente soltanto nella stagione autunnale; con l’arrivo dell’inverno e dei primi freddi, infatti, se prima di coricarmi applicavo questo balsamo, la mattina mi svegliavo con le labbra secchissime, disidratate e piene di screpolature. E, con l’uso prolungato, la situazione è degenerata, tanto da costringermi ad acquistare ben due prodotti “d’urto” per risollevare le sorti delle mie labbra.

E’ come se, poco tempo dopo averlo applicato, le labbra assorbissero rapidamente tutto il prodotto senza però trovarne giovamento nel lungo periodo. Il balsamo che sto utilizzando ora, invece (che presto vi recensirò ;-)), crea uno strato ceroso sulla superficie delle labbra, che rimane intatto tutta la notte e che le idrata a fondo.

In conclusione, credo che sia un prodotto adatto a chi non ha particolari esigenze idratanti alle labbra o comunque da utilizzarsi in periodi dal clima mite. Ho letto sul web review positive sul suo fratellino al miele (che potrei provare in futuro), ma ammetto di essere rimasta delusa dalla qualità di questo balsamo, soprattutto rapportata al prezzo non propriamente economico.

20140126_095953

E voi avete per caso provato questo balsamo labbra? Come vi è sembrato?

Buon inizio settimana a tutte!

capelli-ricci-e-medi

Tutto ciò che vorreste sapere sui capelli ricci!

Buongiorno fanciulle,

oggi un post leggermente diverso sull’argomento che più mi sta a cuore: i capelli ricci. Credo di aver guardato e curiosato ogni singolo video, post o articolo su come prendersi cura al meglio di questa tipologia di capelli e voglio racchiudere in questo mio post tutta la mia sapienza, ovvero tutti quei consigli che, letti qua e là per il web e riviste, si sono rivelati utili e prodigiosi.

Partiamo da qualche premessa: questo post si riferisce a chi è già riccio di natura e non a chi vorrebbe esserlo 😉 Sebbene io abbia un’esperienza vitalizia nel gestire i boccoli che la natura (anzi, mamma e papà :-P) mi hanno fornito, sarei pessima nel fornire consigli alle lisce o alle mosse che vorrebbero qualche onda in più.

Altra doverosa premessa per tutte le ricce all’ascolto (anzi alla lettura!) cercate di amare i vostri morbidi boccoli, perchè lisciarli più volte alla settimana non giova affatto e rischierete di rovinare un capello già più delicato di altri.

capelli-ricci-e-medi

Quello che ricerco io, come credo anche le altre ricce, è un boccolo ben definito, voluminoso soprattutto all’attaccatura dei capelli, e lucido.

Infatti i capelli ricci patiscono praticamente tutto: l’umidità, il phon troppo caldo, lo stress, le decolorazioni, e mille altre cose!

I primi consigli che mi sento di fornirvi riguardano la fase del lavaggio; col tempo ho imparato che è preferibile utilizzare shampoo delicati, ma anche alternarli fra di loro per evitare che i capelli si abituino e che l’effetto finale sia pessimo. Noto che con certi shampoo i capelli risultano più voluminosi, mentre con altri l’effetto piatto è assicurato. Io non ho ancora trovato ciò che fa per me, quindi vi consiglio di sperimentare. Io ho utilizzato QUESTO, con il quale mi sono trovata molto bene, mentre sto ancora sperimentando lo shampoo Yves Rocher Reparation (ve ne ho parlato qui) e il Lavera al latte di rose (lo trovate qui). Mi piacciono tutti, ma nessuno di questi mi ha lasciata esterrefatta.

Durante il lavaggio vi consiglio un attento e delicato massaggio alla cute; sul momento vi assicuro che sarà molto piacevole e i risultati sul volume saranno ottimi!

In genere io faccio sempre due “passate” di shampoo; so che in giro ne consigliano solo una, ma riesco ad avere i capelli davvero puliti soltanto replicando due volte il lavaggio. Certi shampoo, inoltre, li utilizzo diluiti in uno spargi-shampoo (la proporzione è 1 di shampoo e 7 di acqua), altri, invece, li utilizzo in purezza. In genere dipende dal potere lavante (il Lavera, ad esempio, diluito è come se non lavasse nulla!).

Dopo di che passo all’idratazione; alterno sempre una maschera e un balsamo ad ogni lavaggio (mi spiego meglio: se oggi ho utilizzato la maschera, al prossimo lavaggio utilizzerò il balsamo) e vario sempre nei prodotti. QUI potrete vedere alcuni esempi.

Questo è il momento più importante di tutto il lavaggio: applico il districante (maschera o balsamo) con molta cura, senza mai esagerare nelle dosi (altrimenti appesantirebbero il capello in fase di asciugatura), cercando di arrivare anche nei punti più critici (ad esempio dietro la nuca) e districando i nodi con le mani. Lascio poi in posa il prodotto per almeno 10 minuti e infine pettino (mi raccomando, utilizzate un pettine a denti molto larghi!) la chioma delicatamente, cercando di stressare poco i capelli.

Ora sciacquo il tutto e tampono i capelli con un asciugamano in microfibra (acquistato da Decathlon) che rimarrà in testa per circa 10 minuti.

A questo punto non ho più bisogno di pettinare i capelli (l’ho già fatto con il balsamo in posa) e semplicemente spettino un po’ la capigliatura con le mani per lasciare che i ricci si formino da soli. Procedo poi con il prodotto di styling, che in questo periodo è la Mousse Frank Provost che trovate recensita QUI. L’importante, in questa fase, è dosare la giusta quantità di prodotto: non troppo, altrimenti i capelli si sporcheranno prima e il volume sarà pressochè assente, ma nemmeno troppo poco per evitare una massa indefinita stile Cugini di Campagna. Io ne utilizzo la quantità pari ad una albicocca (i miei capelli arrivano appena sotto le spalle).

La spuma va applicata dolcemente, stringendo i ricci dentro il pugno di una mano e non accarezzandoli (altrimenti, con le mani, allungherete e liscerete il boccolo 😉 ) insistendo soprattutto sulle punte e meno sulla cute (qui è fondamentale un po’ del volume naturale dei capelli ricci).

phil_smith_07

Procedo poi con l’asciugatura con phon al minimo (aria e calore) e con diffusore. Io mi trovo bene a mettermi a testa in giù ed a raccogliere tutti i ricci dentro il diffusore lasciando che si asciughino lentamente. Poi mi alzo e, massaggiando la cute, asciugo anche la parte più alta della testa.

Infine, ultimo tocco a capelli praticamente asciutti, un po’ di olio o di idratante senza risciacquo (pochissimo, mi raccomando).

I ricci, purtroppo, col passare dei giorni perderanno il loro volume e tenderanno ad appiattirsi un po’; dunque le prime mattine dopo il lavaggio (quando sono ancora voluminosi) cerco di bagnarli il meno possibile e applico una dose minima di un prodotto idratante senza risciacquo (presto la review di quello che sto utilizzando in questo periodo), giusto per ravvivare i boccoli ed idratarli. Gli ultimi giorni prima del nuovo lavaggio, invece, al mattino abbondo con acqua (meglio se vaporizzata con uno spruzzino) e mi concedo qualche goccia in più di olio o di fluido idratante.

Bene, questo mi sembra davvero tutto, se avete domande o suggerimenti da darmi non esitate 😉

Un abbraccio boccoloso a tutte!

20130803_170634

…la scoperta del secolo: il PLOPPING! E i prodotti per capelli (ricci) del periodo

Eh sì, lo so…quando leggerete il titolo di questo post penserete “ha scoperto l’acqua calda!”.

Sono mesi, anni che si parla di questo Plopping, ma io ci sono arrivata soltanto ora, non so che dire ragazze! Complici le temperature torride di questi giorni, ho pensato…”ma perchè non provare?” Il primo tentativo è stato breve e con scarsi risultati; il secondo è andato meglio e così via. Ora sono veramente soddisfatta di questo metodo di asciugatura.

Ma vado con ordine e inizio spiegandovi che cos’è il plopping (per chi ancora non lo sapesse): è un metodo di asciugatura dei capelli (per lo più indicato alle ricce) che si esegue con l’aiuto di un asciugamano. Ma non il classico metodo del turbante, bensì un sistema innovativo di indossare il panno che permette di ottenere il massimo risultato sulle radici. Eh sì perchè, se siete ricce come me, saprete bene che il problema numero uno dei capelli a cava-turacciolo (come li chiama la mia mamma 🙂 ), è quello delle radici senza volume e le lunghezze leonine. L’effetto a triangolo, insomma!

Dunque ecco una foto presa dal web che illustra il metodo di asciugatura col Plopping

ploppinguh6

Vi avviso che, nonostante le temperature alte e l’asciugamano, anche dopo 3 ore i  capelli saranno sempre umidi; ma a quel punto basterà un colpetto di phon oppure lasciar finire il lavoro all’aria calda di agosto.

Prima di mettere l’asciugamano, ovviamente, dovrete cospargere i capelli del vostro prodotto preferito per lo styling 😉

Consiglio spassionato: evitate e non considerate gli sguardi maligni e di scherno che le persone attorno a voi vi lanceranno quando vi vedranno accovacciate a testa in giù per mettere al meglio l’asciugamano 😛

E siccome oggi mi sento molto “loquace”, sebbene io stia scrivendo e non parlando, vorrei farvi vedere anche i prodotti che utilizzo per i capelli in questo periodo.

20130803_170502

– via ho già parlato e tessuto le lodi dello Shampoo Yves Rocher Reparacion e continuo ad adorarlo! Delicato, lavante, economico…mi piace!

– Quanto allo Shampoo Lavera al latte di rosa, invece, la mia opinione è opposta; mi lascia i capelli unti e che si sporcano subito dopo il lavaggio, ma, soprattutto, mi lascia le radici flosce, non so come spiegarmi. Sicuramente non lo comprerò più, ma il problema si sta rivelando il finire questo flacone che è a mala pena ad un terzo 🙁

20130803_170634

Balsamo Expert Reparation Franck Provost ; quasi un litro di balsamo (750 ml per la precisione) che finirò nel 2046. Ma quanto ce n’è???? o_O L’avevo comprato in offerta in una profumeria I Limoni al modico prezzo di 4 € e qualcosa e avevo pensato “così tanto balsamo per un prezzo così basso? Conveniente!” Peccato che io mi stufi in fretta dei prodotti e che questo mi sia già venuto a noia (nonostante il livello di prodotto consumato sia poco), per non parlare del fatto che i miei capelli non sono molto lunghi, quindi non uso tanto prodotto e che ho altri flaconi aperti. Ergo, non finirà mai!

Balsamo Ultra Dolce per capelli ricci all’olio di avocado e burro di karitè; prodotto economico, ma che piace molto ai miei capelli. Lo compro spesso!

Crema capelli Bottega Verde Hammam; questa maschera (è molto più corposa di un balsamo) mi piace veramente tanto. Ha un profumo un po’ orientaleggiante e contiene davvero la polvere di ghassoul, che è visibile nella crema.

Maschera Erboristica ai semi di lino de I Provenzali; ho comprato numerose volte questo prodotto, tanto che ora mi è venuto a noia. Non vedo l’ora di terminarla per cambiare! Per carità, fa bene il suo lavoro, districa, idrata, ma la trovo un po’ cara e la quantità di prodotto all’interno è poca (200 ml).

20130601_174041

Ovviamente non può mancare la mia mousse ricci Franck Provost, di cui vi ho già parlato, quindi non vi tedio ulteriormente.

Ci tengo solo a precisare in conclusione (e vi faccio un applauso se siete arrivate fino qui e avete sopportato questo mio sproloquio lunghissimo) che tutti i prodotti per capelli che utilizzo sono senza siliconi 😉

Ed ecco uno zoom dei mie ricci asciugati col metodo del Plopping:

20130803_170905

Ciao a tutte ragazze!