Archivio tag: prodotti

ME8xeoG

I prodotti bye bye di Sara e Monique #36

Eccomi finalmente giunta al consueto appuntamento mensile con la dolcissima Fatina del blog Le Divagazioni di una Fatina arancione e con i nostri prodotti terminati. A marzo non sono riuscita a terminare molte cose, ma sono comunque soddisfatta del mio impegno costante nello smaltimento delle scorte accumulate negli anni.

Xb32dr9

Frank Provost maschera capelli Expert Nutrition; i prodotti di questo marchio di per sé non sono male, ma contengono troppo prodotto. Ho impiegato una vita a terminare quasi mezzo chilo di maschera capelli e nel frattempo mi ero abbondantemente stufata del prodotto. La maschera non era nulla di eccezionale, ma svolgeva tutto sommato il suo compito. Non mi ha fatto battere il cuore e non credo proprio di ricomprarla. Ora posso dedicarmi allo smaltimento di altri prodotti simili ancora nel mio bagno….

Lush Crema da doccia The Comforter; non mi dilungo più di tanto, ma vi rimando alla recensione che ne avevo fatto *qui*. Mi è piaciuta molto, ma non la ricomprerò fino a quando non avrò smaltito tutti gli altri bagnoschiuma in mio possesso…

L’Oréal Latte detergente Olio Straordinario; è davvero un ottimo prodotto che finisco e ricompro. E’ economico (circa 3 € in offerta) e strucca molto bene (il viso). L’ho prontamente sostituito con uno identico…

7CTAq2B

Yves Rocher Pur Bluet struccante occhi bifasico; il mio solo e unico struccante occhi. Ora ha cambiato confezione, ma spero che la composizione sia rimasta invariata.

Bottega Verde crema viso alle Mandorle dolci; la usavo come crema notte dopo lo struccaggio. Non era male e mi è piaciuta, ma credo che non fosse abbastanza idratante per la mia pelle in inverno. Al momento sto cercando di terminare altre creme che avevo in casa, ma non credo di ricomprarla.

Neutromed deodorante dermo defense 5; al momento è il mio deodorante del cuore. Mi mantiene fresca tutto il giorno (ovviamente in combinazione con docce quotidiane) e non irrita le mie ascelle ultra sensibili. Già ricomprato.

bQlQgy1

Carrefour papier toilet umide; salviette umide che tengo in borsa per l’igiene di emergenza. Vario spesso le marche, ma queste sono le mie preferite per reperibilità e delicatezza.

Quadrotti di cotone Cotonet; erano i miei preferiti fino a quando non ho scoperto i maxi dischetti Cien. Questi della Cotonet sono validi, ma troppo cari (più di 2 € a confezione). o preferito non ricomprarli.

Yves Rocher siero anti cellulite concentrato; costa tanto e secondo me non vale a sufficienza. Si assorbe troppo in fretta e il tubo contiene troppo poco prodotto per usarlo quotidianamente. Della linea anti cellulite di Yves Rocher ho preferito senza dubbio il Gel Riducente.

Chanel Mascara Le Volume; ho adorato questo mini mascara! Rendeva le mie ciglia lunghe, separate e nerissime. Peccato il prezzo, ma potrei pensare di fare una follia e di comprarlo sfruttando qualche sconto….

Ecco dunque i prodotti che sono riuscita a terminare nell’ultimo periodo. Voi siete state più brave di me? Ora corro a leggere il post della mia amica Fatina; venite con me?

 

 

 

zkFKIRk

I prodotti bye bye di Sara e Monique #33

Eccoci qui al post più atteso del mese, nonché il primo del nuovo anno, sui prodotti terminati del periodo. Ovviamente è in collaborazione con La Fatina del blog Le Divagazioni di una Fatina Arancione, alla quale mando un bacio!

Questo mese sono riuscita a terminare diverse cose, quindi vi consiglio di mettervi comodi, magari accompagnando la lettura con tè e biscotti.

udTsrz5

Collistar Magica CC Cream Capelli biondo caramello; qui vi avevo recensito la colorazione “rosso paprika” che amavo alla follia. Avendo però cambiato colore di capelli, ho scelto di provare anche la colorazione Biondo Caramello; non mi è piaciuta come l’altra. Colorazione scarsa, inesistente copertura dei capelli bianchi, secondo me era come acqua fresca. Ora proverò qualche prodotto simile, ma di un altro brand, sperando di trovarmi meglio.

Dolce e Gabbana Light Blue Eau de Toilette; è stato il mio profumo per anni, ma ora mi ha un po’ stancata. Questa bottiglia, nello specifico, mi era stata regalata da un’amica e l’ho terminata con soddisfazione. Ora voglio smaltire tutti gli altri profumi che stazionano nel mio armadio, poi comprerò altro.

Maybelline Fit Me! fondotinta 115; finalmente è terminato. L’avevo acquistato anni fa ed era un prodotto totalmente sbagliato per me. Colorazione troppo scura e troppo rosata, coprenza medio leggera, tendeva a lucidarmi tantissimo la zona T. Ovviamente non lo ricomprerò più, anche se mi ispira il “cugino” in versione matt.

mLuY2wn

Catrice mascara Glamour Doll Ultra Black & Curl; il mascara non era male, ma purtroppo si è asciugato alla velocità della luce. Notavo però che tendeva a crollare con il passare delle ore sul mio contorno occhi. Insomma, ho ancora la versione waterproof da provare, ma questo di sicuro non lo riacquisterò.

Dischetti di cotone Carrefour discount; gli ultimi che sono riuscita a trovare. Credo che, purtroppo, li abbiano tolti dal commercio. Addio!

Essence All about Matt oil control paper; le ho utilizzate per anni, trovandomici bene. Ora però ho scelto di cambiare e ho capito che c’è di meglio! Ve ne parlerò prestissimo, ma ho trovato delle cartine assorbisebo economiche ed efficaci. Stay tuned

Cien Care burrocacao; questo era l’ultimo esemplare della confezione da tre pezzi. Economici, ma non particolarmente efficaci. Io lo utilizzavo a casa, dove non avevo bisogno di grandissima idratazione. Ora vorrei provare la nuova versione nature alla Calendula.

Yankee Candle Tart Vanilla lime; sicuramente una delle mie preferite. La ricomprerò sicuramente.

XLQJE39

Saponetta Etap; piccolo sapone trovato in un hotel, l’avevo portato con me in trasferta.

Astra Soul color ombretto in crema; purtroppo si è seccato e sono costretta a gettarlo via. Ultimamente sto cercando di comprare pochi ombretti cremosi proprio per la loro tendenza a seccarsi con facilità.

Revlon Colorstay liquid liner; finalmente sono riuscita a terminarlo. Colore poco pigmentato, si scioglieva sull’occhio e tendeva a colare. Mai più!

Campioncini vari; molti erano venuti in trasferta con me. La crema mani de L’Erbolario era efficace, ma aveva una profumazione che mi risultava fastidiosa. La Basic Cream per il corpo era troppo densa, faceva tantissima scia bianca e non idratava a sufficienza. La Crema idratante protettiva al mirtillo, invece, mi è piaciuta molto e non ne escluderei l’acquisto in futuro.

1Tgwxmg

Vi mostro, infine, due sacchetti di candele Tea Light; quelle originali Yankee Candle purtroppo non mi sono piaciute molto. Duravano poche ore e se spente, non potevano essere riaccese. Ora ho scelto di acquistare le candeline di Ikea, delle quali ho sentito meraviglie.

Come avrete notato, il mio smaltimento intensivo sta finalmente dando i suoi frutti; ho ancora tanto lavoro da fare, ma piano piano sto dando fondo a tutte le mie scorte di prodotti.

E voi, cosa avete terminato nell’ultimo periodo? Abbiamo prodotti in comune? Avete prodotti da consigliarmi?

szQF9Pb

My travel make-up bag – business trip edition

Ogni promessa è debito, dunque eccomi qui a parlarvi dei trucchi che ho portato in trasferta. Pur avendo necessità di rimanere compatta (come vi avevo raccontato per il beauty cosmetico), dovevo comunque essere presentabile in situazioni lavorative.

k0s0eaC

Il beauty è il medesimo di questo post; molti prodotti rimangono fissi, altri li aggiorno per le occasioni. Per la base mi sono affidata a pochi prodotti collaudati: il correttore Skin Evolution di Kiko per le occhiaie (fuori produzione ormai; peccato, perché fa il suo lavoro), il Cream Camouflage di Catrice per le imperfezioni e il fondotinta compatto di Sephora. Quest’ultimo ha un’ottima durata, una discreta coprenza e mi mantiene opaca molto a lungo. Considerando che applicavo una protezione 50+ al di sotto, ho scelto di non esagerare coi prodotti cremosi.

UaFEJDcbis

Mi sono portata anche una mini taglia di Primer viso Too Faced (mai usata!) e la palettina per contouring di Makeup Revolution; è davvero un ottimo prodotto che mi sento di consigliare, soprattutto fuori casa. La terra, adatta a scolpire il viso, è pigmentata ma non troppo (cosa fondamentale fuori casa, quando non si conoscono le luci e i danni sono dietro l’angolo) e forse leggermente polverosa. L’illuminante è perfetto e il blush luminoso e duraturo.

3OByOEl

Ho portato esclusivamente la palette di ombretti Puro Bio Skin Tones: compatta, adatta al giorno e alla sera, funzionale. Completavo il trucco occhi con la matita marrone di una vecchia collezione di Kiko (che adoro. Già prevedo grandi lutti quando l’avrò terminata) e abbondante mascara Chanel Le Volume in formato omaggio. Non ho, invece, mai utilizzato l’eyeliner nero Deborah Milano.

Ovviamente non poteva mancare il mio Primer Potion Urban Decay, utilizzato quotidianamente.

53AiybM

Passiamo alla sezione labbra; cominciamo con il rossetto Velvet Teddy di Mac che non era partito con me. Casualmente mi sono imbattuta in uno store temporaneo del brand e…. ci sono cascata. Ci giravo intorno da un po’, cercando di resistere all’acquisto, poi l’ho visto lì e sono capitolata. Vi dico subito che alla fine è l’unico rossetto che ho usato per tutto il soggiorno, pomeriggio e sera. Colpo di fulmine?

Avevo comunque portato una matita labbra nude di Collistar, un rossetto MLBB (Turandot di Paola P), uno rosso (il numero 909 di Kiko) e un gloss trasparente Labello che vorrei terminare.

jAbB4Bu

Quanto agli accessori, mi sono affidata ai miei consueti pennelli da viaggio: un mini kabuki per il blush, uno a sezione sottile per la terra, un pennello piatto (mai usato) e uno piccolo di precisione per labbra o imperfezioni. Per il trucco occhi ho usato il pennello doppio – ormai fuori produzione – di H&M per applicare l’ombretto marrone nella piega esterna e sotto l’occhio, quello di Makeup Revolution (trovato in una palette) e infine il pennello da sfumatura ampia per sistemare il tutto. Immancabile un mini flacone di Brush Cleanser Mac per poter passare da un colore all’altro.

Ho cercato di portare l’essenziale, ma come ho confessato più volte nel post, numerosi prodotti sono venuti con me inutilmente. Posso quindi migliorare e ridurre ulteriormente il mio beauty per un prossimo viaggio.

Ora chiedo a voi: viaggiate compatte ed essenziali ovvero portate con voi tanti trucchi? Avete consigli da darmi per ridurre ulteriormente la mia pochette?

 

mZe5Bm5

I prodotti bye bye di Sara e Monique #31

Nuovo mese, nuovo post sui prodotti terminati, ovviamente in collaborazione con la dolcissima Fatina del blog Le Divagazioni di una fatina arancione (smack!). Ebbene, siamo già a novembre; il prossimo mese cominceremo ad annusare aria di Natale e io non sta già più nella pelle ^_^

Bando alle ciance, vi mostro ciò che ho terminato nel corso di ottobre. Questo mese, purtroppo, ho finito poche cose. Il prossimo mese andrà meglio, almeno stando alla quantità di confezioni quasi finite che mi ritrovo a casa!

BzyMWm0

Mascara Grandiose di Lancome; l’avevo acquistato l’anno scorso in cofanetto, più che altro per accaparrarmi una mini taglia del profumo La Vie Est Belle, che amo alla follia. Il mascara aveva lo scovolino in silicone con setole molto corte e manico ondulato (la ragione, al momento, mi sfugge). Di per sé non era male, ma secondo me non vale i soldi che costa. Allo stesso prezzo, preferisco sicuramente il Diorshow o Le Volume di Chanel. Insomma, devo ancora trovare il mio mascara del cuore…..

Merci Handy Gel igienizzante mani alla vaniglia; lo ricompro spesso perché è senza dubbio uno dei miei igienizzanti mani preferiti. Il costo è abbastanza alto, quindi spesso ripiego su prodotti più economici. Viaggiando quotidianamente sui mezzi pubblici, questa tipologia di prodotto non può mai mancare nella mia borsa!

Cien Hydro Hand Cream; questo tubo contiene ben 125 ml di crema e costa solo 99 centesimi. Io l’ho usata con soddisfazione per tutto il periodo primaverile/estivo: è ben idratante, ha un profumo delicato e dura parecchio. La mia preferita per l’inverno continua ad essere la “sorella” concentrata, ma questa si aggiudica un meritatissimo secondo posto sul podio! Senza dubbio la ricomprerò l’anno prossimo.

79FU7hN

Carrefour dischetti duo; purtroppo non riesco più a trovare i miei dischetti preferiti, quindi ho ripiegato su questi. Non sono male, ma continuo a preferire gli altri. Spero di ritrovarli presto….

Lycia strisce depilatorie viso; continuano a piacermi molto, anche se ormai le acquisto solo quando le trovo in offerta. Per il momento le ho sostituite con quelle della Quandoè che costano meno….

Cotoneve bastoncini cotonati; questi sono i miei cottonfiock preferiti da tenere in zona trucco. Hanno la capocchia abbastanza sottile, che mi aiuta a correggere gli errori (soprattutto con l’eyeliner…). In più sono contenuti in questa scatolina richiudibile, al riparo dalla polvere. Spesso li uso anche per sfumature precise….

Prometto di impegnarmi di più per il prossimo mese, perché questa volta sono stata un po’ scarsina 😛

Ora corro a leggere il post della Fatina (che sarà stata sicuramente bravissima!)…. venite con me? ^_^

 

SAM_2543

Nivea Care Nutrimento Profondo – Review

I prodotti per la doccia sono il mio tallone d’Achille: compro (e uso) bagnoschiuma e creme corpo in abbondanza. Quando vedo un nuovo prodotto sullo scaffale del supermercato non riesco a resistere e devo provarlo.

La Nivea Care Nutrimento profondo è una crema corpo abbastanza recente del brand; io l’avevo acquistata questa primavera e la utilizzo da circa un paio di mesi (alternata al mio olio corpo preferito). La crema è contenuta in un barattolo abbastanza pesante ed è di colore bianco. La consistenza non è quella di un burro, ma piuttosto di una crema corpo molto densa.

SAM_2537

 

Si assorbe immediatamente senza fare alcuna scia bianca, cosa che la rende perfetta per chi non ha molto tempo/voglia come me di massaggiare a lungo i prodotti. La prima cosa che mi ha attirata di questo prodotto è stata il profumo: mi ricorda tantissimo la Nivea Soft che usavo costantemente quando ero piccola. Rispetto a quest’ultima, però, la profumazione della crema Nutrimento Profondo tende a variare leggermente a contatto con la pelle ed a svanire più rapidamente.

L’idratazione è buona, ma non eccezionale: ad essere sincera ho provato creme corpo più idratanti (ad esempio la crema all’olio di Argan de L’Erbolario, che continua a rimanere la mia preferita in assoluto). Per il periodo estivo e per una pelle come la mia (secca, ma non troppo) è perfetta, ma forse potrebbe rivelarsi insufficiente nei mesi invernali.

SAM_2542

Il prodotto è comunque molto delicato, tanto da non aver provocato fastidi o irritazioni nemmeno ad una pelle estremamente sensibile come la mia. Una volta applicata regala una sensazione di freschezza e leggerezza, senza occludere minimamente la pelle.

SAM_2549

La crema ha un costo di circa 5 € (io l’ho acquistata in offerta) e un pao di 12 mesi dall’apertura; io possiedo il barattolo da 400 ml di prodotto, ma so che la crema è venduta anche in un formato più piccolo da 200 ml nonhè in travelsize. In conclusione promuovo la Nivea Care Nutrimento profondo per la sua rapidità di utilizzo, per il prezzo e per il profumo (almeno a primo impatto), ma credo che cercherò qualcosa di più idratante per il periodo invernale.

SAM_2551

Ora chiedo a voi: avete una crema corpo del cuore che non vi delude mai per idratazione, prezzo e rapidità di assorbimento? Oppure avete una crema dell’infanzia, al profumo della quale siete legati per ragioni di nostalgia?

SAM_2525

I prodotti bye bye di Sara e Monique #29

Dopo una piccola pausa estiva del post, eccomi tornata insieme alla Fatina più dolce del reame bloggifero (del Blog Le Divagazioni di una Fatina Arancione) a parlarvi dei prodotti terminati dell’ultimo periodo. Sono a dir poco fiera di me, in quanto sono riuscita a sterminare l’inverosimile. Perché, alla fine, queste sono delle piccole-grandi soddisfazioni.

SAM_2514

– Collistar, attivi puri capsule anticellulite; quest’anno mi sono applicata molto nella lotta contro gli inestetismi. Ho voluto provare queste capsule (che, a differenza del nome, non vanno ingerite, ma spalmate) monodose altamente concentrate. Il barattolo in vetro contiene quindici capsule – una al giorno – da applicare al mattino; la mia confezione conteneva anche un siero (consigliatomi dalla mia affezionatissima Bridget del blog L’Eleganza del Riccio) da applicare alla sera, che non ho ancora terminato. Le capsule erano molto efficaci, ma purtroppo ci mettevano troppo ad assorbirsi, soprattutto considerando che dovevano essere applicate al mattino. Inoltre gli ingredienti – all’interno di ogni singola capsulina – tendevano a separarsi, lasciando tutto il concentrato di caffeina al fondo. Insomma, considerato il costo, il lento assorbimento e gli ingredienti non perfettamente amalgamati, non so se le ricomprerei.

Yves Rocher Minceur Intensive; non mi dilungo più di tanto, ma vi rimando alla recensione che ho scritto recentemente. Come potete notare ne ho terminati due tubetti e ne ho ancora uno da utilizzare nell’armadio.

SAM_2516

Cien Sos concetrate crema mani; anche in questo caso vi rimando alla recensione dedicata al prodotto in questione. E’ una crema mani che mi piace molto, soprattutto nel periodo invernale. Ora, dal momento che le mie mani sono meno secche, ho deciso di provare crema più leggera, sempre del medesimo brand.

– Gel disinfettante mani Amuchina e Yves Rocher; io lavoro in centro e prendo i mezzi pubblici due volte al giorno; questa tipologia di prodotto, dunque, non può mai mancare nella mia borsa. Il gel Amuchina ha – a mio avviso – un pessimo odore, mentre quello di Yves Rocher finisce troppo in fretta ed ha una confezione scomoda. In sostanza nessuno dei due ha soppiantato il mio adorato Mercy Hands alla vaniglia nera!

SAM_2518

Franck Provost 24 h Mousse Expert Ricci; indiscusso holy grail che non manca mai nel mio bagno. Ovviamente riacquistato.

– Ttes Balsamo Nutritivo all’argan; acquistato senza aspettative da Tigotà, ho amato e adorato alla follia questo balsamo! Non costa molto (circa 3/4 euro), ha un buon profumo e rende bellissimi i miei ricci. Era altamente districante e ne bastava poco per riuscire a pettinare una chioma ribelle come la mia. In fase di asciugatura, infatti, i capelli risultavano ben definiti e molto leggeri; vedevo istantaneamente la differenza rispetto a quando utilizzavo altri balsami. Al momento sto cercando di terminare i vari flaconi che ho nel mobiletto, ma poi lo ricomprerò sicuramente.

SAM_2521

– Dischetti di cotone Carrefour; immancabili.

– Quadrotti Cotonet; altri fedelissimi, in questo caso per struccare il viso.

– Salviettine umide; pacchetti onnipresenti nelle mie borse per pulirmi le mani al volo. In vacanza più che mai 😉

SAM_2525

– L’Oreal Olio Straordinario latte detergente; lo utilizzavo in combinato ai quadrotti di cotone per struccarmi il viso. Mi è piaciuto tantissimo: efficace, delicato, non bruciava gli occhi – ammetto pubblicamente che la notte, quando non avevo voglia di struccarmi, lo passavo rapidamente su tutto il viso, occhi compresi – economico (3 euro in offerta). Insomma, mi è piaciuto così tanto che l’ho già ricomprato!

Avene Crema solare spf 50+; ottima crema solare, anche se troppo spessa per la mia pelle mista. Infatti ho deciso di ricomprare l’emulsione (sempre Avene), che risulta leggermente più leggera sul viso.

– Mac Prep&Prime Lotion spf 50; definirei questo prodotto una “protezione da città”. Non lo utilizzerei in spiaggia, ma sotto i fondotinta in estate fa egregiamente il suo lavoro. Io preferisco sempre proteggere quotidianamente il mio viso, anche in città. E’ molto leggero, si assorbe rapidamente e non lucida tanto quanto le normali creme solari. Ovviamente l’ho riacquistato.

– Olio essenziale di Tea Tree; lo uso sulle imperfezioni che mi compaiono sul viso una volta al mese. Mi piace la sua efficacia e il suo rapporto qualità – prezzo: con un flacone vado avanti almeno due anni! Anche lui è stato immediatamente sostituito.

SAM_2528

– L’Erbolario Crema viso antirughe; sul mio viso questa crema aveva un pessimo effetto e mi provocava rossori allucinanti, scatenando la mia couperose. Così ho dovuto terminarla sui piedi. Pensare che ho pagato 30 euro un flacone minuscolo (circa 30 ml) di crema che poi è finita sui piedi mi fa salire la rabbia. Mai più!

– Mac campioncino Face&Body fondotinta; ogni volta mi faccio regalare un campione di questo fondo, ma alla fine non mi decido mai ad acquistarlo perché mi lucida davvero troppo sul naso. A questo proposito chiedo a voi: avete un fondotinta leggero da consigliarmi? Da quando ho terminato la mia adorata CC Cream mi sento orfana….

Yves Rocher Olio secco nutriente; non vi tedio ulteriormente parlandovene, ma vi rimando alla recensione. Al momento ne sto terminando un altro flacone.

– Saponetta alla Canapa; la usavo per lavarmi le mani. Senza infamia e senza lode.

Bene, eccoci giunti alla fine di questo post. Cosa avete terminato voi durante le vacanze? Abbiamo prodotti in comune? Vi aspetto nei commenti!

 


 

SAM_2474

I prodotti bye bye di Sara e Monique #28

Dopo un piccolo periodo di pausa dal blog, dettato da alcuni sconvolgimenti (positivi!) che ci sono stati nella mia vita, ricomincio subito con uno dei post più apprezzati, quello in collaborazione con la dolcissima Fatina (del blog Le Divagazioni di una Fatina Arancione) a proposito dei prodotti terminati nell’ultimo periodo.

Questa volta i prodotti sono tanti, quindi…bando alle ciance, comincio subito a parlarvene.

SAM_2474

– Cien Care burrocacao; burrocacao senza infamia e senza lode. Acquistato alla Lidl, è molto economico (un pacchetto da tre pezzi costa poco più di un euro) ma scarsamente idratante. Utilizzabile nel periodo estivo, secondo me è altamente sconsigliato in inverno.

Yves Rocher bagnoschiuma Monoi de Tahiti; come si può notare dal vecchio packaging, l’avevo acquistato tantissimo tempo fa. E’ un ottimo bagnoschiuma: economico, delicato ma lavante, dal profumo inebriante. A casa ho moltissimi prodotti simili da terminare, quindi nell’immediato non lo ricompro, ma non è escluso che io scelga di acquistarlo la prossima estate. Il prodotto è indicato anche per i capelli, ma ammetto di averlo utilizzato esclusivamente sul corpo. Se vi piace il profumo al Monoi, allora dovete assolutamente provarlo!

– Merci Handy gel antibatterico mani; questo gel per le mani compare spesso nei miei post sui prodotti terminati. Mi piace moltissimo il suo profumo vanigliato, ma odio il suo prezzo non propriamente economico. Così per il momento ho scelto di non ricomprarlo e di utilizzare qualcosa di meno costoso. Urge vostro consiglio: quale è, secondo voi, il miglior gel detergente / disinfettante per le mani?

SAM_2481

Shampoo Ultra Dolce Garnier Ricette di Provenza alla Lavanda ed estratto di Rosa; tra le linee di prodotti per capelli da supermercato, la Ultra Dolce è sicuramente quella che prediligo. E anche questo shampoo non ha fatto eccezione: delicato, lavante, dal profumo piacevole. Aveva una consistenza in gel bella densa, che non scivolava via dalle mani; il profumo era dolce, ma non stucchevole (la lavanda preponderate, ma si percepiva bene anche la rosa). Al momento sto cercando di terminare tutti i prodotti che ho nel bagno (uno dei quali mi sta piacendo molto, stay tuned), ma al prossimo giro mi piacerebbe provare la nuova linea all’Avena.

Yves Rocher Pur Bluet Struccante Bifasico; ormai sapete che è il mio struccante preferito che finisco e ricompro. Vi rimando alla recensione per ogni ulteriore dettaglio.

SAM_2482

Invisibobble; non ho resistito e ho voluto mostrarvi la barbara fine che ho fatto fare ad un povero Invisibobble 😀 Non chiedetemi come sia successo, ma mentre mi legavo i capelli si è aperto ed è partito a mò di shuttle schiantandosi miseramente contro il muro del bagno. Insomma, l’effetto molla ha funzionato a meraviglia….. ahahah!

Sephora Top Coat Effetto Gel; è un buon top coat, ma secondo me potrebbe essere migliorato. Innanzi tutto si secca alla velocità della luce (infatti il flacone non è finito, ma è diventato totalmente inutilizzabile). L’effetto gel c’è ed è visibile, ma a volte notavo che tendeva a far sfogliare lo smalto al di sotto. Diciamo che è un prodotto discreto ad un prezzo accessibile (circa 5 €), ma al momento ho scelto di provare il blasonato Top Coat Abricot di Dior.

Clinique All About Eyes; questo è sicuramente il mio contorno occhi preferito – evah. Lo so che contiene un tripudio di siliconi, ma lo amo alla follia. Nonostante ciò ho deciso di fare una piccola pausa da lui e di provare altro. Così mi sono lasciata tentare dal contorno occhi alla Melagrana della Cien; ovviamente vi farò sapere se è stato in grado di spodestare il mio adorato Clinique dal primo gradino del podio.

SAM_2477

Sephora Scrub Corpo Tè Verde; non so per quale motivo mi ero lasciata tentare da questo prodotto. Secondo me è quasi totalmente inutile! I granelli sono troppo pochi e troppo delicati per esfoliare adeguatamente la pelle, perfino quella sensibile come la mia. Usarlo o non usarlo era davvero la stessa cosa! Al momento sto terminando una confezione monodose del Thalasso scrub della Geomar, che adoro. In seguito utilizzerò quello all’albicocca di Yves Rocher, che mi è stato gentilmente omaggiato in bottega al completamento della tessera punti.

Deodorante Auchan; ed ecco a voi l’ultimo esemplare rimasto sulla faccia della terra del mio deodorante della vita. Purtroppo la ditta ha scelto di non produrlo più, con mio sommo dispiacere. Era efficace, economico e molto delicato; riuscirò mai a farmene una ragione? 🙁

Yves Rocher Gel Disinfettante mani alla calendula; a proposito di gel per le mani, ecco che compare un altro flacone vuoto. In mia discolpa devo ammettere di utilizzare quotidianamente i mezzi pubblici, quindi sono totalmente dipendente da questa tipologia di prodotto. Questo di Yves Rocher non è male, ha un buon profumino ed è anche tutto sommato idratante. Però non mi sembra molto disinfettante….

SAM_2484

Cotonet quadrotti di cotone; senza dubbio i miei preferiti per struccare il viso. Già ricomprati!

Carrefour e Floralys Papier Toilette Umide; stessa tipologia di prodotto (salviette umide che, all’occorrenza, possono essere utilizzate anche in zone intime), ma marchi differenti. Quelle della Floralys (acquistate alla Lidl) non mi sono piaciute affatto: la linguetta aveva perso la sua proprietà adesiva dopo un paio di utilizzi, così tutto il liquido di cui erano imbevute le salviette si era disperso nella mia borsa. La confezione, inoltre, si era tagliata in un angolo, procurandomi un nuovo insozzamento del contenuto della mia borsetta. Infine, le salviette sembravano davvero di carta, tanto che si strappavano letteralmente solamente passandole sulle mani. Insomma, vi consiglio di starne alla larga! Altamente approvate ed adorate, invece, quelle della Carrefour.

Ed eccomi giunta alla fine della carrellata di prodotti terminati; per questo mese direi che non posso lamentarmi 😉

Ora chiedo a voi: cosa avete terminato ultimamente? Abbiamo prodotti in comune?

 

I prodotti Bye Bye di Sara e Monique! #25

Per la serie “chi non muore si rivede”, eccomi tornata su questi lidi. Purtroppo una serie di “sconvolgimenti” dell’ultimo periodo mi hanno tenuta lontana dal web. Ho cambiato lavoro, il che ha assorbito la maggior parte delle mie energie delle scorso mese. Ma ora, finalmente, ho trovato una nuova routine giornaliera e sono pronta a riprendere in mano tutte le mie passioni, blog compreso. Mi scuso, quindi, tantissimo, con tutte le mie lettrici e le mie “colleghe” blogger per la mia latitanza, ma vi assicuro che d’ora in avanti tornerà tutto come prima.

Bando alle ciance, quale modo migliore per consacrare il mio ritorno su questi schermi che dedicarmi al post sui prodotti terminati? Ovviamente sempre in compagnia della dolcissima Fatina del blog Le divagazioni di una fatina arancione.

Purtroppo il mio mese di marzo è stato poco proficuo anche dal punto di vista dello smaltimento…

SAM_2457

Dischetti di cotone Carrefour Discount. Una domanda mi sorge spontanea: devo ancora spendere parole per loro? 😛 Ormai è palese il mio amore per questi dischetti, che compro e ricompro continuamente.

– Salviettine Bimbo Bel (Simply) e Papier Toilet (Carrefour); anche in questo caso evito di annoiarvi con due prodotti che compaiono costantemente nei miei post sui prodotti terminati. Quelle marchiate Simply sono sicuramente le mie preferite da tenere in borsa: grandi, profumate e molto economiche.

– Quando è dischetti di cotone grandi; non mi sono piaciuti affatto. Erano sottili, poco morbidi e si sfaldavano facilmente. Sono tornata ai miei adorati quadrotti della Cotonet.

SAM_2459

– Logona Daily Care crema all’aloe; una sola parola… finalmente. Non mi è piaciuta affatto e alla fine l’ho terminata utilizzandola sui piedi e sulle mani. Era davvero troppo compatta, molto unta e dall’odore poco invitante. Teoricamente poteva essere utilizzata anche sul viso, ma dopo averci provato una volta, ho capito che non era cosa. E’ stato faticoso, ma alla fine sono riuscita a liberarmi di lei; a mai più!

Cien SOS Concentrate; non mi dilungo più di tanto su questo prodotto, ma vi rimando alla recensione che gli ho dedicato ultimamente. Mi è piaciuta così tanto che l’ho già riacquistata. Credo di aver trovato la crema mani della mia vita!

Yves Rocher Pur Bluet struccante occhi bifasico; rimaniamo in tema di holy grail. E’ sicuramente il mio struccante preferito evah per il suo rapporto qualità – prezzo. Ovviamente l’ho già riacquistato e ci tengo a segnalare che nel mese di aprile sarà in offerta per tutti i possessori della fidelity card.

SAM_2463

– H&M Lip Balm; avevo acquistato questo prodotto per curiosità in una delle mie incursioni da H&M, attirata dalla profumazione Vanilla Apple. La fragranza non era poi così allettante (mi ricordava terribilmente una Yankee Candle- il che non è il massimo per un prodotto che va applicato sulle labbra, ovvero sotto al naso!) e la quantità di prodotto I-N-T-E-R-M-I-N-A-B-I-L-E. Per farvi capire, il tubetto era delle stesse dimensioni di una colla stick, il formato maxi. ù.ù Ho impiegato una vita a terminarlo e vi posso assicurare che mi è passata la fantasia di riacquistarlo in futuro. Ah, per dovere di cronaca vi segnalo che il primo ingrediente era la Paraffina…

– Mercy Handy Black Vanilla, gel igienizzante mani; adoro questo prodotto! L’ho acquistato per pura curiosità da Sephora e me ne sono totalmente e inesorabilmente innamorata. Contrariamente a tutti gli altri prodotti simili, questo igienizzante mani ha un profumo inebriante… Peccato per il prezzo che lo rende un po’ meno fantastico.

– Sephora Papier Matifiants; con la mia pelle mista non posso fare a meno di questo genere di prodotto. Queste di Sephora non sono male, ma non apprezzo particolarmente la loro caratteristica principale: la presenza di talco. Innanzi tutto hanno un colore molto chiaro, che per me – mozzarella cronica – non è così problematico. Ciò che mi disturba di più è che non posso utilizzarle senza specchio, ma devo per forza controllare il mio viso dopo averle applicate, per evitare macchie di non-colore. Al momento ho acquistato quelle di Essence, ma devo ancora trovare le cartine sebo assorbenti della mia vita. A tal proposito chiedo a voi: quali mi consigliereste? Quali sono le vostre preferite?

Alla prossima!

20151031_134214

Parole di Burro, Lush – Review

Buonasera a tutti e benvenuti ad una nuova recensione sul mio blog.

Oggi voglio parlarvi di un prodotto che o scoperto l’anno scorso e del quale non posso più fare a meno. Si tratta di Parole di Burro, un burro corpo idratante in forma solida. Ve l’ho mostrato recentemente sulla mia pagina Facebook e, visto il vostro riscontro positivo, ho deciso di dedicargli un post sul mio blog.

20151031_134214

Ho deciso di acquistare questo prodotto per ovviare ai momenti di pigrizia, quando dopo la doccia non ho voglia/tempo di applicare la crema idratante. Parole di Burro si è rivelato perfetto per questo scopo: è molto pratico e veloce da utilizzare e idrata perfettamente la mia pelle secca.

Ecco come lo utilizzo: senza uscire dalla doccia, ancora con la pelle bagnata (cerco di fare l’ultimo risciacquo con acqua molto calda, in modo da preparare bene la pelle) passo sul corpo Parole di Burro, come fosse una saponetta. Poi lo ripongo e con le mani inizio a massaggiare l’emulsione che si viene a creare, insistendo sulle zone più secche. Dopo di che sono pronta per indossare l’accappatoio e per vestirmi immediatamente.

SAM_2083

Dopo l’utilizzo è importante riporre il burro in un luogo arieggiato, per permettergli di asciugarsi correttamente.

Parole di burro è molto idratante e si scioglie immediatamente a contatto col calore del corpo, ma non lascia assolutamente la pelle unta come con l’utilizzo degli oli. E’, infatti, possibile vestirsi immediatamente dopo averlo utilizzato. Quando la mia pelle è particolarmente stressata e squamata lo applico quotidianamente prima di un’altra crema idratante; il lavoro congiunto di due prodotti diventa un toccasana!

SAM_2081

Il profumo è molto delicato e naturale; so che a non tutti piace, ma io personalmente lo trovo poco invasivo e adatto ad essere associato ad una spruzzata di profumo 😉

Ora veniamo alle note dolenti di questo prodotto: si consuma davvero rapidamente e non è per nulla economico. Sul sito di Lush (dove potete anche leggere gli ingredienti) o in qualsiasi bottega del brand, il panetto costa 9,95 € per 75 grammi. Non so se sia un problema del prodotto oppure se la colpa sia mia che lo uso troppo spesso, ma vi assicuro che si consuma molto, molto rapidamente. Ad occhio e croce direi che un panetto dura per una decina di applicazioni.

Nelle botteghe vendono anche una scatola in latta quadrata adatta alla conservazione di Parole di Burro; io personalmente ho scelto di non acquistarla e lo ripongo comodamente in un portasaponetta (quelli da viaggio, con delle fessure sul fondo che permettono il passaggio dell’aria).

In conclusione sto adorando questo balsamo solido di Lush e, sebbene non sia un prodotto economico, lo ricomprerò sicuramente (magari alternandolo a creme corpo meno costose).

Voi l’avete mai provato? Cosa ne pensate dei prodotti Lush? Cosa mi consigliereste di provare?

SAM_2196

Un mese in cinque punti!

Puntuale come un orologio svizzero con la batteria ferma, eccomi qui a parlarvi del mio mese di gennaio e dei cinque punti che l’hanno caratterizzato. Ovviamente il post è in collaborazione con la frizzantissima Bridget del blog L’Eleganza del Riccio Beauty Blog e *qui* potete leggere il suo post in collaborazione con me.

Come si suol dire, anno nuovo-abitudini nuove (è così il detto, vero? 😛 ). Quindi è stato difficilissimo per me scegliere solo cinque punti per un mese ricco di tanti cambiamenti. Parto subito a mostrarvi ciò che ho selezionato per voi.

  • Catrice Lip Glow – One shade fits all

SAM_2183

Lo ammetto pubblicamente: a gennaio sono andata totalmente in fissa con i balsami labbra che reagiscono con il ph della pelle e regalano un colorito molto naturale. La mia idea iniziale era di regalarmi il blasonato prodotto Dior, poi ho fatto i conti con i miei scarsi risparmi (sono una PORACCIA, I Know!) e ho scelto la versione di Catrice. In realtà non sono rimasta affatto delusa e ho trovato proprio ciò che cercavo: un balsamo abbastanza idratante, da applicare in scioltezza e che donasse un aspetto sano alle mie labbra (quando non applico rossetti). Lui giace comodamente e costantemente nella mia borsa e lo utilizzo all’occorrenza.

  • Ombretto in crema Pupa Vamp n. 100

SAM_2171

Come avrete visto nel mio post sui prodotti terminati di dicembre – se non lo avete ancora letto ve lo linko qui – ho deciso di gettare qualche vecchio prodotto di make-up, tra cui un ombretto in crema di Catrice che utilizzavo per i miei trucchi quotidiani. Ecco a voi, quindi, il suo erede: Sir Pupa Vamp! E’ un colore pescato glitterato, con riflessi champagne – descrizione chiarissima, vero?! – che si adatta perfettamente al tono della mia pelle. In sostanza copre perfettamente i rossori naturali delle mie palpebre, senza risultare eccessivo per un trucco da giorno. Insomma, lo adoro e lo sto utilizzando con soddisfazione. Per di più è perfetto per i trucchi ultra rapidi del mattino: lo prelevo direttamente con i polpastrelli e lo applico in tempo record. Adovvvvo!

  • Ombretto Nabla Wild Side

SAM_2247

 

In coppia con il punto precedente, ecco il mio holy-grail quotidiano per dare un po’ di tridimensionalità alle mie palpebre naturalmente sfornite di “piega”. Non sto scherzando, le mie palpebre cadenti possono essere davvero imbarazzanti. Dal momento che al mattino non ho la capacità di effettuare sfumature impegnative con colori molto pigmentati, mi affido con estrema soddisfazione a Wild Side. E’ un colore intermedio, non molto evidente, non troppo freddo (come Fossil), ma nemmeno troppo caldo (come Caramel). Insomma, è perfetto per il mio tono di pelle. Riesco a regalare tridimensionalità al trucco, senza essere mai eccessiva. Alla prossima promozione di Nabla sugli ombretti penso che ne acquisterò un backup perché non posso pensare di rimanere senza. Mai.

  • Lucasonic

SAM_2205

Nel 2016 mi sono decisa anche io – finalmente potreste aggiungere voi – ad utilizzare un qualche “attrezzo” per la pulizia del mio viso. Data la mia pelle estremamente delicata, ho deciso di evitare spazzoline rotanti che mi danno l’idea di essere veramente efficaci, ma anche aggressive. Ero decisa a puntare sul Foreo, ma accidenti che prezzi! In cerca di una soluzione leggermente – eufemismo – più economica sono approdata sul sito di Amazon.it e mi sono imbattuta in questo delizioso oggetto di nome Lucasonic. L’immagine che compare sul sito di Amazon è fuorviante perché l’oggetto è pressoché identico al Foreo, solo molto più economico (costa circa 25 €). Arriva compreso di scatola e vi assicuro che funziona alla perfezione. Lo utilizzo due volte alla settimana da un mese ormai e lo sto adorando. Quando mi sarò fatta un’opinione più precisa, ve ne parlerò sicuramente in un post di recensione.

  • Quo vado
fonte: http://www.comingsoon.it/film/quo-vado/52686/scheda/

fonte: http://www.comingsoon.it/film/quo-vado/52686/scheda/

Come non parlare dell’ultimo film di Checco Zalone, record di incassi al botteghino? Anche io mi sono fatta trascinare dalla comicità dell’attore e sono andata al cinema a vedere il film. Senza dubbio è divertente, ma credo di aver apprezzato di più il suo lavoro precedente “Sole a catinelle”. Anche se, devo ammetterlo, Checco sa giocare abilmente con i temi caldi della società italiana e sa descrivere in modo ironico e sagace i problemi che la affliggono.

E voi cosa ne pensate di questo film? L’avete visto? Vi è piaciuto?

Al prossimo mese!